18 9 / 2014

Michelangelo Buonarroti (Caprese Michelangelo, 1475 – Roma, 1564)
Volta della Cappella Sistina
1508-12, Vaticano
affresco, m 41 x 13,5 circa

-
Quanno che er papa Giulio II je chiese de dipigne er soffitto daa Cappella Sistina, a Michelangelo je prese un mezzo coccolone, che nun j’annava pe gnente, primo perché se sentiva scurtore no pittore, seconno perché daa tecinca d’aaffresco nun se sentiva tanto sicuro, terzo perché co sto papa ce stava sempre a litigà. Ma dopo du anni de tira e molla finarmente mise mano ar pennello: e pe dilla tutta, popo na ciofeca nun j’è venuta.
Pe quattr’anni se ne stette sull’impalcature mezzo sdraiato caa pittura che je cascava in faccia, ma ce prese gusto, tanto che da na ventina de figure che doveva da fà all’inizio, aa fine ce ne stanno più de trecento.
Pe falla breve, che co te na parola è poca e du so troppe, tutt’attorno, drento quii triangoli e nee lunette sopra ‘e finestre, ce stanno l’antenati de Gesù, daa famija de Davide, no Davide er Patata ma Davide re de Israele, che Gesù era ebreo, anche se a vorte quanno ‘o dici a gente te guarda come a dì “ma che me stai a pijà per culo?”.
Poi, ce stanno dee figure più granni, sedute, ommini e donne: l’ommini sò li profeti sempre de Israele, che stanno naa Bibbia, tipo Isaia, Geremia, così, mentre ‘ e donne sò ‘e Sibille, che verebbe come a dì profetesse Greche e Romane; che seconno li cristiani sia l’uni che l’antre nee loro profezie parleno de Gesù che deve arivà. Come a dì, nun solo l’Ebrei staveno a aspettà er Messia, che però poi quanno è arivato nun l’hanno riconosciuto: ma pure li pagani ‘o staveno a aspettà pure senza sapello. Morale daa storia: quello che te capita, o nun è quello che t’aspettavi, o nun sapevi de aspettallo. Che aspetti a fa?
E infine, tutto lungo er centro der soffitto, ce stanno ‘e storie daa Genesi, che sarebbe er primo libro daa Bibbia ndo se recconta popo l’inizio der monno: e vedi Dio che da principio se mette là e divide luce e ombra, poi fa ‘e piante, er sole, ‘a luna, i mari, ‘a tera, e infine er primo omo che se chiamava Adamo. E dopo avè fatto Adamo soo guarda e dice: “Bè, bè, sò stato bravo eh, come prima prova: mo famo sur serio e tiramo fòri er modello delux.” E te fece ‘a donna. E poi finarmente se riposò. E ‘a donna iniziò a spiccià casa e nun s’è fermata mai. No aspè: quella è ‘a punizione pe er Peccato Origginale, che disobbedischeno a Dio e se magneno sta mela che era er frutto daa conoscenza, che forse in effetti era mejo prima, che nun se sapeva gnente, no? Innocenti come pupi. Anvece quanno inizi a capì sò cazzi amari, perché vedi er bene e er male, sai che devi fà er bene, ma spesso fai er male uguale. Dio se incazza e ‘i caccia via. Basta giardino dell’Eden, tajatevi sti capelli, metteteve du stracci addosso che nun ve se pò vede, e annate a lavorà.
E ‘a storia finisce co Noè, che anfatti Dio je manna er diluvio all’umanità perché da che hanno lassato er Paradiso Terestre l’omini nun sò mijorati, anzi. Però a Noè ‘o sarva, lui e ‘a famija sua. E lì pe lì Noè je dice pure grazie a Dio, je offre sacrifici, dice “bada vojo faje vede a Dio che io sò bravo, me metto de impegno a lavorà”, e inizia a cortivà ‘a tera, e scopre ‘a vite, e ce fa er vino… bono! Bevine uno bevine due, poraccio, che ne sapeva d’eeffetti collaterali, insomma daje e daje se imbriaca. E gnente: semo irecuperabbili, Signò, scusece tanto, gna potemo fà.

Michelangelo Buonarroti (Caprese Michelangelo, 1475 – Roma, 1564)

Volta della Cappella Sistina

1508-12, Vaticano

affresco, m 41 x 13,5 circa

-

Quanno che er papa Giulio II je chiese de dipigne er soffitto daa Cappella Sistina, a Michelangelo je prese un mezzo coccolone, che nun j’annava pe gnente, primo perché se sentiva scurtore no pittore, seconno perché daa tecinca d’aaffresco nun se sentiva tanto sicuro, terzo perché co sto papa ce stava sempre a litigà. Ma dopo du anni de tira e molla finarmente mise mano ar pennello: e pe dilla tutta, popo na ciofeca nun j’è venuta.

