24 4 / 2014

Giuseppe Gualandi (Bologna, 1870-1944)
Chiesa del Sacro Cuore del Suffragio
1894-1917, Roma
cemento armato, statue in pietra artificiale (sostituite dagli anni ’60 con statue in pietra di san gottardo)
-

Te vedi sta chiesa e te pensi de sta a Parigi sur Lungosenna. E invece stamo a Roma capoccia, sur Lungotevere, quasi appiccicato ar Vaticano.
E poi te verebbe da pensà – dice: “ammazza na chiesa gotica a Roma, bello”; e invece hai toppato de novo, perché sta chiesa è solo neo-gotica, essendo anfatti datata 1917. E’ un “revaival”.
Terzo poi, te viè comunque da ammirà sta bella facciata, per quanto fintogotica, tutta bella de pietra: e nun sai che stai a toppà paa terza vorta, perché ‘a facciata è fatta de cemento armato. Un po’ tipo l’amburgher de soja o ‘e porpette de seitan, pe dì.
Insomma, come te metti sbaji: ma d’antra parte, sbajà è umano. Tanto che dice che nell’ardilà ce sta un posto chiamato Purgatorio, ndove quelli che sbajano - ma solo un pochetto, no popo grave grave -, vanno a medità e soffrì n’anticchia prima de annà definitivi in Paradiso. E pensa che accanto a sta chiesa qui ce sta un museetto pieno de (presunte) testimonianze dell’anime che stanno a purgasse in Purgatorio. Chissà che nun ce stia pure l’architetto qua, sopraffino ingannatore.

 

Giuseppe Gualandi (Bologna, 1870-1944)

Chiesa del Sacro Cuore del Suffragio

1894-1917, Roma

cemento armato, statue in pietra artificiale (sostituite dagli anni ’60 con statue in pietra di san gottardo)

-

Te vedi sta chiesa e te pensi de sta a Parigi sur Lungosenna. E invece stamo a Roma capoccia, sur Lungotevere, quasi appiccicato ar Vaticano.

E poi te verebbe da pensà – dice: “ammazza na chiesa gotica a Roma, bello”; e invece hai toppato de novo, perché sta chiesa è solo neo-gotica, essendo anfatti datata 1917. E’ un “revaival”.

Terzo poi, te viè comunque da ammirà sta bella facciata, per quanto fintogotica, tutta bella de pietra: e nun sai che stai a toppà paa terza vorta, perché ‘a facciata è fatta de cemento armato. Un po’ tipo l’amburgher de soja o ‘e porpette de seitan, pe dì.

Insomma, come te metti sbaji: ma d’antra parte, sbajà è umano. Tanto che dice che nell’ardilà ce sta un posto chiamato Purgatorio, ndove quelli che sbajano - ma solo un pochetto, no popo grave grave -, vanno a medità e soffrì n’anticchia prima de annà definitivi in Paradiso. E pensa che accanto a sta chiesa qui ce sta un museetto pieno de (presunte) testimonianze dell’anime che stanno a purgasse in Purgatorio. Chissà che nun ce stia pure l’architetto qua, sopraffino ingannatore.

 

17 4 / 2014

Leonardo Da Vinci (Vinci, 1452 - Amboise, 1519)
Ultima Cena
1494-98, Milano, Refettorio di Santa Maria delle Grazie
cm 460 x 880, tempera grassa su intonaco
-

Tanto pe comincià, ‘o sanno pure li truzzi che Leonardo era un genio, e ce teneva, giustamente, a fallo sapè, e a fà sempre bella figura.
Per cui quanno che je chiesero de dipigne st’Urtima Cena je cominicarono a fumà, perché primo – lui stava a fà n’antra cosa, ossia er monumento equestre de Francesco Sforza, e “quanno che sto già a fà na cosa nun me dovete da rompe ‘e scatole vabbè?” ; seconno – sto dipinto era drento ar refettorio de un convento che a parte li frati, tanto boni e cari, nun l’averebbe visto nisuno; e terzo – dipigne su li muri a Leonardo je stava popo sui zebbedei.
Però er duca Ludovico Sforza insistette, e aa fine pure Leonardo se sforzò e disse “E vabbè. Però ‘o faccio come dico io”.
E da bravo scienziato qual era se inventò na tecnica che ammischiava l’affresco co ‘a tempera e l’olio, così da potè dipigne co carma, e a strati, e sfumanno de qua e de là, come je piaceva de fà a lui.
Mo però, quanno che fai ‘n esperimento te po’ annà bene e te po’ annà male- qui a Leonardo j’è annata male; che pe problemi de umidità e robbe varie sto dipinto s’è cominciato a rovinà quasi subbito, che mo pure co tutto sto ber restauro che j’hanno fatto se vede e nun se vede, purtroppo.
Ma vedemo de vedè quello che se vede.
Se vede na stanza tutta precisa geometrica, come na scatola; ar centro Gesù, che è come un triangolo, geometrico puro lui. Er momento è drammatico : Gesù ha appena rivelato che uno dell’apostoli ‘o tradirà: e vedi che Leonardo ortre che artista e scienziato era pure pisicologo. Anfatti eccallà, stupore, sconcerto, orore, e “ma che davero?” “ma che io?”, e Pietro a Giovanni “Che ha detto? che ha detto? che stavo a tajà ‘a pizza e nun ho sentito”. E’ ce sta pure Giuda, che ‘o sa che sta a parlà de lui, e poo sturbo rovescia ‘a saliera, che anfatti porta male, se sa.
E’ come si er monno, cioè quaa stanza, è tutto governato da un disegno preciso che segue dee leggi necessarie; Gesù ‘o conosce bene sto disegno, ma l’apostoli no, e anfatti se moveno e reagischeno, vòi perché non sanno o vòi perché comunque l’omo cià l’emozzioni e pure er libero arbitrio. Pure Giuda aa fine è uno tra i dodici, che quasi potrebbe ancora cambià idea.
E pe finì, a quelli tipo Danne Braun che dicheno che seduto vicino a Gesù ce sta na donna cioè ‘a Maddalena, è vero che Gesù era n’innovatore e nun me sconvorge l’idea che ciavesse na fidanzata: però ribadimo che quello è Giovanni, che era un pischelletto e quinni bionno e giovane che pare quasi na femmina: e che invece purtroppo me sa che ‘e donne ar momento staveno in cucina a preparà er caffè e lavà li piatti.
E aa fine vedi che sto dipinto che Leonardo quasi noo voleva fa è una dee cose sue che se conoscheno de più e che ce danno da parlà ancora oggi e pii secoli dii secoli. E lui sò sicura sarebbe stato contento.

Leonardo Da Vinci (Vinci, 1452 - Amboise, 1519)

Ultima Cena

1494-98, Milano, Refettorio di Santa Maria delle Grazie

cm 460 x 880, tempera grassa su intonaco

-

Tanto pe comincià, ‘o sanno pure li truzzi che Leonardo era un genio, e ce teneva, giustamente, a fallo sapè, e a fà sempre bella figura.

