24 7 / 2014

Carla Accardi (Trapani, 1924 – Roma, 2014)
Integrazione lunga
1958, Galleria Nazionale d’Arte Moderna, Roma
tempera alla caseina su tela, cm 64,5 x 232
-
Carla Accardi era na granne artista e pure na gran donna. Nun è detto, eh. Uno o una ponno esse granni artisti ma allo stesso tempo anche granni pezzi de merda o persone insurse, noiose, maleducate, o co idee der cazzo.
Lei è stata na femminista e na communista ma soprattutto ha sottolineato quant’è importante pe ‘n artista esse libero. E pure pe na donna, e pe ‘n essere umano, se intenne.
Ad esempio, quanno che er Partito Communista de allora (‘o so che a parecchi de voi giovani truzzi pare assurdo ma in Italia c’è stato un Partito Communista) dava direttive tipo Realismo Socialista, ossia che l’arte doveva da raffigurà ‘a vita e il lavoro dell’operai, i quartieracci daa periferia, ‘a lotta de classe, ‘e vittorie der proletariato, bè l’Accardi e l’antri compari sua dell’epoca, che se faceveno chiamà Forma 1 (no Formula Uno, Forma Uno), se ribellaveno, e j’hanno detto “Abbelli, noi semo communisti come voi, però noi semo artisti e voi no, e noi volemo fà l’arte astratta, quinni ciao core”. Come a dì che uno pò avecce n’idea politica ma nun è che pe forza ‘a deve rappresentà co ‘e figurine  e ‘e storielle: na composizione de forme e colori in libertà pò esse più rivoluzionaria daa scurtura de n’operaio e na contadina co ‘a farce e eer martello in mano e ‘o sguardo retoricamente rivorto ar futuro.
Insomma, l’artista deve esse libero: pure libero de esprime l’idee politiche sue o de denuncià na cosa che je pare sbajata, si vole, ma ‘o deve fà da artista; e si decide invece de parlà de farfalle o de amore o de gnente, ‘o pò fà, e nun è che pe questo sarà a priori più o meno bravo. E questo si me posso permette è na cosa che vale na cifra pure oggi, che ce sta gente che je piace ‘n artista no perché vale, ma perché è der partito suo o perché nun è de nessun partito o perché va aa stessa parocchia: ma ‘nartista va giudicato pe l’arte sua e no pe quello che vota o che crede o che dice nee interviste.
Ma tornamo a Carletta. Lei de cose ne ha dette e ne ha scritte, ha fatto manifesti e espresso idee precise. Però, come artista, in quasi tutta l’opera sua usa na specie de scrittura astratta, come un corsivo che nun dice parole. Somija un po’ aa scrittura araba, che si nun sai ‘a lingua pare popo un ghirigoro. E nun se scordamo che l’esseri umani hanno usato le immaggini prima ancora de inventà ‘a scrittura; e molte scritture antiche, tipo i geroglifici dell’eggiziani, o anche moderne, tipo l’ideogrammi giapponesi, usano l’immagine come segno pe na parola. Poi i fenici se sò inventati l’arfabeto che ogni lettera è sempre un’immaggine, un segno, che però corisponne a un sòno. E per cui te ne bastano na ventina invece de quarantamila, che è na granne svorta. Però er segno, si ‘o guardi solo come forma, pò esse bello senza dì né sòni né parole. E pò esse bello pure fallo, er segno, come quanno scarabbocchi in automatico mentre stai ar telefono o durante ‘a lezione de matematica. E l’Accardi fa come sti granni intrecci de finta scrittura. Certe vorte usa solo bianco e nero, come qua, antre vorte colori sgargianti che parono quelli dii graffiti pe strada, antre vorte ancora colora superfici trasparenti. E te parla cor linguaggio umano e universale daa bellezza. E dije ne no.

Carla Accardi (Trapani, 1924 – Roma, 2014)

Integrazione lunga

1958, Galleria Nazionale d’Arte Moderna, Roma

tempera alla caseina su tela, cm 64,5 x 232

-

Carla Accardi era na granne artista e pure na gran donna. Nun è detto, eh. Uno o una ponno esse granni artisti ma allo stesso tempo anche granni pezzi de merda o persone insurse, noiose, maleducate, o co idee der cazzo.

Lei è stata na femminista e na communista ma soprattutto ha sottolineato quant’è importante pe ‘n artista esse libero. E pure pe na donna, e pe ‘n essere umano, se intenne.

Ad esempio, quanno che er Partito Communista de allora (‘o so che a parecchi de voi giovani truzzi pare assurdo ma in Italia c’è stato un Partito Communista) dava direttive tipo Realismo Socialista, ossia che l’arte doveva da raffigurà ‘a vita e il lavoro dell’operai, i quartieracci daa periferia, ‘a lotta de classe, ‘e vittorie der proletariato, bè l’Accardi e l’antri compari sua dell’epoca, che se faceveno chiamà Forma 1 (no Formula Uno, Forma Uno), se ribellaveno, e j’hanno detto “Abbelli, noi semo communisti come voi, però noi semo artisti e voi no, e noi volemo fà l’arte astratta, quinni ciao core”. Come a dì che uno pò avecce n’idea politica ma nun è che pe forza ‘a deve rappresentà co ‘e figurine  e ‘e storielle: na composizione de forme e colori in libertà pò esse più rivoluzionaria daa scurtura de n’operaio e na contadina co ‘a farce e eer martello in mano e ‘o sguardo retoricamente rivorto ar futuro.

Insomma, l’artista deve esse libero: pure libero de esprime l’idee politiche sue o de denuncià na cosa che je pare sbajata, si vole, ma ‘o deve fà da artista; e si decide invece de parlà de farfalle o de amore o de gnente, ‘o pò fà, e nun è che pe questo sarà a priori più o meno bravo. E questo si me posso permette è na cosa che vale na cifra pure oggi, che ce sta gente che je piace ‘n artista no perché vale, ma perché è der partito suo o perché nun è de nessun partito o perché va aa stessa parocchia: ma ‘nartista va giudicato pe l’arte sua e no pe quello che vota o che crede o che dice nee interviste.