Pe quattr’anni se ne stette sull’impalcature mezzo sdraiato caa pittura che je cascava in faccia, ma ce prese gusto, tanto che da na ventina de figure che doveva da fà all’inizio, aa fine ce ne stanno più de trecento.

Pe falla breve, che co te na parola è poca e du so troppe, tutt’attorno, drento quii triangoli e nee lunette sopra ‘e finestre, ce stanno l’antenati de Gesù, daa famija de Davide, no Davide er Patata ma Davide re de Israele, che Gesù era ebreo, anche se a vorte quanno ‘o dici a gente te guarda come a dì “ma che me stai a pijà per culo?”.

Poi, ce stanno dee figure più granni, sedute, ommini e donne: l’ommini sò li profeti sempre de Israele, che stanno naa Bibbia, tipo Isaia, Geremia, così, mentre ‘ e donne sò ‘e Sibille, che verebbe come a dì profetesse Greche e Romane; che seconno li cristiani sia l’uni che l’antre nee loro profezie parleno de Gesù che deve arivà. Come a dì, nun solo l’Ebrei staveno a aspettà er Messia, che però poi quanno è arivato nun l’hanno riconosciuto: ma pure li pagani ‘o staveno a aspettà pure senza sapello. Morale daa storia: quello che te capita, o nun è quello che t’aspettavi, o nun sapevi de aspettallo. Che aspetti a fa?

E infine, tutto lungo er centro der soffitto, ce stanno ‘e storie daa Genesi, che sarebbe er primo libro daa Bibbia ndo se recconta popo l’inizio der monno: e vedi Dio che da principio se mette là e divide luce e ombra, poi fa ‘e piante, er sole, ‘a luna, i mari, ‘a tera, e infine er primo omo che se chiamava Adamo. E dopo avè fatto Adamo soo guarda e dice: “Bè, bè, sò stato bravo eh, come prima prova: mo famo sur serio e tiramo fòri er modello delux.” E te fece ‘a donna. E poi finarmente se riposò. E ‘a donna iniziò a spiccià casa e nun s’è fermata mai. No aspè: quella è ‘a punizione pe er Peccato Origginale, che disobbedischeno a Dio e se magneno sta mela che era er frutto daa conoscenza, che forse in effetti era mejo prima, che nun se sapeva gnente, no? Innocenti come pupi. Anvece quanno inizi a capì sò cazzi amari, perché vedi er bene e er male, sai che devi fà er bene, ma spesso fai er male uguale. Dio se incazza e ‘i caccia via. Basta giardino dell’Eden, tajatevi sti capelli, metteteve du stracci addosso che nun ve se pò vede, e annate a lavorà.

E ‘a storia finisce co Noè, che anfatti Dio je manna er diluvio all’umanità perché da che hanno lassato er Paradiso Terestre l’omini nun sò mijorati, anzi. Però a Noè ‘o sarva, lui e ‘a famija sua. E lì pe lì Noè je dice pure grazie a Dio, je offre sacrifici, dice “bada vojo faje vede a Dio che io sò bravo, me metto de impegno a lavorà”, e inizia a cortivà ‘a tera, e scopre ‘a vite, e ce fa er vino… bono! Bevine uno bevine due, poraccio, che ne sapeva d’eeffetti collaterali, insomma daje e daje se imbriaca. E gnente: semo irecuperabbili, Signò, scusece tanto, gna potemo fà.

11 9 / 2014

Guido Reni (Bologna 1575 -1642)
Atalanta e Ippomene
1620-25 ca, Napoli, Museo di Capodimonte
olio su tela, cm 192 x 264