Per cui quanno che je chiesero de dipigne st’Urtima Cena je cominicarono a fumà, perché primo – lui stava a fà n’antra cosa, ossia er monumento equestre de Francesco Sforza, e “quanno che sto già a fà na cosa nun me dovete da rompe ‘e scatole vabbè?” ; seconno – sto dipinto era drento ar refettorio de un convento che a parte li frati, tanto boni e cari, nun l’averebbe visto nisuno; e terzo – dipigne su li muri a Leonardo je stava popo sui zebbedei.

Però er duca Ludovico Sforza insistette, e aa fine pure Leonardo se sforzò e disse “E vabbè. Però ‘o faccio come dico io”.

E da bravo scienziato qual era se inventò na tecnica che ammischiava l’affresco co ‘a tempera e l’olio, così da potè dipigne co carma, e a strati, e sfumanno de qua e de là, come je piaceva de fà a lui.

Mo però, quanno che fai ‘n esperimento te po’ annà bene e te po’ annà male- qui a Leonardo j’è annata male; che pe problemi de umidità e robbe varie sto dipinto s’è cominciato a rovinà quasi subbito, che mo pure co tutto sto ber restauro che j’hanno fatto se vede e nun se vede, purtroppo.

Ma vedemo de vedè quello che se vede.

Se vede na stanza tutta precisa geometrica, come na scatola; ar centro Gesù, che è come un triangolo, geometrico puro lui. Er momento è drammatico : Gesù ha appena rivelato che uno dell’apostoli ‘o tradirà: e vedi che Leonardo ortre che artista e scienziato era pure pisicologo. Anfatti eccallà, stupore, sconcerto, orore, e “ma che davero?” “ma che io?”, e Pietro a Giovanni “Che ha detto? che ha detto? che stavo a tajà ‘a pizza e nun ho sentito”. E’ ce sta pure Giuda, che ‘o sa che sta a parlà de lui, e poo sturbo rovescia ‘a saliera, che anfatti porta male, se sa.

E’ come si er monno, cioè quaa stanza, è tutto governato da un disegno preciso che segue dee leggi necessarie; Gesù ‘o conosce bene sto disegno, ma l’apostoli no, e anfatti se moveno e reagischeno, vòi perché non sanno o vòi perché comunque l’omo cià l’emozzioni e pure er libero arbitrio. Pure Giuda aa fine è uno tra i dodici, che quasi potrebbe ancora cambià idea.

E pe finì, a quelli tipo Danne Braun che dicheno che seduto vicino a Gesù ce sta na donna cioè ‘a Maddalena, è vero che Gesù era n’innovatore e nun me sconvorge l’idea che ciavesse na fidanzata: però ribadimo che quello è Giovanni, che era un pischelletto e quinni bionno e giovane che pare quasi na femmina: e che invece purtroppo me sa che ‘e donne ar momento staveno in cucina a preparà er caffè e lavà li piatti.

E aa fine vedi che sto dipinto che Leonardo quasi noo voleva fa è una dee cose sue che se conoscheno de più e che ce danno da parlà ancora oggi e pii secoli dii secoli. E lui sò sicura sarebbe stato contento.

10 4 / 2014


Robert Delaunay (Parigi 1885 – Montpellier 1941)
Torre Eiffel
1909, Musée Solomon R. Guggenheim, New York, USA
olio su tela, cm 202 x 138,5

-

Pure te che sei truzzo, magara l’avrai vista solo in cartolina, però si te dico Tore Eiffel na quarche immagine te se forma in capoccia. Ma da ndo nasce st’immagine che ciai? Perché ‘a Tore è na cosa che sta là, e si te vai a Parigi e ‘a vai a vede, a seconna de ndo te metti ciai na visuale, e si ce giri intorno sta visuale cambia; de giorno è na cosa, de notte n’antra; capace che si ce vai in gita scolastica te fa n’impressione e si ce vai caa pischella tua te ne fa n’antra; oppure si nun ciai li sordi p’annà a Parigi, ‘a cerchi su Gugol e te viè fòri na sfirza de foto, tutte diverse ma pure tutte de lei, daa Tore. Ogni ricordo, memoria, cartolina e foto che mille gente hanno postato su Instagram, pe quanto sembreno tutte ugguali che te dici “ho capito, sei stato a Parigi in viaggio de nozze, e anche basta”, tuttavia sò ciascuna na visione parziale e unica.
Ecco dunque che Delonè te fa vede sta Tore che quasi sembra che esplode, come si ce fosse no specchio che ‘a riflette ma ‘o specchio è rotto. E’ n’immagine e so più de una, è na cosa che quasi se move, come ‘a città moderna che nun dorme mai e come er monno stesso che gira gira e te fa venì quasi ‘e vertigini. E te potrebbe ricordà quello che faceva Picasso, quanno spezzetta l’immagini: che anfatti pure Delonè è un cubista. Ma er suo se chiama cubismo Orfico, dar nome de Orfeo er poeta e musicista daa mitologia greca: perché più che n’analisi scientifica er pittore sta attento all’effetto dii colori e dee forme quasi come er quadro fosse na musica. Come si Picasso fosse l’ora de matematica e Delonè fosse l’ora de musica: che pure ‘a musica è fatta de matematica ma armeno te diverti un pochetto.

Robert Delaunay (Parigi 1885 – Montpellier 1941)

Torre Eiffel

1909, Musée Solomon R. Guggenheim, New York, USA

olio su tela, cm 202 x 138,5

-

Pure te che sei truzzo, magara l’avrai vista solo in cartolina, però si te dico Tore Eiffel na quarche immagine te se forma in capoccia. Ma da ndo nasce st’immagine che ciai? Perché ‘a Tore è na cosa che sta là, e si te vai a Parigi e ‘a vai a vede, a seconna de ndo te metti ciai na visuale, e si ce giri intorno sta visuale cambia; de giorno è na cosa, de notte n’antra; capace che si ce vai in gita scolastica te fa n’impressione e si ce vai caa pischella tua te ne fa n’antra; oppure si nun ciai li sordi p’annà a Parigi, ‘a cerchi su Gugol e te viè fòri na sfirza de foto, tutte diverse ma pure tutte de lei, daa Tore. Ogni ricordo, memoria, cartolina e foto che mille gente hanno postato su Instagram, pe quanto sembreno tutte ugguali che te dici “ho capito, sei stato a Parigi in viaggio de nozze, e anche basta”, tuttavia sò ciascuna na visione parziale e unica.

Ecco dunque che Delonè te fa vede sta Tore che quasi sembra che esplode, come si ce fosse no specchio che ‘a riflette ma ‘o specchio è rotto. E’ n’immagine e so più de una, è na cosa che quasi se move, come ‘a città moderna che nun dorme mai e come er monno stesso che gira gira e te fa venì quasi ‘e vertigini. E te potrebbe ricordà quello che faceva Picasso, quanno spezzetta l’immagini: che anfatti pure Delonè è un cubista. Ma er suo se chiama cubismo Orfico, dar nome de Orfeo er poeta e musicista daa mitologia greca: perché più che n’analisi scientifica er pittore sta attento all’effetto dii colori e dee forme quasi come er quadro fosse na musica. Come si Picasso fosse l’ora de matematica e Delonè fosse l’ora de musica: che pure ‘a musica è fatta de matematica ma armeno te diverti un pochetto.