Ma tornamo a Carletta. Lei de cose ne ha dette e ne ha scritte, ha fatto manifesti e espresso idee precise. Però, come artista, in quasi tutta l’opera sua usa na specie de scrittura astratta, come un corsivo che nun dice parole. Somija un po’ aa scrittura araba, che si nun sai ‘a lingua pare popo un ghirigoro. E nun se scordamo che l’esseri umani hanno usato le immaggini prima ancora de inventà ‘a scrittura; e molte scritture antiche, tipo i geroglifici dell’eggiziani, o anche moderne, tipo l’ideogrammi giapponesi, usano l’immagine come segno pe na parola. Poi i fenici se sò inventati l’arfabeto che ogni lettera è sempre un’immaggine, un segno, che però corisponne a un sòno. E per cui te ne bastano na ventina invece de quarantamila, che è na granne svorta. Però er segno, si ‘o guardi solo come forma, pò esse bello senza dì né sòni né parole. E pò esse bello pure fallo, er segno, come quanno scarabbocchi in automatico mentre stai ar telefono o durante ‘a lezione de matematica. E l’Accardi fa come sti granni intrecci de finta scrittura. Certe vorte usa solo bianco e nero, come qua, antre vorte colori sgargianti che parono quelli dii graffiti pe strada, antre vorte ancora colora superfici trasparenti. E te parla cor linguaggio umano e universale daa bellezza. E dije ne no.

17 7 / 2014

Pittore della tomba di Nefertari

La regina Nefertari in posizione di preghiera

circa 1298–1235 a. C., Tebe, Tomba di Nefertari

pittura murale, 120 × 83 cm

-

Stele di Nemtiui

Primo periodo intermedio (2192 a.C. al 2040 a.C.); forse proveniente da Akhmim, ora a Hildesheim (Germania), Roemer und Pelizaeus Museum

Pietra calcarea, pittura su intonaco, h 48.5 cm.

-

Pe capì perché ‘e figure che faceveno l’egiziani sò così strane, bisogna scordasse pe n’attimo er modo nostro de vedè ‘e cose. Noi semo abituati che n’immagine deve da esse er più possibbile uguale a quello che vò rappresentà, come fosse na fotografia. E’ perché venimo da secoli de arte classica, ndove er concetto de base era ‘a “mimesi”, ossia che l’arte deve esse copia daa reartà.

Ma ce sò dee vorte in cui l’esattezza è meno importante daa riconoscibbilità. Te faccio n’esempio. Quanno che vai a un bagno pubblico, cerchi ‘a figurina omo o donna pe capì qual è ‘a porta giusta. Mo, nun è che l’omo è veramente fatto così, ‘a testa tonda, du zeppi pee gambe e du zeppi pee braccia, e ‘a donna uguale ma co na cosa triangolare che sarebbe er vestito: ma è pe fatte capì ar volo, “questo è n’omo e questa è na donna”, che magari vai pure de fretta che taa stai a fà sotto e nun te ne frega gnente che l’omo magari cià la barba o la donna i capelli lunghi e le ombre o i muscoli o i particolari l’occhi er naso ‘a bocca: “omo” / “donna”, tanto basta. E’ come si ce fosse scritto, “omo” e “donna”: solo che na figura ‘a ponno capì pure i stranieri che parleno n’antra lingua o li regazzini che ancora nun sanno legge.

Ecco. L’egiziani, quanno che te fanno er faraone o ‘a reggina o er dio Osiride, nun je interessa de fatte vedè che faccia ciaveva pe davero o de mettetelo in prospettiva o sotto na certa luce: te vonno dì, “questo è er faraone” o “questa è ‘a dea Iside”. Che anfatti pure ‘a scrittura loro, i geroglifici, aa fin fine è fatta così, na figurina stilizzata pe dì na parola, un concetto.

Quinni, prima de tutto, tocca fà capì che sò esseri umani. E ‘a faccia è de profilo, perché se capisce mejo che è na faccia si se vede ‘a linea der naso fronte mento; invece l’occhio è visto de fronte, perché se capisce mejo che è n’occhio. Infatti si te do un fojo de carta e te dico “disegname un occhio” sicuro a palla che me ‘o fai de fronte, caa pupilla e ‘e cija, piuttosto che de profilo che pare un ventajo un bocciolo un boh ma che è. E così, er busto de fronte ma ‘e gambe de profilo. E ‘e mani uguali, ‘a destra come ‘a sinistra, perché sò mani e basta. Dopo de che, pe specificà, er faraone cià un certo cappello e er dio Anubbi cià ‘a faccia de cane e ‘o scrivano er blocco notes, ma pe er resto sò tutti uguali, ma no perché l’egizziani s’assomijoveno tutti: non più de quanto s’assomijiamo noi, pure che in tutti i bagni der monno l’omino e ‘a donnina sò fatti a ‘o stesso modo.

10 7 / 2014

Tempietto longobardo (oggi Oratorio di s. Maria in Valle)

Metà VIII sec. d. C., Cividale del Friuli

Aula quadrata con volta a crociera, e presbiterio più basso tripartito da colonne; decorazione interna a stucco e affresco

-

Sto tempietto è na meravija, pare un gioiello de stucco, resta de stucco è un barbatrucco, verebbe da dì. Stamo nell’Arto Medioevo, vale a dì quer periodo der Medioevo più a ridosso daa fine d’iimpero romano, quanno che i vari popoli diciamo invasori se ammischieno co i latini e pure co ‘e rimanenze de chi ce stava prima dii romani, a vorte, e nascheno e se sviluppeno vari regni, ducati e principati, tipo qua er ducato dii Longobardi (che danno er nome aa Lombardia). E sò popo li duchi che commissionano sto tempietto: che pure i Longobardi, da guerieri rozzi che ereno, s’ereno ripuliti, battezzati, e imparati (vedi dunque che pure pe li truzzi c’è speranza). E spesso s’è detto che l’arte de sto periodo è sgraziata, brutta, rozza, “barbarica”: ma qui in reartà vedemo na granne bravura e pure na certa sciccheria, che ce sta ’a semprificazione medievale ma pure quarche ricordo bizantino e perfino na certa solennità classica. Insomma un putpurrì, ma bono come n’insalatina mista.