-

Vedi qui Guido Reni bolognese che a inizio der Seicento, dopo tanto Manierismo, insieme a un gruppetto d’amichi sua se batte pe er ritorno ar classico e aa natura. E qui de classico ce sta, a parte er soggetto che viè dar mito antico, anche ‘a composizione semplice e ‘a monumentalità dii corpi: e ‘a natura puro ce sta, de sti du gnudi papali papali, anche se, come spesso accade, du veletti guarda caso vanno a coprì popo lì ndo ‘a natura è più natura. Però ce sta puro un po’ de barocco, che er movimento de sti due è quasi na danza, quasi che stanno su un parco de teatro, chee luci de scena che ta-daa! fanno risartà li protagonisti su un fonno scuro, quasi caravaggesco. Quinni misura e naturalezza ma puro effettacci e teatrino. E puro un pizzico de strana malinconia, che anche si poi ce sarà er lieto fine, qui sti due se ignoreno come du estranei, che vanno in du direzioni opposte e l’unico punto in cui se sovrappongheno è na ics, na forbice che taja, un “no”.
Mo tu me chiederai però perché sti due stanno a fà sta specie de balletto. Devi sapè che Atalanta nun è solo na squadra de carcio ma puro na donna der mito, na cifra sportiva in effetti: annava a caccia e coreva un botto forte. Oggi no problem, avrebbe vinto ‘a medaja all’olimpiadi, ma all’epoca solo l’omini faceveno ste robbe e ‘e donne staveno a casa (‘a fatica è ‘a stessa anzi peggio, immagina sortanto fà er bucato senza ‘a lavatrice: però a casa nun vinci nisun premio invece noo stadio sì). Er padre dunque ‘a voleva fà sposà ma a lei nun j’annava perché sapeva che così perdeva tutti li poteri sua. E allora Atalanta dice “vabbè, me sposo, ma solo co uno che córe più forte de me”, tanto ‘o sapeva che nu ‘a batteva nisuno. Però Ippomene che s’era popo nnammorato s’allena bene bene e chiede pure l’aiutino da casa a Afrodite, che je dà tre mele d’oro. Lui fa cascà ‘e mele durante ‘a corsa e Atalanta se ferma a riccojele e così Ippomene anfatti ariva primo. E questo pò volè dì tre cose: 1. Atalanta s’era nnammorata puro lei e l’ha fatto vince; 2. Atalanta era na tirchia che quanno vedeva l’oro je compariveno i dobloni nell’occhi tipo Paperon de Paperoni e nun ce capiva più un cazzo; 3. Atalanta avrà pensato “si uno cià tre mele d’oro e ‘e butta pure via, chissà quante de più ce n’ha naa cassetta de sicurezza daa banca e quinni occhei sposamoselo, tanto er bucato o farà ‘a serva e io posso annà a caccia e a córe a Villa Pamphili quanto me pare e piace”. E così, Atalanta 1 - Ippomene 1, pari e patta, felici e contenti.

Guido Reni (Bologna 1575 -1642)

Atalanta e Ippomene

1620-25 ca, Napoli, Museo di Capodimonte

olio su tela, cm 192 x 264

-

Vedi qui Guido Reni bolognese che a inizio der Seicento, dopo tanto Manierismo, insieme a un gruppetto d’amichi sua se batte pe er ritorno ar classico e aa natura. E qui de classico ce sta, a parte er soggetto che viè dar mito antico, anche ‘a composizione semplice e ‘a monumentalità dii corpi: e ‘a natura puro ce sta, de sti du gnudi papali papali, anche se, come spesso accade, du veletti guarda caso vanno a coprì popo lì ndo ‘a natura è più natura. Però ce sta puro un po’ de barocco, che er movimento de sti due è quasi na danza, quasi che stanno su un parco de teatro, chee luci de scena che ta-daa! fanno risartà li protagonisti su un fonno scuro, quasi caravaggesco. Quinni misura e naturalezza ma puro effettacci e teatrino. E puro un pizzico de strana malinconia, che anche si poi ce sarà er lieto fine, qui sti due se ignoreno come du estranei, che vanno in du direzioni opposte e l’unico punto in cui se sovrappongheno è na ics, na forbice che taja, un “no”.

Mo tu me chiederai però perché sti due stanno a fà sta specie de balletto. Devi sapè che Atalanta nun è solo na squadra de carcio ma puro na donna der mito, na cifra sportiva in effetti: annava a caccia e coreva un botto forte. Oggi no problem, avrebbe vinto ‘a medaja all’olimpiadi, ma all’epoca solo l’omini faceveno ste robbe e ‘e donne staveno a casa (‘a fatica è ‘a stessa anzi peggio, immagina sortanto fà er bucato senza ‘a lavatrice: però a casa nun vinci nisun premio invece noo stadio sì). Er padre dunque ‘a voleva fà sposà ma a lei nun j’annava perché sapeva che così perdeva tutti li poteri sua. E allora Atalanta dice “vabbè, me sposo, ma solo co uno che córe più forte de me”, tanto ‘o sapeva che nu ‘a batteva nisuno. Però Ippomene che s’era popo nnammorato s’allena bene bene e chiede pure l’aiutino da casa a Afrodite, che je dà tre mele d’oro. Lui fa cascà ‘e mele durante ‘a corsa e Atalanta se ferma a riccojele e così Ippomene anfatti ariva primo. E questo pò volè dì tre cose: 1. Atalanta s’era nnammorata puro lei e l’ha fatto vince; 2. Atalanta era na tirchia che quanno vedeva l’oro je compariveno i dobloni nell’occhi tipo Paperon de Paperoni e nun ce capiva più un cazzo; 3. Atalanta avrà pensato “si uno cià tre mele d’oro e ‘e butta pure via, chissà quante de più ce n’ha naa cassetta de sicurezza daa banca e quinni occhei sposamoselo, tanto er bucato o farà ‘a serva e io posso annà a caccia e a córe a Villa Pamphili quanto me pare e piace”. E così, Atalanta 1 - Ippomene 1, pari e patta, felici e contenti.