03 4 / 2014

Agesandro, Atanodoro, Polidoro (copia?)
Laocoonte
I sec a.C. – I sec d.C., Musei Vaticani
Marmo, h cm 242
-
Sto Laocoonte era ‘n personaggio daa guera de Troia. Si te ricordi bene, che forse si semo fortunati hai visto er firm co Bred Pitte che l’ha scaricato ‘a regazza tua, li Greci ereno dieci anni che provaveno a conquistà Troia, e staveno quasi a rinuncià quanno che Ulisse che era ‘n botto svejo cià n’idea brillante, dice “Regà stateme a sentì, famo così: famo finta d’annassene, co ‘e navi e tutto, solo che se nasconnemo dietro quee isolette; e qui, davanti a ‘e porte de Troia, je lasciamo un ber cavallo de legno, ma granne, come che fosse n’offerta a ‘i dei. Solo che er cavallo ‘o famo vòto, che drento ce se nasconneno dii sordati nostra; e quanno che li Troiani, pensanno caa guera è finita, l’averanno portato drento ‘e mura, e se saranno tutti ‘mbriacati, li sordati zitti zitti escheno daa panza der cavallo, ce apreno ‘e porte, e ecchellallà che Troia è nostra”. Appena che Ulisse disse così, tutti a appaludì e a dije “a Ulì, sei popo ‘n genio”, e così fecero, costruirono er cavallo e robbe.
Solo che quanno li Troiani videro er cavallo e decisero de portallo drento, sto Laocoonte, che era pure lui un fijo de Troia, e sacerdote de Apollo, je venne come er sospetto che ce stava l’inganno, e cercò de convince l’artri a nun portallo drento sto cavallo, e je tirò pure na lancia su ‘a panza: ma li dei che proteggeveno li Greci, quanno se resero conto che sto cacacazzi stava a fà fallì er piano, je mannarono ‘n mostro marino tipo serpente che anfatti stritolò lui e pure li fiji sua; e li Troiani, subbito subbito, portarono er cavallo in città, e ‘a fine daa storia ‘a sai pure te.
E qui ‘a statua te fa vedè er grovijo de padre e fiji che cercheno de libberasse dar serpente ma nun ce sta gnente da fà. E vedi er dramma, e ‘a disperazione, e li muscoli e l’intreccio complicato, che ad esempio pure a Michelangelo je piaceva ‘n sacco.
E è vero, ‘a statua è rotta, perché è antica. E pensa che quanno fu trovata, ner 1506, era ancora più rotta, che mancava pure er braccio destro de Laocoonte. E siccome all’epoca ste statue dovevano soprattutto da decorà, e ar papa rotta nun je piaceva, ‘n artista che se chiamava Montorsoli je la restaurò, e ce mise ‘e parti che mancaveno, e fece pure sto braccio, ma nun sapenno com’era se lo ‘nventò e ‘o fece steso, verso su. Peccato che però ner 1905 un certo archeologo, Pollack, fece dii scavi vicino ar Colosseo, dove aveveno trovato ‘a statua, e trovò er braccio mancante: e peccato che era piegato, a Montò. Hai toppato, succede. E quinni, dopo, er braccio sbajato ‘o levarono e ce misero quello giusto, che ‘o vedi lì. E questo è uno dii motivi per cui oggi quanno se restaura nun se aggiungheno li pezzi che mancheno, perché se potrebbe fà na cazzata: e se pensa solo a pulì e tenè insieme li pezzi, che già è difficile.

Agesandro, Atanodoro, Polidoro (copia?)

Laocoonte

I sec a.C. – I sec d.C., Musei Vaticani

Marmo, h cm 242

-

Sto Laocoonte era ‘n personaggio daa guera de Troia. Si te ricordi bene, che forse si semo fortunati hai visto er firm co Bred Pitte che l’ha scaricato ‘a regazza tua, li Greci ereno dieci anni che provaveno a conquistà Troia, e staveno quasi a rinuncià quanno che Ulisse che era ‘n botto svejo cià n’idea brillante, dice “Regà stateme a sentì, famo così: famo finta d’annassene, co ‘e navi e tutto, solo che se nasconnemo dietro quee isolette; e qui, davanti a ‘e porte de Troia, je lasciamo un ber cavallo de legno, ma granne, come che fosse n’offerta a ‘i dei. Solo che er cavallo ‘o famo vòto, che drento ce se nasconneno dii sordati nostra; e quanno che li Troiani, pensanno caa guera è finita, l’averanno portato drento ‘e mura, e se saranno tutti ‘mbriacati, li sordati zitti zitti escheno daa panza der cavallo, ce apreno ‘e porte, e ecchellallà che Troia è nostra”. Appena che Ulisse disse così, tutti a appaludì e a dije “a Ulì, sei popo ‘n genio”, e così fecero, costruirono er cavallo e robbe.

Solo che quanno li Troiani videro er cavallo e decisero de portallo drento, sto Laocoonte, che era pure lui un fijo de Troia, e sacerdote de Apollo, je venne come er sospetto che ce stava l’inganno, e cercò de convince l’artri a nun portallo drento sto cavallo, e je tirò pure na lancia su ‘a panza: ma li dei che proteggeveno li Greci, quanno se resero conto che sto cacacazzi stava a fà fallì er piano, je mannarono ‘n mostro marino tipo serpente che anfatti stritolò lui e pure li fiji sua; e li Troiani, subbito subbito, portarono er cavallo in città, e ‘a fine daa storia ‘a sai pure te.

E qui ‘a statua te fa vedè er grovijo de padre e fiji che cercheno de libberasse dar serpente ma nun ce sta gnente da fà. E vedi er dramma, e ‘a disperazione, e li muscoli e l’intreccio complicato, che ad esempio pure a Michelangelo je piaceva ‘n sacco.

E è vero, ‘a statua è rotta, perché è antica. E pensa che quanno fu trovata, ner 1506, era ancora più rotta, che mancava pure er braccio destro de Laocoonte. E siccome all’epoca ste statue dovevano soprattutto da decorà, e ar papa rotta nun je piaceva, ‘n artista che se chiamava Montorsoli je la restaurò, e ce mise ‘e parti che mancaveno, e fece pure sto braccio, ma nun sapenno com’era se lo ‘nventò e ‘o fece steso, verso su. Peccato che però ner 1905 un certo archeologo, Pollack, fece dii scavi vicino ar Colosseo, dove aveveno trovato ‘a statua, e trovò er braccio mancante: e peccato che era piegato, a Montò. Hai toppato, succede. E quinni, dopo, er braccio sbajato ‘o levarono e ce misero quello giusto, che ‘o vedi lì. E questo è uno dii motivi per cui oggi quanno se restaura nun se aggiungheno li pezzi che mancheno, perché se potrebbe fà na cazzata: e se pensa solo a pulì e tenè insieme li pezzi, che già è difficile.