Cominciamo anche cor capì che quanno diciamo “barbaro” oggi vor dì “incivile”, tipo uno che fa dee cose popo trucide esaggerate tipo ammazza li regazzini, ma anche se comporta male tipo nun sa usà ‘a forchetta e magna chee mano, rutta, mena, nun sa legge e vive come ‘e bestie, insomma diciamo un gradinello sotto ar truzzo standard. Ma ‘a parola “barbaro” l’hanno inventata li Greci, che essenno tutti raffinati e pieni de curtura, caa loro caratteristica puzza sotto ar naso schifaveno tutti quelli che nun ereno come loro, ossia Greci: che li chiamaveno “Oi barbaroi”, dar sòno che seconno loro faceveno quanno parlaveno, na robba tipo “bar-bar-bar” boh ma che stai a dì, nun te capisco, come si stessero a barbettà o a mugugnà o come ‘a radio quanno nun pija bene che fa i ronzii. Insomma, si nun parli Greco vor dì che sei rozzo. O per lo meno è er senso che ‘a parola ha preso cor tempo. E i romani chiamaveno barbari certi che ereno nomadi e un po’ grevi e nun parlaveno latino e nun sapeveno scrive e stavano ortre i confini pronti a rompe er cazzo a ogni occasione. Che aa fine in effetti quanno l’impero romano se sfrantumò, sti “barbari” je diedero pure loro na botta consistente, diciamo pure er córpo de grazia.

Però, tornanno alli Greci amichi nostri, nun è che siccome nun capisci quello che uno dice allora significa che nun sta a dì un cazzo: è solo che sta a parlà n’antra lingua. E pure er francese o l’arabo che sò lingue raffinatissime che ce stanno cofane de poemi e romanzi e canzoni, a te te pareno “bar-bar-bar”, ma solo perché er barbaro sei te che nun le sai.

E pure qua, sto tempietto è bello parecchio, pure che parla n’antro linguaggio de quello che parlaveno i romani antichi. Che in effetti poi, anche lì ndo sta sto coso, si te parleno friulano te nun ce capisci un cazzo, ma no perché sò stupidi loro, o sei stupido te, ma perché ar monno ce sò mille lingue, che pe imparalle tutte ce vonno cento vite. Te imparate l’italiano, così pòi parlà pure coi friulani; e poi l’inglese, così pòi parlà co tutto er monno. E infine er romano, così te pòi legge sto blogghe.

03 7 / 2014

Gustave Klimt (Vienna 1862 – Neubau 1918)
Nixen – Silberfische (Ondine - Pesci d’argento)
1899 circa, collezione privata
olio su tela, 82 x 52 cm
-

Mo oggi nun vojo sentì gnente e scergo un quadro che me piace a me. Non che l’antre vorte l’opere che te spiego nu me piaceno: a vorte più a vorte meno, ma te ‘e scergo prima de tutto perché sò importanti e l’autori sò storicamente riconosciuti come fonnamentali, o perché sò significative de n’epoca o de na tendenza.

Questo pure, nun è che sia no sconosciuto, anzi. Anzi anzi te dico certe vorte è pure divantato un po’ troppo de moda, che je piace a tutti e tutti ‘o conoscheno, un po’ come i libbri di Erman Esse che pure che era un grande, siccome tutti li pischelli che se vojono dà n’aria de intellettuali sii leggheno pe fa córpo su ‘e pischelle, allora poi si uno je piace davero quasi quasi se deve vergognà.

Ecco, io nun me vergogno che me piace Klimte. Che è art nuvò: linee sinuose, figure femminili, che sta a rota caa bellezza caa gioventù caa vita ma pure sempre ce mette quer pizzico de mistero e de sensuale che poi è er motivo per cui spesso piace.

A me me piace perché è fiabbesco e perché è decorativo. Che nun è n’offesa. A vorte noi, ner monno nostro, diciamo “decorativo” caa puzza sotto ar naso, come dì “puà decorativo che schifo”. Come quanno dici “Aho pe te li semafori sò popo decorativi” cioè nun te serveno a ‘n cazzo perché passi cor rosso e quinni se evince che ste lucine pe te sò tipo quelle che metti sull’arbero de Natale, solo de bellezza. Ecco vedi? Ho detto “bellezza” come si fosse na cosa negativa: bello come opposto de utile. Come a vorte se dice, “bello e stupido” come si uno bello o bella nun po’ esse pure intelliggente.

Bellezza nun ce deve fà paura, e manco decorazione. Che come amo avuto modo de dì artrove, l’essere umano da che s’è iniziato a distingue da ‘e bestie decora er monno. Fa un vaso, perché je serve pe mettece l’acqua. Ma poi ce fa na greca sopra. A che serve ‘a greca? A gnente, solo a fallo più bello. Decora ‘e case, i vestiti, l’utensili, ‘e machine, e pure er corpo suo. E questo perché ortre a magnà, dormì, coprisse, e sopravvive, l’essere umano sogna, immagina, spera, pensa, vive.

 

 

 

Gustave Klimt (Vienna 1862 – Neubau 1918)

Nixen – Silberfische (Ondine - Pesci d’argento)

1899 circa, collezione privata

olio su tela, 82 x 52 cm

-

Mo oggi nun vojo sentì gnente e scergo un quadro che me piace a me. Non che l’antre vorte l’opere che te spiego nu me piaceno: a vorte più a vorte meno, ma te ‘e scergo prima de tutto perché sò importanti e l’autori sò storicamente riconosciuti come fonnamentali, o perché sò significative de n’epoca o de na tendenza.