04 9 / 2014


Vincent Willem van Gogh (Zundert, 1853 – Auvers-sur-Oise, 1890)
Vaso con quindici girasoli
1889, Amsterdam, Van Gogh Museum 
olio su tela, 95x73 cm
-

Van Gogghe è n’antro de quelli che tutti ‘o conoscheno e a quasi tutti je piace, e tutti soo ricordeno come quello che era matto, che s’è tajato un orecchio, è stato in manicomio, e (pare) s’è pure sparato aa fine daa storia. Porello, certo bene nun stava. E’ stato un granne pittore espressionista, e sti Girasoli (che poi lui n’ha fatti più d’uno, bada) sò tra i quadri de fiori più famosi ar monno, che ce vanno ‘e scolaresche in gita a Amsterdamme (che speraveno de annacce più che antro pe er fumo ma je tocca pure annà a vede du quadri, du robbe), ed è fotocopiato e riprodotto su poster, calendari, majette, quaderni, astucci, cover de cellulari e tra un po’ pure carta igienica.
Dopo tanti quadri scuri, Van Gogghe a na certa inizia a dipigne co colori sempre più sgargianti, vòi pe l’influenza d’Iimpressionisti, vòi perché s’era trasferito dall’Olanda ner sud daa Francia che ce sta er sole. E sto dipinto è davero n’esplosione de colore. Pareno fochi d’artificio, antro che girasoli, stelle che rotano in tonno co raggi de fòco. Oppure na serie de occhi de mostro co ‘ e cija giganti o magari bocche tipo Alien. Ogni pennellata è na scudisciata, e pure bella erta.
Er giallo predomina, e nun solo qua. Dicheno che er giallo è er colore daa follia. E si Van Gogghe, come diceva sempre, voleva esprime quello che ciaveva drento, fai due più due e in effetti nun fa na piega.
Ce sta tanto da pensà su sti artisti che ereno matti o depressi, perché si è vero che l’arte loro derivava pure daa malattia o comunque daa sfiga che ciaveveno, uno se potrebbe chiede: ma si l’avessero curati, sarebbero stati granni artisti ugguale? Si uno soffre ner cervello e fa quadri da paura, tocca convincelo a curasse o tocca lassà sta sinnò nun fa più i quadri? Perché ‘a sofferenza de na persona va evitata, si se pò, sempre: ma si Van Gogghe fosse stato bene nun ciavremmo avuto ‘A Notte Stellata eccetera eccetera. O pure tipo Leopardi ad esempio, magara si nun ci aveva ‘a gobba e si se scopava a Sirvia, dopo nun scriveva L’Infinito: che lui sarebbe stato più contento forse, ma noi nun ciavremmo avuto sta poesia eccersa. Che è mejo?

Vincent Willem van Gogh (Zundert, 1853 – Auvers-sur-Oise, 1890)

Vaso con quindici girasoli

1889, Amsterdam, Van Gogh Museum

olio su tela, 95x73 cm

-

Van Gogghe è n’antro de quelli che tutti ‘o conoscheno e a quasi tutti je piace, e tutti soo ricordeno come quello che era matto, che s’è tajato un orecchio, è stato in manicomio, e (pare) s’è pure sparato aa fine daa storia. Porello, certo bene nun stava. E’ stato un granne pittore espressionista, e sti Girasoli (che poi lui n’ha fatti più d’uno, bada) sò tra i quadri de fiori più famosi ar monno, che ce vanno ‘e scolaresche in gita a Amsterdamme (che speraveno de annacce più che antro pe er fumo ma je tocca pure annà a vede du quadri, du robbe), ed è fotocopiato e riprodotto su poster, calendari, majette, quaderni, astucci, cover de cellulari e tra un po’ pure carta igienica.