27 3 / 2014

Paul Klee (Münchenbuchsee 1879 – Muralto 1940)
Magia di pesci
1925, The Philadelphia Museum of Art, Philadelphia, USA
Olio e acquarello verniciato, cm 76,8 x 98,1
-
Oggi pe parlatte de Paul Klee parto da na frase che ha detto lui e che te traduco direttamente in romano: “L’arte nun deve da rappresentà er monno visibbile, ma renne visibbile l’invisibbile”. Perché si ce pensi pure na fotografia, pe quanto pò esse ‘a riproduzione daa reartà, je dà sempre na sua interpretazione, è frutto de na scerta, der punto de vista d’aautore, e riflette nun solo er monno esterno ma pure quello mentale de chi l’ha fatta. E idem pe un quadro, o quello che è.
Che poi pure er monno che vedemo quanno aprimo l’occhi è solo uno spicchio minimo daa reartà. Pe nun parlà daa visione der monno che ce pò avè – che ne so – un regazzino oppure un malato de mente. E nun è che allora er monno der bambino o der matto sò meno reali de quello “vero”. Avoja. Vajelo a dì ar visionario che ‘a visione sua è finta: a lui je riempie ‘a testa e pe lui è ‘a cosa più importante che ce sta. E pure nee favole, ner mito, nee storie, ce sta una verità, pure che nun è quella daa scienza o daa vita pratica quotidiana.
Insomma, l’arte pe Klee te dà popo ‘a possibbilità de viaggià attarverso sti monni fantastici. Che però nun sò ‘na cosa completamente staccata dall’esperienza diciamo normale. Ad esempio qui ‘o vedi che sò pesci, pure che nòtano drento a un mare che pare na lavagna e so quasi fantasmi de pesci, lische fatte cor gessetto, immagini sognate, o personaggi de na fiabba. Artre vorte vedi città co cupole e campanili che pareno tele de ragno; oppure guerieri fatti de zeppetti che tireno ‘a lancia o na freccia; o piante inventate che potrebbero venì da n’antro pianeta. E questo me piace de Klee. Che nun cià mai ‘a spocchia. E’ capace de esse un granne artista moderno ma resta sempre simpatico, semprice e allegro.

Paul Klee (Münchenbuchsee 1879 – Muralto 1940)

Magia di pesci

1925, The Philadelphia Museum of Art, Philadelphia, USA

Olio e acquarello verniciato, cm 76,8 x 98,1

-

Oggi pe parlatte de Paul Klee parto da na frase che ha detto lui e che te traduco direttamente in romano: “L’arte nun deve da rappresentà er monno visibbile, ma renne visibbile l’invisibbile”. Perché si ce pensi pure na fotografia, pe quanto pò esse ‘a riproduzione daa reartà, je dà sempre na sua interpretazione, è frutto de na scerta, der punto de vista d’aautore, e riflette nun solo er monno esterno ma pure quello mentale de chi l’ha fatta. E idem pe un quadro, o quello che è.

Che poi pure er monno che vedemo quanno aprimo l’occhi è solo uno spicchio minimo daa reartà. Pe nun parlà daa visione der monno che ce pò avè – che ne so – un regazzino oppure un malato de mente. E nun è che allora er monno der bambino o der matto sò meno reali de quello “vero”. Avoja. Vajelo a dì ar visionario che ‘a visione sua è finta: a lui je riempie ‘a testa e pe lui è ‘a cosa più importante che ce sta. E pure nee favole, ner mito, nee storie, ce sta una verità, pure che nun è quella daa scienza o daa vita pratica quotidiana.

Insomma, l’arte pe Klee te dà popo ‘a possibbilità de viaggià attarverso sti monni fantastici. Che però nun sò ‘na cosa completamente staccata dall’esperienza diciamo normale. Ad esempio qui ‘o vedi che sò pesci, pure che nòtano drento a un mare che pare na lavagna e so quasi fantasmi de pesci, lische fatte cor gessetto, immagini sognate, o personaggi de na fiabba. Artre vorte vedi città co cupole e campanili che pareno tele de ragno; oppure guerieri fatti de zeppetti che tireno ‘a lancia o na freccia; o piante inventate che potrebbero venì da n’antro pianeta. E questo me piace de Klee. Che nun cià mai ‘a spocchia. E’ capace de esse un granne artista moderno ma resta sempre simpatico, semprice e allegro.

20 3 / 2014


Annibale Carracci (Bologna 1560 – Roma 1609)
Trionfo di Bacco e Arianna
1597-1600, Volta della Galleria in Palazzo Farnese, Roma
affresco, cm ?

-

E finarmente, daa regista de L’Arte Spiegazzata a Tutti, dai produttori de Social Nettuork e barbarie, dai truccatori de Tu Sorella, ecco l’attesa terza ed urtima puntata daa nostra storia.
Come potrai intuì dar fermo immaggine, ‘a storia finisce bene.
Anfatti chi capitò sull’isoletta? Nientepopòdimenoche  er dio Dioniso, anche noto come Bacco, che trovò Arianna, saa pijò, saa sposò, e saa portò via. E je regalò no un braccialetto o na pelliccia o no sbrillocco, ma na costellazione intera. Tiè. Teseo, me leggi?
Vedi che non tutto er male viè pe nòce. Che si se sposava Teseo, Arianna aa fin fine se ne annava a filà ‘a lana a casa der marito invece che a casa der padre. Ma co Dioniso, che è er dio der vino, dell’ebbrezza, daa festa acca24, ‘a vita è na specie de rave continuativo, nun so si me spiego.
Eccheli qui, Bacco e Arianna sur carro, tipo carnevale de Rio, Brigitte Bardò Bardò, A-E-I-O-U-Ippisilon, Eeeee Meo Amigo Charlie, eccetera eccetera.
Titoli de coda: Teseo, ar ritorno in patria, se dimenticò de issà ‘e vele bianche invece de quelle nere, come aveano concordato cor padre pe dì “tutto ok”. Er padre, paa disperazione de pensà er fijo morto, se ammazza. Se ringrazieno l’Ente der Turismo de Creta, l’Ambasciata francese, Autostrade pe l’Italia S.p.A, e Pura Lana Vergine. Nessun Minotauro è stato martrattato durante ‘a produzione de st’opera narrativa.
E dopo i titoli de coda, scatta er dibattito. Qui, er settanta per cento dii lettori se arza e se ne va. (fruscio, rumore de sedie spostate). Pe chi rimane, potemo dì che Annibbale Caracci fa parte daa pittura Manierista, cioè che dipigneva “aa maniera de” i granni, soprattutto Raffaello e Michelangelo. Sto soffitto qui, co tutte scene come si fossero quadri drento a na cornice architettonica, sicuro ricorda er soffitto daa Sistina. Pure li nudi muscolosi e ‘e pose ricordano Michelangelo. E’ no stile pure un botto decorativo, sembra quasi un rilievo de stucco o marmo colorato, popo come un carnevale. Finto, volutamente finto, come sta storia mitologgica, che è finta: ma l’arte che è si no finzione? Eppure, a modo suo, è vera, più vera der vero.