Questo pure, nun è che sia no sconosciuto, anzi. Anzi anzi te dico certe vorte è pure divantato un po’ troppo de moda, che je piace a tutti e tutti ‘o conoscheno, un po’ come i libbri di Erman Esse che pure che era un grande, siccome tutti li pischelli che se vojono dà n’aria de intellettuali sii leggheno pe fa córpo su ‘e pischelle, allora poi si uno je piace davero quasi quasi se deve vergognà.

Ecco, io nun me vergogno che me piace Klimte. Che è art nuvò: linee sinuose, figure femminili, che sta a rota caa bellezza caa gioventù caa vita ma pure sempre ce mette quer pizzico de mistero e de sensuale che poi è er motivo per cui spesso piace.

A me me piace perché è fiabbesco e perché è decorativo. Che nun è n’offesa. A vorte noi, ner monno nostro, diciamo “decorativo” caa puzza sotto ar naso, come dì “puà decorativo che schifo”. Come quanno dici “Aho pe te li semafori sò popo decorativi” cioè nun te serveno a ‘n cazzo perché passi cor rosso e quinni se evince che ste lucine pe te sò tipo quelle che metti sull’arbero de Natale, solo de bellezza. Ecco vedi? Ho detto “bellezza” come si fosse na cosa negativa: bello come opposto de utile. Come a vorte se dice, “bello e stupido” come si uno bello o bella nun po’ esse pure intelliggente.

Bellezza nun ce deve fà paura, e manco decorazione. Che come amo avuto modo de dì artrove, l’essere umano da che s’è iniziato a distingue da ‘e bestie decora er monno. Fa un vaso, perché je serve pe mettece l’acqua. Ma poi ce fa na greca sopra. A che serve ‘a greca? A gnente, solo a fallo più bello. Decora ‘e case, i vestiti, l’utensili, ‘e machine, e pure er corpo suo. E questo perché ortre a magnà, dormì, coprisse, e sopravvive, l’essere umano sogna, immagina, spera, pensa, vive.

 

 

 

26 6 / 2014

Arco di costantino

315 d. C., Roma

Muratura, opera cementizia, marmo; dimensioni generali: altezza 21 m, larghezza 25,9 m, profondità 7,4 m

-

Rilievo costantiniano, Liberalitas (313 d.C.)

Rilievo aureliano, Liberalitas (173 d.C.), altezza oltre 3 m

-

Ma ‘o potemo davero chiamà arco de Costantino quanno che Costantino (o er Senato che je lo dedicò) pe fà st’arco ha preso pezzi e bocconi de qua e de là, tirannoli via da monumenti che ereno de Marc’Aurelio, Adriano e Traiano, e appiccicannoli poi all’arco suo tipo figurine sull’arbum? In pratica ha fatto na specie de quee coperte che fa tu nonna che se chiameno Pacciuorch, hai capito come? A parte che c’è pure chi dice che addirittura ‘a muratura popo dell’arco era de Adriano, e che Costantino l’ha solo riammodernato.

Ma nun dovemo necessariamente pensà che l’ha fatto pe micragna. Magari ciaveva fretta. Oppure, mejo, voleva come presentà n’antologgia de granni imperatori prima de lui, come a dì “aho, io sò erede loro, rigà.”

Però cià messo pure quarche trafiletto de suo, anche perché st’arco, che è n’arco de trionfo, sta lì a celebbrà er decennale de regno dell’imperatore ma soprattutto na vittoria militare, che in quarche modo se doveva pure reccontà. E anfatti ce stanno na serie de freggi stretti e lunghi che te fanno vede l’episodi vari daa campagna militare e daa vittoria contro Massenzio a Ponte Mirvio (che quinni vedi è importante pe antre raggioni ortre a quei lucchetti der cazzo).

E qui te faccio vede l’episodio daa Libberalitas che è quanno l’imperatore distribbuisce sòrdi pe festeggià. Vedi che Costantino sta ar centro, più granne dell’antri perché più importante, e torno torno ce sta la gente che sò messi tipo in fila precisi precisi, tutti ugguali, come sordatini, che pare quasi che l’hanno fatti coo stampino, e pure che ‘a metà destra è ‘a fotocopia daa sinistra o viceversa; e da quelli più importanti, e quinni più granni, se scenne mano mano a quelli che nun conteno gnente, che sò più piccoletti. E’ un monno in cui l’imperatore è quasi na divinità e li cittadini sò poco più de nummeretti senza faccia, che devono da stassene ognuno ar posto suo. Er ruolo conta più dell’individuo, e l’ordine quasi più daa libbertà.

E guarda come sò diversi sti freggi dai quii pezzi antichi riusati qua, per esempio ‘a Libberalitas de Marc’Aurelio: che l’imperatore certo, sì, cià la corona, però è n’omo come l’antri, e ‘a gente è tutta daa stessa grannezza, a parte er regazzino ovviamente, e ognuno è diverso, omo donna, arto basso, giovane vecchio, barba pelato, me metto de fronte de schiena de profilo, magari nun posso votà all’elezioni ma armeno ner bassorilievo me posso move come me pare aho.

Ce sta ancora quer naturalismo der monno classico, perché anfatti le figure sò naturali, e no messe in posa e in riga come pedine su na scacchiera.

Ma dar primo impero a Costantino sò cambiate parecchie cose, e anfatti da qui a un secolo e mezzo l’impero romano de occidente crollerà, e ariveranno li barbari e inizierà quello che se dice Medio Evo; e st’arte qua, tutta bella ordinata schematica, co ‘e linee marcate che pare un disegno pure che è scorpito, diventerà ‘o stile un po’ de tutta l’arte.

E pure st’abbitudine, de riciclà robba presa da li monumenti antichi pe fà ‘e robbe proprie diverà ‘a norma: che se dice ‘matieriale de spojo’, perché spojaveno i templi e palazzi imperiali de tutti li marmi e robbe pe riusalle antrove. Che mò sti marmi e robbe stanno a San Pietro e in tante antre belle chiese: e ar Foro Romano ce sta un mucchio de rovine, che l’americani quanno ‘e vedeno te chiedeno “ma perché nun ‘e riparate che sò tutte rotte?”. E tu dije che è perché nun ciavemo li sordi: così magari te finanzieno du restauretti, vedi un po’.