Dopo tanti quadri scuri, Van Gogghe a na certa inizia a dipigne co colori sempre più sgargianti, vòi pe l’influenza d’Iimpressionisti, vòi perché s’era trasferito dall’Olanda ner sud daa Francia che ce sta er sole. E sto dipinto è davero n’esplosione de colore. Pareno fochi d’artificio, antro che girasoli, stelle che rotano in tonno co raggi de fòco. Oppure na serie de occhi de mostro co ‘ e cija giganti o magari bocche tipo Alien. Ogni pennellata è na scudisciata, e pure bella erta.

Er giallo predomina, e nun solo qua. Dicheno che er giallo è er colore daa follia. E si Van Gogghe, come diceva sempre, voleva esprime quello che ciaveva drento, fai due più due e in effetti nun fa na piega.

Ce sta tanto da pensà su sti artisti che ereno matti o depressi, perché si è vero che l’arte loro derivava pure daa malattia o comunque daa sfiga che ciaveveno, uno se potrebbe chiede: ma si l’avessero curati, sarebbero stati granni artisti ugguale? Si uno soffre ner cervello e fa quadri da paura, tocca convincelo a curasse o tocca lassà sta sinnò nun fa più i quadri? Perché ‘a sofferenza de na persona va evitata, si se pò, sempre: ma si Van Gogghe fosse stato bene nun ciavremmo avuto ‘A Notte Stellata eccetera eccetera. O pure tipo Leopardi ad esempio, magara si nun ci aveva ‘a gobba e si se scopava a Sirvia, dopo nun scriveva L’Infinito: che lui sarebbe stato più contento forse, ma noi nun ciavremmo avuto sta poesia eccersa. Che è mejo?

28 8 / 2014

Alexander Cozens (S. Pietroburgo 1717– Londra1786)
Paesaggio montuoso con cascata e castello
ca. 1740-1786, Victoria & Albert Museum, Londra
acquerello, 17,8 x 22.9 cm
-
L’acquerello nun l’hanno inventato l’inglesi però j’hanno certo dato na bella botta, soprattutto ner Settecento. All’artisti j’era bona pe fà schizzi rapidi sur posto e potecce lavorà dopo in studio co carma : ma poi ce pijarono pure gusto, che appena sciva un po’ de sole tiè, se piazzaveno là cor seggiolino e tàcchete, faceveno un ber paesaggino in quattro e quattr’otto, sverto sverto prima che ricominciava a piove che come se sa da quee parti è na cosa che nun je manca. Insomma, era ‘a cosa più vicina a instagramme che ce potevano avè tre secoli fa: veloce, economico, e relativamente facile.
Poi è na roba che se po’ fa all’aria aperta, e all’inglesi sta cosa j’è sempre piaciuta tanto, che de fonno, sotto sotto tutta ‘a grannissima civirtà, ‘e file dritte precise, ‘a Magna Carta, li sindacati, er tè dee cinque, er ferplei prego prima lei ma no si figuri prima lei, sò rimasti gente de foresta, de tera e de mare, che ‘o vedi quanno che se imbriacheno e tutta ‘a flemma se ne va giù ner tombino insieme ai resti daa bira. Ad ogni modo, insomma, ‘a natura all’inglese je piace, “molto pittoresco”, come diceva un comico famoso, perché l’inglesi sò romantici, fanno tutti i freddi precisi ma poi se impazzischeno e cianno Scecchespear e i Bitols, lov lov mi du; je piace fa er picnic, je piace ‘a canoa, ‘a bicicletta, er golf, er cricket, je piace annà a caccia come all’antenati loro, ar cane e ar cavallo je vonno bene quasi più che a un cristiano. E poi l’aria aperta tempra, fa bene, li vedi che gireno co ‘e canottiere e i sandaletti pure a Gennaio che a noi ce pijerebbe a broncopormonite, ma loro no, imperteriti, hailander immortali.
Scusa, me sò fatta trascinà fòri tema.
Guardete sto bell’acquerello de Alexander Cozens, che ce sta un ber paesaggio tranquillo de colline belle ordinate, ma poi pure ‘a cascatella che je dà un po’ de brio e de avventura, e pure er castello marcondirondirondello che te immaggini magara ce sta na principessa oppure un fantasma e tu sei er protagonista daa storia che te vòi reccontà, te e ‘a natura, soli soli, un monno ndo te senti libbero e in pace.