Annibale Carracci (Bologna 1560 – Roma 1609)

Trionfo di Bacco e Arianna

1597-1600, Volta della Galleria in Palazzo Farnese, Roma

affresco, cm ?

-

E finarmente, daa regista de L’Arte Spiegazzata a Tutti, dai produttori de Social Nettuork e barbarie, dai truccatori de Tu Sorella, ecco l’attesa terza ed urtima puntata daa nostra storia.

Come potrai intuì dar fermo immaggine, ‘a storia finisce bene.

Anfatti chi capitò sull’isoletta? Nientepopòdimenoche  er dio Dioniso, anche noto come Bacco, che trovò Arianna, saa pijò, saa sposò, e saa portò via. E je regalò no un braccialetto o na pelliccia o no sbrillocco, ma na costellazione intera. Tiè. Teseo, me leggi?

Vedi che non tutto er male viè pe nòce. Che si se sposava Teseo, Arianna aa fin fine se ne annava a filà ‘a lana a casa der marito invece che a casa der padre. Ma co Dioniso, che è er dio der vino, dell’ebbrezza, daa festa acca24, ‘a vita è na specie de rave continuativo, nun so si me spiego.

Eccheli qui, Bacco e Arianna sur carro, tipo carnevale de Rio, Brigitte Bardò Bardò, A-E-I-O-U-Ippisilon, Eeeee Meo Amigo Charlie, eccetera eccetera.

Titoli de coda: Teseo, ar ritorno in patria, se dimenticò de issà ‘e vele bianche invece de quelle nere, come aveano concordato cor padre pe dì “tutto ok”. Er padre, paa disperazione de pensà er fijo morto, se ammazza. Se ringrazieno l’Ente der Turismo de Creta, l’Ambasciata francese, Autostrade pe l’Italia S.p.A, e Pura Lana Vergine. Nessun Minotauro è stato martrattato durante ‘a produzione de st’opera narrativa.

E dopo i titoli de coda, scatta er dibattito. Qui, er settanta per cento dii lettori se arza e se ne va. (fruscio, rumore de sedie spostate). Pe chi rimane, potemo dì che Annibbale Caracci fa parte daa pittura Manierista, cioè che dipigneva “aa maniera de” i granni, soprattutto Raffaello e Michelangelo. Sto soffitto qui, co tutte scene come si fossero quadri drento a na cornice architettonica, sicuro ricorda er soffitto daa Sistina. Pure li nudi muscolosi e ‘e pose ricordano Michelangelo. E’ no stile pure un botto decorativo, sembra quasi un rilievo de stucco o marmo colorato, popo come un carnevale. Finto, volutamente finto, come sta storia mitologgica, che è finta: ma l’arte che è si no finzione? Eppure, a modo suo, è vera, più vera der vero.

13 3 / 2014


Angelica Kauffmann (Coira, 1741 – Roma, 1807)
Arianna abbandonata da Teseo
Pre 1782, Gemäldegalerie Alte Meister, Dresda, Germania
olio su tela, cm 88 x 70,5

-
Ecchice qua aa seconna puntata daa storia de Teseo e Arianna. Te sò mancata? Magari te sei annato già a legge ‘a fine da quarche parte: ma si invece sei de quelli che odieno li spoiler, ecco qua er seconno pezzo daa triloggia.
Che è er pezzo in cui, immancabbirmente, l’omo se comporta da pezzo demmerda.
Anfatti succede che mentre Teseo veleggia verso casa, decideno de fà na pausa a un Autogrill, all’area de servizio Nasso. No scherzo dai, se fermeno insomma su st’isoletta pe fà rifornimento e sgranchì ‘e gambe. Arianna se butta n’attimo da na parte, all’ombra, e com’è come nun è, s’appisola. Teseo fa benzina, va ar cesso, se compra un paio de salamelle da portà a casa e un dvd de Hercules che stava in offerta, risale su ‘a nave chii compagni, e sarpa. Diciamo NUN S’ACCORGE che Arianna nun ce sta. Io manco commento.
Arianna se sveja e se trova sola. Ecchela qua che Angelica Kauffmann taa fa vede sconsolata e giustamente arterata che co ‘e mani manna l’accidenti aa nave de Teseo che se allontana all’orizzonte. Cupido piagne pure lui, e dice: “L’Amore è na merda. Che fatico a fà tutti i giorni a tirà frecce si poi ‘a gente è stronza? Nun ciò manco dieci anni e vojo già annà in pensione”.
Dice po’ esse che ‘a pittrice qua se ricordasse der primo marito suo, un certo conte svedese, che l’abbandonò portannose via pure un sacco de sordi. Po’ esse. Ma ogni donna sa che vor dì, e penso pure ogni omo che è stato lassato senza manco ciao.
Angelica Kauffmann pur essenno svizzera ha passato parecchio tempo in Italia e je piaceva ‘a curtura classica, come qua er mito greco, che ai tempi sua annava popo de moda studialla. E cià pure però sta vena romantica, come se vede bene da sto quadro, che te vole comunicà er sentimento, er senso de tristezza e abbandono, nun solo da parte der fidanzato, ma quasi come si Arianna fosse n’essere umano sur cijo der monno, che guarda lontano verso l’orizzonte tutto ciò che se ne va e che nun torna più.
Lassamo dunque Arianna che piagne, e noi se vedemo settimana prossima, co er finale daa storia.
)

Angelica Kauffmann (Coira, 1741 – Roma, 1807)

Arianna abbandonata da Teseo

Pre 1782, Gemäldegalerie Alte Meister, Dresda, Germania

olio su tela, cm 88 x 70,5

-

Ecchice qua aa seconna puntata daa storia de Teseo e Arianna. Te sò mancata? Magari te sei annato già a legge ‘a fine da quarche parte: ma si invece sei de quelli che odieno li spoiler, ecco qua er seconno pezzo daa triloggia.

Che è er pezzo in cui, immancabbirmente, l’omo se comporta da pezzo demmerda.

Anfatti succede che mentre Teseo veleggia verso casa, decideno de fà na pausa a un Autogrill, all’area de servizio Nasso. No scherzo dai, se fermeno insomma su st’isoletta pe fà rifornimento e sgranchì ‘e gambe. Arianna se butta n’attimo da na parte, all’ombra, e com’è come nun è, s’appisola. Teseo fa benzina, va ar cesso, se compra un paio de salamelle da portà a casa e un dvd de Hercules che stava in offerta, risale su ‘a nave chii compagni, e sarpa. Diciamo NUN S’ACCORGE che Arianna nun ce sta. Io manco commento.

Arianna se sveja e se trova sola. Ecchela qua che Angelica Kauffmann taa fa vede sconsolata e giustamente arterata che co ‘e mani manna l’accidenti aa nave de Teseo che se allontana all’orizzonte. Cupido piagne pure lui, e dice: “L’Amore è na merda. Che fatico a fà tutti i giorni a tirà frecce si poi ‘a gente è stronza? Nun ciò manco dieci anni e vojo già annà in pensione”.