19 6 / 2014

Carlo Crivelli (Venezia, 1430/35 ca – 1494/95)
Polittico di Sant’Emidio
1473, Cattedrale di S. Emidio, Ascoli Piceno
tempera e oro su tavola, cm 290 x 280 ca
-
Prima de tutto, er polittico nun è un consijere reggionale daa Sardegna, bensì un dipinto fatto de più parti, come dii riquadri messi assieme. E dato che mo te dovresti esse un po’ impratichito chii concetti de Medioevo e Rinascimento, su sto polittico qua te vojo fà un test. Guarda l’opera, e – senza legge ‘a didascalia – prova a daje na data. Ducento? Trecento? Na robba tipo er nostro amico Giotto? Sbajato! Mò pòi legge. Eggià, 1473. Pieno rinascimento! E invece, a vedè sto quadro, pareva che erevamo tornati indietro de cent’anni.
Sia chiaro, a me Crivelli me piace un botto. Però è interessante notà come se colloca rispetto all’arte dell’epoca sua, e cercà de capì perché. Quanno noi, a posteriori, pensamo ar Quattrocento, ce viè in mente Botticelli, Peruggino, robe così. E invece qui ritrovi er fonno dorato, ‘a decorazione, i contorni smerlettati, che pare d’esse tornati ar gotico. Perfino ‘ e cornici so gotiche. E Crivelli all’epoca nun era er solo che je piaceva de fa ‘a robba aa vecchia maniera, piuttosto che all’avanguardia. Perchè tocca sempre pensà che quanno noi guardiamo all’epoche passate, in genere amo già fatto na scrematura, e ce ricordamo solo de quelli che ‘a storia cià consegnato come li mijiori, l’innovatori, quelli che ereno avanti. Ma in ogni epoca conviveveno sempre tanti stili diversi, arcuni più tradizionali, antri più origginali : e l’artisti diciamo più vecchio stile magari ereno bravissimi, anche se meno “avanti” dell’antri. Che poi si ce pensi, spesso aa gente de qualunque epoca je piace quasi de più ‘a robba tradizionale, che è più rassicurante, che ‘a sanno riconosce e capischeno che vor dì, mentre ‘e cose più moderne ce metteno un po’ a esse accettate daa maggioranza.
E qua er Crivelli, magari nun era in linea caa tendenza de moda allora, però a modo suo era un botto originale, che appena vedi un quadro suo ‘o riconosci subbito che è lui, co sti vestiti de broccato, sti riccioletti disegnati nervosi, ste dita quasi a artijo, e sempre ste ghirlande de frutta e verdura, zucche e pere, che l’appiccica qui e là quasi come na firma. Boh, si te devo dì, a me nun me dispiace pe gnente.

Carlo Crivelli (Venezia, 1430/35 ca – 1494/95)

Polittico di Sant’Emidio

1473, Cattedrale di S. Emidio, Ascoli Piceno

tempera e oro su tavola, cm 290 x 280 ca

-

Prima de tutto, er polittico nun è un consijere reggionale daa Sardegna, bensì un dipinto fatto de più parti, come dii riquadri messi assieme. E dato che mo te dovresti esse un po’ impratichito chii concetti de Medioevo e Rinascimento, su sto polittico qua te vojo fà un test. Guarda l’opera, e – senza legge ‘a didascalia – prova a daje na data. Ducento? Trecento? Na robba tipo er nostro amico Giotto? Sbajato! Mò pòi legge. Eggià, 1473. Pieno rinascimento! E invece, a vedè sto quadro, pareva che erevamo tornati indietro de cent’anni.

Sia chiaro, a me Crivelli me piace un botto. Però è interessante notà come se colloca rispetto all’arte dell’epoca sua, e cercà de capì perché. Quanno noi, a posteriori, pensamo ar Quattrocento, ce viè in mente Botticelli, Peruggino, robe così. E invece qui ritrovi er fonno dorato, ‘a decorazione, i contorni smerlettati, che pare d’esse tornati ar gotico. Perfino ‘ e cornici so gotiche. E Crivelli all’epoca nun era er solo che je piaceva de fa ‘a robba aa vecchia maniera, piuttosto che all’avanguardia. Perchè tocca sempre pensà che quanno noi guardiamo all’epoche passate, in genere amo già fatto na scrematura, e ce ricordamo solo de quelli che ‘a storia cià consegnato come li mijiori, l’innovatori, quelli che ereno avanti. Ma in ogni epoca conviveveno sempre tanti stili diversi, arcuni più tradizionali, antri più origginali : e l’artisti diciamo più vecchio stile magari ereno bravissimi, anche se meno “avanti” dell’antri. Che poi si ce pensi, spesso aa gente de qualunque epoca je piace quasi de più ‘a robba tradizionale, che è più rassicurante, che ‘a sanno riconosce e capischeno che vor dì, mentre ‘e cose più moderne ce metteno un po’ a esse accettate daa maggioranza.

E qua er Crivelli, magari nun era in linea caa tendenza de moda allora, però a modo suo era un botto originale, che appena vedi un quadro suo ‘o riconosci subbito che è lui, co sti vestiti de broccato, sti riccioletti disegnati nervosi, ste dita quasi a artijo, e sempre ste ghirlande de frutta e verdura, zucche e pere, che l’appiccica qui e là quasi come na firma. Boh, si te devo dì, a me nun me dispiace pe gnente.