 

Alexander Cozens (S. Pietroburgo 1717– Londra1786)

Paesaggio montuoso con cascata e castello

ca. 1740-1786, Victoria & Albert Museum, Londra

acquerello, 17,8 x 22.9 cm

-

L’acquerello nun l’hanno inventato l’inglesi però j’hanno certo dato na bella botta, soprattutto ner Settecento. All’artisti j’era bona pe fà schizzi rapidi sur posto e potecce lavorà dopo in studio co carma : ma poi ce pijarono pure gusto, che appena sciva un po’ de sole tiè, se piazzaveno là cor seggiolino e tàcchete, faceveno un ber paesaggino in quattro e quattr’otto, sverto sverto prima che ricominciava a piove che come se sa da quee parti è na cosa che nun je manca. Insomma, era ‘a cosa più vicina a instagramme che ce potevano avè tre secoli fa: veloce, economico, e relativamente facile.

Poi è na roba che se po’ fa all’aria aperta, e all’inglesi sta cosa j’è sempre piaciuta tanto, che de fonno, sotto sotto tutta ‘a grannissima civirtà, ‘e file dritte precise, ‘a Magna Carta, li sindacati, er tè dee cinque, er ferplei prego prima lei ma no si figuri prima lei, sò rimasti gente de foresta, de tera e de mare, che ‘o vedi quanno che se imbriacheno e tutta ‘a flemma se ne va giù ner tombino insieme ai resti daa bira. Ad ogni modo, insomma, ‘a natura all’inglese je piace, “molto pittoresco”, come diceva un comico famoso, perché l’inglesi sò romantici, fanno tutti i freddi precisi ma poi se impazzischeno e cianno Scecchespear e i Bitols, lov lov mi du; je piace fa er picnic, je piace ‘a canoa, ‘a bicicletta, er golf, er cricket, je piace annà a caccia come all’antenati loro, ar cane e ar cavallo je vonno bene quasi più che a un cristiano. E poi l’aria aperta tempra, fa bene, li vedi che gireno co ‘e canottiere e i sandaletti pure a Gennaio che a noi ce pijerebbe a broncopormonite, ma loro no, imperteriti, hailander immortali.

Scusa, me sò fatta trascinà fòri tema.

Guardete sto bell’acquerello de Alexander Cozens, che ce sta un ber paesaggio tranquillo de colline belle ordinate, ma poi pure ‘a cascatella che je dà un po’ de brio e de avventura, e pure er castello marcondirondirondello che te immaggini magara ce sta na principessa oppure un fantasma e tu sei er protagonista daa storia che te vòi reccontà, te e ‘a natura, soli soli, un monno ndo te senti libbero e in pace.

 

25 8 / 2014

Un blogghe de arte che intervista un antro blogghe de arte.

21 8 / 2014

Giovanni Bellini (Venezia 1433 ca – 1516)
Ritratto di giovane 
1475-1478 circa, Bergamo, Accademia Carrara
olio su tavola, cm 33 x 27
-