Dice po’ esse che ‘a pittrice qua se ricordasse der primo marito suo, un certo conte svedese, che l’abbandonò portannose via pure un sacco de sordi. Po’ esse. Ma ogni donna sa che vor dì, e penso pure ogni omo che è stato lassato senza manco ciao.

Angelica Kauffmann pur essenno svizzera ha passato parecchio tempo in Italia e je piaceva ‘a curtura classica, come qua er mito greco, che ai tempi sua annava popo de moda studialla. E cià pure però sta vena romantica, come se vede bene da sto quadro, che te vole comunicà er sentimento, er senso de tristezza e abbandono, nun solo da parte der fidanzato, ma quasi come si Arianna fosse n’essere umano sur cijo der monno, che guarda lontano verso l’orizzonte tutto ciò che se ne va e che nun torna più.

Lassamo dunque Arianna che piagne, e noi se vedemo settimana prossima, co er finale daa storia.

)

06 3 / 2014


Pittore di Kleophrades (attivo dagli inizi del V secolo a.C. per circa un trentennio)
Teseo uccide il Minotauro
500 - 470 a.C., Museo Civico Archeologico di Bologna, provenienza ignota
Interno di kylix attica, argilla a figure rosse, altezza: 11.3 cm - diametro orlo: 27.2 cm

-

Caro truzzo mio, siccome te lamenti che aa regazza tua je piaceno tutte ste serie tv che vanno mo, che se chiude in casa e se spara venti puntate a botta, e tu naa vedi quasi più si no nei uichènd, te vojo reccontà puro io na bella storia, d’amore, battaje, mostri e viaggi avventurosi, che magari je ‘a pòi rireccontà aa regazza tua pe tentà de eguajà armeno in parte er fascino de Dottor U, Brekin Bad, e Trono de Spade.
E taa recconto in tre episodi, così pe creà ‘a suspans.
Er primo episodio se svorge a Creta: ma nun è na storia tipo Sapore de mare o Natale a Mikonos. Stamme a sentì.
Guarda sto vaso greco, e vedi n’omo che lotta co un mostro. Ner cerchio che je fa da cornice, che sembra quasi che stanno drento a una dee quee ròte pii criceti e che stanno a scivolà, che je dà popo un senso de movimento, vedi l’omo che affera er braccio der mostro e ‘o sta pe infirzà co ‘a spada.
Personaggi: l’omo se chiama Teseo, eroico principe de Atene, mentre er mostro se chiama Minotauro, che era fijo daa regina de Creta e de un toro. Sì, hai capito bene. E anfatti ciaveva er corpo de omo ma ‘a testa de toro.
Flescbeck: Minosse, er re de Creta, nun è che l’aveva presa tanto bene sta cosa che ‘a moje se la faceva co un toro, quasi fosse diciamo scontenta dee prestazioni coniugali. Che fa? ’O rinchiude drento a un labirinto pe nun fallo scappà, e ogni nove anni je fa portà sette pischelli e sette pischelle daa città de Atene pe fallo magnà, perché ar Minotauro tutto er resto je restava indigesto e magnava solo carne umana.
Artro che Uolking Ded, hai capito hai.
Teseo decide de libberà l’Ateniesi da sto dramma, e munito de spada e de coraggio va a Creta. Ma er problema era nun solo ammazzà er Minotauro: bensì, na vorta eventuarmente ammazzatolo, tornà fòri dar labirinto senza perdese, che er rischio era de rimanè là drento pii secoli dii secoli amen, peggio che fà ‘a fila aa posta.
E qui, je viè in aiuto ‘a fija de Minosse, Arianna, che aveva adocchiato che Teseo era un ber pischello e ciaveva fatto un pensierino. Che fa Arianna, furba? Pija er gomitolo de lana che stava a filà, lega un capo aa vita de Teseo, e mentre che lui se addrenta ner labirinto, comincia a svorge er filo. Dopo che, come vedi daa pittura, Teseo ha ammazzato er mostro, segue a ritroso er filo e, tacchete! Libero e bello! Se bacia tutta Arianna e je fa “Amò! Viè co me che se ne tornamo a Atene e se sposamo, nun vedo l’ora de fatte conosce mamma”.
Fine daa prima parte.
Si vòi, poi pure smette de legge. Ma si je la fai ancora, te do due tre info extra.
Uno, che ‘a lotta dell’omo contro ‘a creatura mostruosa e cannibale rappresenta ner monno greco ‘a lotta daa civirtà contro ‘a barbarie, daa ragione contro l’istinto brutale.
Due, a quer tempo ‘e donne staveno chiuse a fà e faccenne e a filà ‘a lana. Ma nun è che ereno sceme, come vedi. E er filo, simbolicamente, rappresenta pure er filo daa logica e der pensiero, come noi diciamo “er filo der discorso”, oppure “tesse na trama”: ed è sto filo, tessuto da na donna, che permette a Teseo de uscì indenne dar buio e dar casino dii coridoi senza senso.
Tre, sta tecnica de pittura se chiama a figure rosse. Prima, esisteva na tecnica che se diceva a figure nere: er colore dell’argilla è rosso, er pittore pijava ‘a vernice nera e faceva tutte ‘e figurine eccetera. Unico problema era che fà i particolari e ‘e linee sottili interne aa figura, esempio l’occhio, era na cifra tosto, tanto che a vorte l’inseriveno dopo sgrattanno via co na punta ‘a vernice nera. Poi quarcuno ha fatto na bella pensata: perché nun dipignemo de nero er fonno, e lassamo in rosso ‘e figure? Così l’occhi, ‘e pieghe, i dettaj, li potemo dipigne co un pennelletto fino, che ce vò sempre ‘a mano ferma ma viè sicuramente mejo. E così fu. E sto pittore qua, de cui in reartà nun sapemo er nome, fu uno dii primi e dii più bravi a provà sto metodo nuovo.
Aa settimana prossima pe er continuo.

 

Pittore di Kleophrades (attivo dagli inizi del V secolo a.C. per circa un trentennio)

Teseo uccide il Minotauro

500 - 470 a.C., Museo Civico Archeologico di Bologna, provenienza ignota

Interno di kylix attica, argilla a figure rosse, altezza: 11.3 cm - diametro orlo: 27.2 cm

-

Caro truzzo mio, siccome te lamenti che aa regazza tua je piaceno tutte ste serie tv che vanno mo, che se chiude in casa e se spara venti puntate a botta, e tu naa vedi quasi più si no nei uichènd, te vojo reccontà puro io na bella storia, d’amore, battaje, mostri e viaggi avventurosi, che magari je ‘a pòi rireccontà aa regazza tua pe tentà de eguajà armeno in parte er fascino de Dottor U, Brekin Bad, e Trono de Spade.

E taa recconto in tre episodi, così pe creà ‘a suspans.

Er primo episodio se svorge a Creta: ma nun è na storia tipo Sapore de mare o Natale a Mikonos. Stamme a sentì.