12 6 / 2014

Éduard Manet (Parigi, 1832-1883)
Dejuner sur l’herbe
1862-3, Parigi, Musée d’Orsay,
olio su tela, cm 208 x 264
-
Sto quadro se chiama Desgiunè sur l’erb, che Desgiunè nun vor dì Digiunà ma anzi ar contrario Magnà, ma se sa che li francesi der magnà cianno n’idea un po’ loro. All’epoca sua fece scarpore prima de tutto perché è dipinto co no stile de pennellate libbere e poco rifinite tipo macchie, e puro ‘n uso daa prospettiva un po’ volutamente der cazzo, tipo che ‘a donna su ‘o sfonno è un po’ troppo grossa e pure l’antre figure rispetto all’alberi che pareno messe lì appiccicate. Ma è perché ar pittore nun je interessa copià ‘a reartà seconno ‘e regole classiche.
Eppure nun è che Manè naa conosceva ‘a pittura classica, tanto che pe sto quadro se sò trovate armeno du pitture de riferimento paa conmposizione e l’idea, che sò Er Concerto Campestre de Tizziano e er Giudizzio de Paride de Marcantonio Raimondi. Anzi è popo questo che aa gente der tempo je pareva strano: come se permette Manè de pijà i quadri antichi e rifalli come si fossero foto de na gita fori porta? Che ce fanno sti due in giacca e cravatta co ste tipe mezze gnude che se sò levate li vestiti e mo stanno pe tirà fori i termos e i panini pe fà er picchenicche? Vabbè finchè sò ninfe oppure gente der Rinascimento, ma queste chi sò, du mignotte? Scandalo!
Nun capiveno che Manè voleva popo smontà st’apparato de mitologgia e de solennità, polemizzà chii colleghi sua che nel 1860 e rotti ancora che dipignevano Vestali e pastorelle e dei d’Oolimpo, e modernizzà ‘a pittura riportannola ner tempo suo e naa reartà cruda e semprice, raffigurando soggetti normali senza significati e si vòi senza poesia, pe potesse concentrà sur valore daa pittura in sé.
A me sinceramente na cosa che invece me resta sempre un po’ qua è che sò sempre ‘e donne che stanno gnude e l’omini vestiti. Anzi, armeno li greci du Apolli o du Ercoli gnudi tii faceveno vede. A Manè, pensa quanto de più saresti stato moderno e pijato a parolacce si je facevi ‘e donne vestite e l’omini in mutanne, vè? Ma vabbè, daje, sei stato fico ugguale.

Éduard Manet (Parigi, 1832-1883)

Dejuner sur l’herbe

1862-3, Parigi, Musée d’Orsay,

olio su tela, cm 208 x 264

-

Sto quadro se chiama Desgiunè sur l’erb, che Desgiunè nun vor dì Digiunà ma anzi ar contrario Magnà, ma se sa che li francesi der magnà cianno n’idea un po’ loro. All’epoca sua fece scarpore prima de tutto perché è dipinto co no stile de pennellate libbere e poco rifinite tipo macchie, e puro ‘n uso daa prospettiva un po’ volutamente der cazzo, tipo che ‘a donna su ‘o sfonno è un po’ troppo grossa e pure l’antre figure rispetto all’alberi che pareno messe lì appiccicate. Ma è perché ar pittore nun je interessa copià ‘a reartà seconno ‘e regole classiche.

Eppure nun è che Manè naa conosceva ‘a pittura classica, tanto che pe sto quadro se sò trovate armeno du pitture de riferimento paa conmposizione e l’idea, che sò Er Concerto Campestre de Tizziano e er Giudizzio de Paride de Marcantonio Raimondi. Anzi è popo questo che aa gente der tempo je pareva strano: come se permette Manè de pijà i quadri antichi e rifalli come si fossero foto de na gita fori porta? Che ce fanno sti due in giacca e cravatta co ste tipe mezze gnude che se sò levate li vestiti e mo stanno pe tirà fori i termos e i panini pe fà er picchenicche? Vabbè finchè sò ninfe oppure gente der Rinascimento, ma queste chi sò, du mignotte? Scandalo!

Nun capiveno che Manè voleva popo smontà st’apparato de mitologgia e de solennità, polemizzà chii colleghi sua che nel 1860 e rotti ancora che dipignevano Vestali e pastorelle e dei d’Oolimpo, e modernizzà ‘a pittura riportannola ner tempo suo e naa reartà cruda e semprice, raffigurando soggetti normali senza significati e si vòi senza poesia, pe potesse concentrà sur valore daa pittura in sé.

A me sinceramente na cosa che invece me resta sempre un po’ qua è che sò sempre ‘e donne che stanno gnude e l’omini vestiti. Anzi, armeno li greci du Apolli o du Ercoli gnudi tii faceveno vede. A Manè, pensa quanto de più saresti stato moderno e pijato a parolacce si je facevi ‘e donne vestite e l’omini in mutanne, vè? Ma vabbè, daje, sei stato fico ugguale.

05 6 / 2014

Paolo Caliari detto Il Veronese (Verona, 1528-1588)
Aracne (o La Dialettica)
1575-77, Venezia, Palazzo Ducale
olio su tela, cm 150 x 220