Ma pensa te che un po’ de tempo fa me scriveno dall’Accademia Carara de Bergamo che dice “aho vedo che stai a usà er quadro nostro come icona der blogghe tuo”. A me m’ha pijato un córpo che pensavo aveveno rosicato o me staveno a fà causa, e invece no, porelli, anzi, er blogghe mio je piace pure! E dice “ma perché nun cioo spieghi aa maniera truzza?” Me s’è aperto er còre!
Mo, sto blogghe de accademico cià poco e gnente, diciamo che è più de Massa che de Carara e soprattutto nun è de Bergamo e se sente:: ma st’Accademia qui me sta popo simpatica; e pure sto regazzetto der quadro, che io l’ho scerto più che antro perché cià no sguardo mezzo svejo mezzo no, tipo che se gira de lato come a dì “…boh?”: che sarebbe ‘a reazione der truzzo medio de fronte all’arte. Prima de scoprì er blogghe mio, se intenne.
Comunque, come ce spiega er sito dell’Accademia stessa, che ne sa millanta più de me, “ ‘o sguardo velato de malinconia che er protagonista der dipinto rivorge verso ‘o spetattatore rammenta una dee peculiarità daa ritrattistica de Antonello” da Messina. Malinconico forse perché ancora nisuno j’aveva spiegato l’arte si no come modo pe investì li sordi, tanto che disse “me faccio fà un ritratto che mo se usa e va de moda e si nun ciai er ritratto fatto da uno famoso nun sei nisuno” (però ‘o disse in veneziano, ovvio). Come oggi si nun ciai er vestito firmato o armeno mille follouers su tuitter. 
Invece er dettajo preciso dii capelli, che in effetti pare che s’è messo er gel, che sò fatti uno a uno, e der chiaroscuro e dee pieguzze der vestito, sò un retaggio daa tradizione der padre Jacopo, che era un po’ tardogotico, signor precisetti insomma. Che anfatti er padre avea sistemato sia Giovanni che er fratello suo Gentile facennoli lavorà co lui aa bottega sua. ‘A fija femmina invece, che faje studià l’arte all’epoca pee femmine nun se usava, ‘a fece sposà sempre a un pittore famoso, Andrea Mantegna. E quinni, tra collaborazioni e matrimoni, era tutta na famija de pittori, che me immaggino ‘a sera a cena che du cojoni nun se parlava antro de “ma che hai usato te er pennello mio quoo lungo che nu ‘o trovo più” e “domani tocca che annamo a riparlà cor sor Veniero che ancora ce deve finì de pagà quaa Madonna de li mort…” Er tutto sempre in veneto, se intenne, ostregheta.
E infine sempre pe tornà ar giovane che nun sapemo er nome ma forse Jacopo, er mezzobbusto ricorda un po’ li ritratti eroici all’antica, tipo medajone o moneta de imperatore romano: un classico der Rinascimento, questo. 
E quinni vedi che sto anonimo truzzo de seicento anni fa, che ogni vorta sbircia er post mio de traverso su ‘a bacheca de Feisbuc o dar Dascebord de Tambler, co n’aria come a dì “mmm mo vedemo oggi che stronzate ha tirato fòri questa”, aa fin fine era niente popò di meno che classico, eroico, malinconico, mezzo tardogotico, e pure ben messo de saccoccia. Anacapito tiè.

 

Giovanni Bellini (Venezia 1433 ca – 1516)

Ritratto di giovane

1475-1478 circa, Bergamo, Accademia Carrara

olio su tavola, cm 33 x 27

-

Ma pensa te che un po’ de tempo fa me scriveno dall’Accademia Carara de Bergamo che dice “aho vedo che stai a usà er quadro nostro come icona der blogghe tuo”. A me m’ha pijato un córpo che pensavo aveveno rosicato o me staveno a fà causa, e invece no, porelli, anzi, er blogghe mio je piace pure! E dice “ma perché nun cioo spieghi aa maniera truzza?” Me s’è aperto er còre!

Mo, sto blogghe de accademico cià poco e gnente, diciamo che è più de Massa che de Carara e soprattutto nun è de Bergamo e se sente:: ma st’Accademia qui me sta popo simpatica; e pure sto regazzetto der quadro, che io l’ho scerto più che antro perché cià no sguardo mezzo svejo mezzo no, tipo che se gira de lato come a dì “…boh?”: che sarebbe ‘a reazione der truzzo medio de fronte all’arte. Prima de scoprì er blogghe mio, se intenne.

Comunque, come ce spiega er sito dell’Accademia stessa, che ne sa millanta più de me, “ ‘o sguardo velato de malinconia che er protagonista der dipinto rivorge verso ‘o spetattatore rammenta una dee peculiarità daa ritrattistica de Antonello” da Messina. Malinconico forse perché ancora nisuno j’aveva spiegato l’arte si no come modo pe investì li sordi, tanto che disse “me faccio fà un ritratto che mo se usa e va de moda e si nun ciai er ritratto fatto da uno famoso nun sei nisuno” (però ‘o disse in veneziano, ovvio). Come oggi si nun ciai er vestito firmato o armeno mille follouers su tuitter.

Invece er dettajo preciso dii capelli, che in effetti pare che s’è messo er gel, che sò fatti uno a uno, e der chiaroscuro e dee pieguzze der vestito, sò un retaggio daa tradizione der padre Jacopo, che era un po’ tardogotico, signor precisetti insomma. Che anfatti er padre avea sistemato sia Giovanni che er fratello suo Gentile facennoli lavorà co lui aa bottega sua. ‘A fija femmina invece, che faje studià l’arte all’epoca pee femmine nun se usava, ‘a fece sposà sempre a un pittore famoso, Andrea Mantegna. E quinni, tra collaborazioni e matrimoni, era tutta na famija de pittori, che me immaggino ‘a sera a cena che du cojoni nun se parlava antro de “ma che hai usato te er pennello mio quoo lungo che nu ‘o trovo più” e “domani tocca che annamo a riparlà cor sor Veniero che ancora ce deve finì de pagà quaa Madonna de li mort…” Er tutto sempre in veneto, se intenne, ostregheta.