Guarda sto vaso greco, e vedi n’omo che lotta co un mostro. Ner cerchio che je fa da cornice, che sembra quasi che stanno drento a una dee quee ròte pii criceti e che stanno a scivolà, che je dà popo un senso de movimento, vedi l’omo che affera er braccio der mostro e ‘o sta pe infirzà co ‘a spada.

Personaggi: l’omo se chiama Teseo, eroico principe de Atene, mentre er mostro se chiama Minotauro, che era fijo daa regina de Creta e de un toro. Sì, hai capito bene. E anfatti ciaveva er corpo de omo ma ‘a testa de toro.

Flescbeck: Minosse, er re de Creta, nun è che l’aveva presa tanto bene sta cosa che ‘a moje se la faceva co un toro, quasi fosse diciamo scontenta dee prestazioni coniugali. Che fa? ’O rinchiude drento a un labirinto pe nun fallo scappà, e ogni nove anni je fa portà sette pischelli e sette pischelle daa città de Atene pe fallo magnà, perché ar Minotauro tutto er resto je restava indigesto e magnava solo carne umana.

Artro che Uolking Ded, hai capito hai.

Teseo decide de libberà l’Ateniesi da sto dramma, e munito de spada e de coraggio va a Creta. Ma er problema era nun solo ammazzà er Minotauro: bensì, na vorta eventuarmente ammazzatolo, tornà fòri dar labirinto senza perdese, che er rischio era de rimanè là drento pii secoli dii secoli amen, peggio che fà ‘a fila aa posta.

E qui, je viè in aiuto ‘a fija de Minosse, Arianna, che aveva adocchiato che Teseo era un ber pischello e ciaveva fatto un pensierino. Che fa Arianna, furba? Pija er gomitolo de lana che stava a filà, lega un capo aa vita de Teseo, e mentre che lui se addrenta ner labirinto, comincia a svorge er filo. Dopo che, come vedi daa pittura, Teseo ha ammazzato er mostro, segue a ritroso er filo e, tacchete! Libero e bello! Se bacia tutta Arianna e je fa “Amò! Viè co me che se ne tornamo a Atene e se sposamo, nun vedo l’ora de fatte conosce mamma”.

Fine daa prima parte.

Si vòi, poi pure smette de legge. Ma si je la fai ancora, te do due tre info extra.

Uno, che ‘a lotta dell’omo contro ‘a creatura mostruosa e cannibale rappresenta ner monno greco ‘a lotta daa civirtà contro ‘a barbarie, daa ragione contro l’istinto brutale.

Due, a quer tempo ‘e donne staveno chiuse a fà e faccenne e a filà ‘a lana. Ma nun è che ereno sceme, come vedi. E er filo, simbolicamente, rappresenta pure er filo daa logica e der pensiero, come noi diciamo “er filo der discorso”, oppure “tesse na trama”: ed è sto filo, tessuto da na donna, che permette a Teseo de uscì indenne dar buio e dar casino dii coridoi senza senso.

Tre, sta tecnica de pittura se chiama a figure rosse. Prima, esisteva na tecnica che se diceva a figure nere: er colore dell’argilla è rosso, er pittore pijava ‘a vernice nera e faceva tutte ‘e figurine eccetera. Unico problema era che fà i particolari e ‘e linee sottili interne aa figura, esempio l’occhio, era na cifra tosto, tanto che a vorte l’inseriveno dopo sgrattanno via co na punta ‘a vernice nera. Poi quarcuno ha fatto na bella pensata: perché nun dipignemo de nero er fonno, e lassamo in rosso ‘e figure? Così l’occhi, ‘e pieghe, i dettaj, li potemo dipigne co un pennelletto fino, che ce vò sempre ‘a mano ferma ma viè sicuramente mejo. E così fu. E sto pittore qua, de cui in reartà nun sapemo er nome, fu uno dii primi e dii più bravi a provà sto metodo nuovo.

Aa settimana prossima pe er continuo.

 

27 2 / 2014

Antoni Gaudì (Reus 1852 – Barcellona 1929)

Parco Güell

1900-1914, Barcellona

17 ettari circa

-

Quanno che uno pensa aa architettura der Novecento, in genere pensa a na robba fatta de quadrati: semprice, funzionale, chiara, industriale, scientifica.

In reartà nun è così, basti pensà ar Liberty o a personaggi tipo Gaudì. Se potemo immaginà sto dialogo tra Gaudì e quarche collega suo, mentre se ne stanno belli spaparanzati su ‘e nuvolette der Paradiso, sezione Architetti.

Architetto razionalista: “A Antonì, io te stimo e tutto, però guardo giù sto Parco Guelle che hai fatto te e dico ammazza che gran casino. Parono ‘e costruzioni de mi fijo quanno ciaveva tre anni.”

Gaudì: “E buttalo via! Io me so divertito na cifra anfatti. Nun so te, invece, a fà tutte quee finestre ugguali senza manco ‘a cornice e disegnà cubi bianchi tutta ‘a vita”.

Architetto razionalista: “Er fatto è che amo lottato tanto pe libberasse de tutti i fronzoli der barocco, de quee robbe inutili che serveno solo a pijà porvere o a mettece ‘n anno in più. Er monno moderno e civilizzato deve da esse razionale, improntato a logica e funzionalità.”

Gaudì. “E chi too dice che er quadrato, ‘a linea retta, er colore unico, so mejo o più logici o più moderni, come dici te? ‘O vedi, pe dì, quer portico che ho messo lì? Pare fatto de fango, ‘o so: è fatto apposta, che nun se capisce si è arte o natura. E ‘a vedi quaa panchina che se snoda come un serpente co tutte ‘e scaje colorate? E quer camino che pare un fungo, quee decorazioni che pareno fiori? Queste so ‘è forme primarie e più loggiche, quelle daa natura, che daa notte dii tempi segueno sempre determinate regole; e me pare che funzioneno da paura, si nun sbajo.”

Architetto razionalista: “E ma così nun annamo da nessuna parte. Restamo fermi a quanno Berta filava. ‘A natura è tanto bella ma lassamoje fà er mestiere suo. Er mestiere nostro nun è copialla, ma costruì spazi diversi, umani. E’ questa ‘a civirtà”.

Gaudì: “Ma sei popo sicuro che solo ‘a loggica è na prerogativa daa civirtà? A me me risurta che da quanno che l’omo è omo nun fa che decorà er monno. Tatuaggi, freggi, pitture, cornici, pupazzetti, perline, colori, pure dove nun serveno. Ar paese mio, lì in Catalogna, ce sta na tradizione de ceramiche colorate e de artigianato che popo levete. L’omo sarà pure un essere razionale: ma è l’unico essere a avecce ‘a fantasia.”

[Nota daa redattrice: sia Gaudì che er collega sua dicono sempre “omo” pe dì “umanità”, che all’epoca loro nun c’era ‘a consapevolezza che più daa metà de st’umanità semo femmine. Vado avanti.]