-

Tanto pe complicà ‘e cose, vedemo qua che sto pittore cià du nomi e sto dipinto cià du titoli. Che er pittore se chiamava Paolo Caliari ma siccome era nato a Verona se conosce come Er Veronese; e er dipinto raffigura Aracne ma pure ‘a Dialettica.
‘A dialettica perché qua semo drento ar Palazzo der Doge, che era quello che governava Venezia, e quindi ner centro der potere cittadino: e sta sala è ‘a Sala der Consijo, ndove appunto se discuteva e se decideva, e ognuno cercava de parlà bene e convince l’antri che l’idea sua era ‘a mejo. Che ‘o fanno puro oggi tipo ar Parlamento: anche si oggi se sò inventati pure antri modi pe convince ‘a gente a daje ragine, tipo allungaje na bustarella, ma nun se deve fà perché se chiama corruzzione ed è sbajato. Bisognerebbe invece avè prima de tutto idee bone, e poi sapelle spiegà bene, e pure sapè dialogà e capì le raggioni artrui, che se chiama appunto dialettica.
Che poi puro ‘a dialettica se po’ usà bene o male, ad esempio pee convince uno che n’idea è bona puro si nun lo è, che se dice imbastì: anfatti qua ‘a dialettica è raffigurata come na donna che tesse na tela de ragno, che si ce caschi sò cazzi tua.
Ed ecco perché Aracne. St’Aracne è ‘a protagonista de un mito greco, che era na tessitrice bravissima, tanto che sfidò ‘a dea Atena ar telaio. Atena fece na bella tela che raffigurava tutte ‘e imprese sua, e Aracne invece rappresentò l’amori dii dèi, un po’ tipo come fanno co ‘e celebbrità li giornaletti che se legge tu madre, tipo Chi o Novella 2000. Atena se incazza e pe punì Aracne ‘a trasforma in ragno e ‘a condanna a tesse tele pe l’eternità. E te dovrebbe venì in mente ‘a parola “aracnidi” che sarebbero li ragni e pure er firm “Aracnofobia”.
Ma Aracne si vòi è puro l’arte, che è fatta de inganno e bravura. Sta tela sta sur soffitto e cià un ber gioco de prospettiva, che pare vista dar basso contro ar cielo; è un gioco tra architettura e pittura, tra finzione e reartà, che quella è Aracne ma pure na vera dama dell’epoca che spizza giù dar soffitto; e l’arte te inganna come ‘a tela der ragno, quasi invisibbile ma inseorabbile.
E mo smetto, che sto a parlà troppo, che er dio daa dialettica me furmini.

Paolo Caliari detto Il Veronese (Verona, 1528-1588)

Aracne (o La Dialettica)

1575-77, Venezia, Palazzo Ducale

olio su tela, cm 150 x 220

-

Tanto pe complicà ‘e cose, vedemo qua che sto pittore cià du nomi e sto dipinto cià du titoli. Che er pittore se chiamava Paolo Caliari ma siccome era nato a Verona se conosce come Er Veronese; e er dipinto raffigura Aracne ma pure ‘a Dialettica.

‘A dialettica perché qua semo drento ar Palazzo der Doge, che era quello che governava Venezia, e quindi ner centro der potere cittadino: e sta sala è ‘a Sala der Consijo, ndove appunto se discuteva e se decideva, e ognuno cercava de parlà bene e convince l’antri che l’idea sua era ‘a mejo. Che ‘o fanno puro oggi tipo ar Parlamento: anche si oggi se sò inventati pure antri modi pe convince ‘a gente a daje ragine, tipo allungaje na bustarella, ma nun se deve fà perché se chiama corruzzione ed è sbajato. Bisognerebbe invece avè prima de tutto idee bone, e poi sapelle spiegà bene, e pure sapè dialogà e capì le raggioni artrui, che se chiama appunto dialettica.

Che poi puro ‘a dialettica se po’ usà bene o male, ad esempio pee convince uno che n’idea è bona puro si nun lo è, che se dice imbastì: anfatti qua ‘a dialettica è raffigurata come na donna che tesse na tela de ragno, che si ce caschi sò cazzi tua.

Ed ecco perché Aracne. St’Aracne è ‘a protagonista de un mito greco, che era na tessitrice bravissima, tanto che sfidò ‘a dea Atena ar telaio. Atena fece na bella tela che raffigurava tutte ‘e imprese sua, e Aracne invece rappresentò l’amori dii dèi, un po’ tipo come fanno co ‘e celebbrità li giornaletti che se legge tu madre, tipo Chi o Novella 2000. Atena se incazza e pe punì Aracne ‘a trasforma in ragno e ‘a condanna a tesse tele pe l’eternità. E te dovrebbe venì in mente ‘a parola “aracnidi” che sarebbero li ragni e pure er firm “Aracnofobia”.

Ma Aracne si vòi è puro l’arte, che è fatta de inganno e bravura. Sta tela sta sur soffitto e cià un ber gioco de prospettiva, che pare vista dar basso contro ar cielo; è un gioco tra architettura e pittura, tra finzione e reartà, che quella è Aracne ma pure na vera dama dell’epoca che spizza giù dar soffitto; e l’arte te inganna come ‘a tela der ragno, quasi invisibbile ma inseorabbile.

E mo smetto, che sto a parlà troppo, che er dio daa dialettica me furmini.

29 5 / 2014

Ferdinand Leger (Argentan, 1881 – Gif-sur-Yvette, 1955)
Il tempo libero su fondo rosso
1949, Biot (Francia) Musée National Fernand Léger
olio su tela, 113 x 140 cm

- 
Ormai de cubismo sei quasi ‘n esperto. Amo parlato de Picasso e amo citato Delonè, e amo visto come sò cubisti tutti e due pure se ognuno aa maniera loro. N’antro cubista aa maniera sua era Ferdinand Legè, pe cui er cubismo è un modo de rappresentà er monno moderno, industriale, razionale e tecnologico. Lui se sogna un futuro fatto de tubi e geoemtrie, che pure ‘a gente pare fatta de metallo tipo robò e ‘e nuvole nun sò ‘e nuvolette dii paesaggi der passato ma nubi pesanti fatte pure loro de materia industriale. Che Legè cià azzeccato fino a un certo punto, perché si è vero che oggi rispetto a cent’anni fa ciavemo un sacco più de cemento, fero, machine e antre robbe pesanti, è pure vero però che una dee cose più nove in assoluto rispetto ar passato è quaa cosa leggera e imparpabile che se chiama Internet, che è pure ndo stamo noi ora, io che scrivo e te che leggi, e che all’epoca de Legè nun saa poteveno minimamente manco sognà. Che qui te fa vede er tempo libero che vanno in bicicletta e in spiaggia, e invece oggi appena ciavemo un pomeriggio libero ‘o passamo a ciattà su uozzàp, a fa social nettuorc, a bloggà come nun ce fosse un domani. E questo ce dice pure come e quarmente, pe quanto noi se potemo provà a immagginà er futuro, ‘a vita ce frega sempre e nun smette mai de stupicce.

Ferdinand Leger (Argentan, 1881 – Gif-sur-Yvette, 1955)

Il tempo libero su fondo rosso

1949, Biot (Francia) Musée National Fernand Léger

olio su tela, 113 x 140 cm

-

Ormai de cubismo sei quasi ‘n esperto. Amo parlato de Picasso e amo citato Delonè, e amo visto come sò cubisti tutti e due pure se ognuno aa maniera loro. N’antro cubista aa maniera sua era Ferdinand Legè, pe cui er cubismo è un modo de rappresentà er monno moderno, industriale, razionale e tecnologico. Lui se sogna un futuro fatto de tubi e geoemtrie, che pure ‘a gente pare fatta de metallo tipo robò e ‘e nuvole nun sò ‘e nuvolette dii paesaggi der passato ma nubi pesanti fatte pure loro de materia industriale. Che Legè cià azzeccato fino a un certo punto, perché si è vero che oggi rispetto a cent’anni fa ciavemo un sacco più de cemento, fero, machine e antre robbe pesanti, è pure vero però che una dee cose più nove in assoluto rispetto ar passato è quaa cosa leggera e imparpabile che se chiama Internet, che è pure ndo stamo noi ora, io che scrivo e te che leggi, e che all’epoca de Legè nun saa poteveno minimamente manco sognà. Che qui te fa vede er tempo libero che vanno in bicicletta e in spiaggia, e invece oggi appena ciavemo un pomeriggio libero ‘o passamo a ciattà su uozzàp, a fa social nettuorc, a bloggà come nun ce fosse un domani. E questo ce dice pure come e quarmente, pe quanto noi se potemo provà a immagginà er futuro, ‘a vita ce frega sempre e nun smette mai de stupicce.

22 5 / 2014

Leda e il cigno
II sec. d.C., copia romana forse dall’originale greco dello scultore Timotheos, 360 a.C. 
Roma, Musei capitolini
marmo, cm 132
-

Ecco qua n’antro esempio de statua romana copiata da na statua greca, che ai romani ‘a scurtura greca je piaceva na cifra e pe fortuna se sò fatti ‘e copie, che poi l’originali se sò persi quasi tutti e invece quarche copia è rimasta. E pure ‘a storia reccontata è un mito greco, che poi i romani se sò presi pure questo ma pe nun dovè pagà i diritti d’autore j’hanno cambiato quarche nome: così, pe dì, Zeus diventa Giove. Scherzo, eh.

Ad ogni modo, come avemo avuto modo de vedè artrove, sebbene Giove fosse ufficiarmente sposato co Giunone, je piaceva fasse parecchio l’affari sua, e quanno che vedeva na bella pischella (e quarche vorta pure un ber pischello) nun soo faceva dì du vorte. Però siccome che Giunone era gelosa e lui ce lo sapeva, quanno faceva ‘e scappatelle sua se trasformava, così ‘a moje nun lo vedeva. 

Un giorno Giove incontra Leda, che era parecchio bona, e pe provacce se trasforma in cigno. Leda soo guarda e fa: “Anvedi sto ber cigno co sto ber collo lungo lungo, pare quasi che me se vò rimorchià! Sai che te dico? A me me sò capitati parecchi ommini che manco t’hanno invitato a cena na vorta che già se sò trasformati in maiali: ma cigni mai. Aho, che te devo da dì, n’amo provati tanti, provamo pure a questo”.

E così, daje e daje, Leda e er cigno se sollazzano a piacimento. Tanto che aa fine Leda resta pure incinta. E naturarmente, dato sì che lui era un cigno, dopo nove mesi partorisce du ova, ma granni; che da un ovo escheno du sorelle, Elena (de Troia) e Clitemnestra; e dall’antr’ovo du maschi, Castore e Polluce. Ma questa magari taa recconto n’antra vorta, che sinnò te rompi e co tutte st’ova ce famo na frittata.

Leda e il cigno

II sec. d.C., copia romana forse dall’originale greco dello scultore Timotheos, 360 a.C.

Roma, Musei capitolini

marmo, cm 132

-

Ecco qua n’antro esempio de statua romana copiata da na statua greca, che ai romani ‘a scurtura greca je piaceva na cifra e pe fortuna se sò fatti ‘e copie, che poi l’originali se sò persi quasi tutti e invece quarche copia è rimasta. E pure ‘a storia reccontata è un mito greco, che poi i romani se sò presi pure questo ma pe nun dovè pagà i diritti d’autore j’hanno cambiato quarche nome: così, pe dì, Zeus diventa Giove. Scherzo, eh.

Ad ogni modo, come avemo avuto modo de vedè artrove, sebbene Giove fosse ufficiarmente sposato co Giunone, je piaceva fasse parecchio l’affari sua, e quanno che vedeva na bella pischella (e quarche vorta pure un ber pischello) nun soo faceva dì du vorte. Però siccome che Giunone era gelosa e lui ce lo sapeva, quanno faceva ‘e scappatelle sua se trasformava, così ‘a moje nun lo vedeva.

Un giorno Giove incontra Leda, che era parecchio bona, e pe provacce se trasforma in cigno. Leda soo guarda e fa: “Anvedi sto ber cigno co sto ber collo lungo lungo, pare quasi che me se vò rimorchià! Sai che te dico? A me me sò capitati parecchi ommini che manco t’hanno invitato a cena na vorta che già se sò trasformati in maiali: ma cigni mai. Aho, che te devo da dì, n’amo provati tanti, provamo pure a questo”.

E così, daje e daje, Leda e er cigno se sollazzano a piacimento. Tanto che aa fine Leda resta pure incinta. E naturarmente, dato sì che lui era un cigno, dopo nove mesi partorisce du ova, ma granni; che da un ovo escheno du sorelle, Elena (de Troia) e Clitemnestra; e dall’antr’ovo du maschi, Castore e Polluce. Ma questa magari taa recconto n’antra vorta, che sinnò te rompi e co tutte st’ova ce famo na frittata.