Architetto razionalista : “Ma caa fantasia se combina poco. Te vòi n’omo che sogna. Io vojo n’omo che lavora, che costruisce na società de omini liberi e uguali, senza palazzi e catapecchie ma co case democratiche pe tutti. Bello sto parco Guelle che hai fatto te: ma l’hai potuto fà perché sto signor Guelle civeva un sacco de sordi e se poteva permette de pensà a na robba così.”

Gaudì: “Oggi però ce ponno annà tutti…”

Architetto razionalista: “E ‘o vedi che quarcosa de bono cor tempo se conquista.”

Gaudì: “E vabbè, come sempre rimanemo ognuno d’opignone sua. Annamo va, che se sò fatte ‘e cinque e Bernini cià invitato a giocà a tresette. ‘O sai che Boromini se famo tardi se incazza.”

20 2 / 2014

Pietro Perugino (Pietro di Cristoforo Vannucci, Città della Pieve, 1448 circa – Fontignano, 1523)
La consegna delle chiavi
1482, Cappella Sistina, Musei Vaticani
Affresco, cm 335 x 550
-
Devi da sapè che ner vangelo de Matteo – no, no Matteo quello der piano de sotto, san Matteo, che ha scritto uno dii quattro vangeli – Gesù je dice a Pietro – e no, no Pietro er pizzettaro all’angolo - aho comunque co te se sa quanno se comincia e nun se sa quanno se finisce, che ogni cosa tocca spiegattela, vabbè. Insomma Matteo, no cioè scusa me stai a fà confonne, Gesù je dice a Pietro, “tu sei Pietro (che nun era er nome suo ma un soprannome, come oggi sarebbe a dì Sercio, forse perché era na persona affidabile o forse perché era na capa tosta), e su sta pietra io ce fonno ‘a Chiesa mia”. Che no, aridaje, nun era un palazzinaro, se parla in senso figurato. E poi je fa “Te do ste chiavi e bada che quello che ce apri e ce chiudi vale ‘n cielo come ‘n tera” - vabbè ‘e parole so un po’ diverse ma er senso è quello.
Che poi tocca vede se è davero Gesù che dice sta cosa o nun è Matteo – sì ‘o so, prima t’ho detto Gesù, ma intendevo naa storia è Gesù che parla, però è Matteo che scrive – te stai a sconfonne? E nun sei er solo. Perché come te dicevo li studiosi nun sò popo tutti d’accordo e c’è chi dice che ste parole è Matteo che ‘e mette ‘n bocca a Gesù perché quanno Matteo scrive li cristiani ereno già diventati nun dico na Chiesa ma certo na cosa diversa dall’Ebrei, mente invece tocca vede se Gesù ce pensava pe gnente a fonnà Chiese e fà papi e dà chiavi. Ad ogni modo, sta pittura se chiama appunto ‘A consegna dee chiavi’, che nun è perché San Pietro s’era comprato ‘a machina, ma sò ‘e chiavi de sto episodio der vangelo che sò simboliche e rappresenteno l’autorità e ‘a responsabbilità su ‘a Chiesa. Che se ‘e pija Pietro, che paa Chiesa cattolica verebbe a dì er primo papa. E dopo de lui ste chiavi se ‘e sò tramannate de papa ‘n papa, fino a oggi. Sempre che, appunto.
Ma sto affresco ar Peruggino l’ha commissionato popo un papa, cioè papa Sisto Quarto, che è quello daa Cappella Sistina che anfatti sto dipinto sta lì. E lui de dubbi nun ce n’aveva che ste chiavi je spettaveno de diritto, onori e oneri compresi. E ste chiavi sò due, una d’oro e una d’argento, perché all’epoca er papa era capo du vorte, religioso e politico; e anfatti su ‘o sfonno c’è na chiesa e poi c’è l’arco de Costantino, che Costantino a li cristiani je diede ‘a libertà e er papa je n’è grato; e ce sta no una, bensì du vorte, a ribadì che er papa nun era sortanto papa e prete ma pure imperatore assieme. Come a dì, Dio m’ha date e guai a chi me ‘e tocca.

Pietro Perugino (Pietro di Cristoforo Vannucci, Città della Pieve, 1448 circa – Fontignano, 1523)

La consegna delle chiavi

1482, Cappella Sistina, Musei Vaticani

Affresco, cm 335 x 550

-

Devi da sapè che ner vangelo de Matteo – no, no Matteo quello der piano de sotto, san Matteo, che ha scritto uno dii quattro vangeli – Gesù je dice a Pietro – e no, no Pietro er pizzettaro all’angolo - aho comunque co te se sa quanno se comincia e nun se sa quanno se finisce, che ogni cosa tocca spiegattela, vabbè. Insomma Matteo, no cioè scusa me stai a fà confonne, Gesù je dice a Pietro, “tu sei Pietro (che nun era er nome suo ma un soprannome, come oggi sarebbe a dì Sercio, forse perché era na persona affidabile o forse perché era na capa tosta), e su sta pietra io ce fonno ‘a Chiesa mia”. Che no, aridaje, nun era un palazzinaro, se parla in senso figurato. E poi je fa “Te do ste chiavi e bada che quello che ce apri e ce chiudi vale ‘n cielo come ‘n tera” - vabbè ‘e parole so un po’ diverse ma er senso è quello.

Che poi tocca vede se è davero Gesù che dice sta cosa o nun è Matteo – sì ‘o so, prima t’ho detto Gesù, ma intendevo naa storia è Gesù che parla, però è Matteo che scrive – te stai a sconfonne? E nun sei er solo. Perché come te dicevo li studiosi nun sò popo tutti d’accordo e c’è chi dice che ste parole è Matteo che ‘e mette ‘n bocca a Gesù perché quanno Matteo scrive li cristiani ereno già diventati nun dico na Chiesa ma certo na cosa diversa dall’Ebrei, mente invece tocca vede se Gesù ce pensava pe gnente a fonnà Chiese e fà papi e dà chiavi. Ad ogni modo, sta pittura se chiama appunto ‘A consegna dee chiavi’, che nun è perché San Pietro s’era comprato ‘a machina, ma sò ‘e chiavi de sto episodio der vangelo che sò simboliche e rappresenteno l’autorità e ‘a responsabbilità su ‘a Chiesa. Che se ‘e pija Pietro, che paa Chiesa cattolica verebbe a dì er primo papa. E dopo de lui ste chiavi se ‘e sò tramannate de papa ‘n papa, fino a oggi. Sempre che, appunto.

Ma sto affresco ar Peruggino l’ha commissionato popo un papa, cioè papa Sisto Quarto, che è quello daa Cappella Sistina che anfatti sto dipinto sta lì. E lui de dubbi nun ce n’aveva che ste chiavi je spettaveno de diritto, onori e oneri compresi. E ste chiavi sò due, una d’oro e una d’argento, perché all’epoca er papa era capo du vorte, religioso e politico; e anfatti su ‘o sfonno c’è na chiesa e poi c’è l’arco de Costantino, che Costantino a li cristiani je diede ‘a libertà e er papa je n’è grato; e ce sta no una, bensì du vorte, a ribadì che er papa nun era sortanto papa e prete ma pure imperatore assieme. Come a dì, Dio m’ha date e guai a chi me ‘e tocca.