E infine sempre pe tornà ar giovane che nun sapemo er nome ma forse Jacopo, er mezzobbusto ricorda un po’ li ritratti eroici all’antica, tipo medajone o moneta de imperatore romano: un classico der Rinascimento, questo.

E quinni vedi che sto anonimo truzzo de seicento anni fa, che ogni vorta sbircia er post mio de traverso su ‘a bacheca de Feisbuc o dar Dascebord de Tambler, co n’aria come a dì “mmm mo vedemo oggi che stronzate ha tirato fòri questa”, aa fin fine era niente popò di meno che classico, eroico, malinconico, mezzo tardogotico, e pure ben messo de saccoccia. Anacapito tiè.

 

14 8 / 2014

Bertel Thorvaldsen (Copenhagen, 1770 – 1844)

Ebe

1806-1815, Copenhagen, Thorvalsdens Museum

marmo, h 156,5 cm

-

Francesco Hayez (Venezia 1791 – Milano 1882)

I Vespri Siciliani (terza versione)

1846, Roma, Galleria Nazionale d’Arte Moderna

olio su tela, 225 x 300 cm

-

Come promesso, ecchice a cercà de spiegà che vor dì “classico” e che vor dì “romantico”. Oggi ste du parole se useno ner linguaggio comune, ma con un significato diverso da quello diciamo tecnico dell’arte. Tipo uno dice “è un classico” quanno ad esempio l’amico tuo che fa sempre tardi arifa tardi pe l’ennesima vorta, che pure che coll’amichi ve mettete d’accordo e a lui je date l’appuntamento mezzora prima de tutti l’antri lui l’ha capito e ariva comunque mezzora dopo (che è ritardatario, ma mica ritardato); oppure uno dice “abbada li Dip Parpol so un classico ta-ta-ta-tattatatà smooook on de uoteeeer” ecco, pe dì na cosa che nun passa mai de moda, che se ripropone sempre, senza invecchià. Oppure anche tu madre te dice “Pe er matrimonio de tu cuggina te devi da comprà n’abbito classico” ossia de classe, elegante no burino, che a te nun te va pe gnente ma ‘o devi fà perché se usa. Anvece quanno dimo “romantico” uno pensa subbito all’amore che aa regazza tua je regali li fiori o li cioccolatini o er pelusc a seconna de quanto te devi fà perdonà, oppure quii firm du palle tutti de baci e tramonti e “dimme che me ami” e “nun te lasserò mai” che ‘a regazza tua te obbliga a vedè e tu ce stai perché armeno dopo fate robba. Quinni romantico come na cosa sentimentale, de amore, de passioni.

E in effetti n’anticchia de collegamento cor senso tecnico de ste parole ce sta. “Classico” come “de classe”, aristocratico quasi, e che è fòri dar tempo e resiste ortre ‘a monnezza e le passioni de sto monno; “romantico” invece come pieno de sentimento e dee passioni che moveno ‘a Storia, come ner medioevo che nascheno ‘e nazioni e ‘e lingue “romanze” e da cui puro anfatti “romanzo”.

Volenno annà pe concetti contrapposti, in genere se dice che classico è ragione e romantico è sentimento; classico è ordine e controllo, romantico è passione, sogno e fantasia; classico se rifà ar monno greco e romano, romantico ar medioevo; classico è scientifico, romantico è spirituale. E così via.

Ma sta contrapposizione, che riguarda specie l’Ottocento, è aa fin fine un po’ finta, come tutte ‘e cose schematiche. Che per esempio chi se definiva classico se rifaceva alli greci antichi perché se pensaveno che ereno tutti composti e nobili, ma poi se scopre che pure loro faceveno ‘e zozzerie e cianno certi miti ndo s’ammazzeno tra padri e fiji e madri e mariti, e nun c’è solo Apollo ma pure Dioniso, e insomma ‘a passione nun è robba solo dii romantici, vedi un po’. Tanto pe dinne una.

Qua te metto du esempi, tanto pe capì, de ‘a statua de Thorvaldsen, che era allievo de Canova che già n’amo parlato, e de Hayez cor quadro suo dii Vespri Siciliani.

‘A statua è na dea greca, Ebe, è certo è tutta classica, bianca, liscia, perfetta, fredda: tanto fredda che te dà li brividi, come si vedi un fantasma: perché er passato è passato, se pò ammirà ma da lontano; e ammirà er passato è sempre n’operazione nostargia, e che d’è ‘a nostargia si no un sentimento? Ma n’era romantico er sentimento?

‘A storia de Hayez invece è der medioevo, che ‘a Sicilia era occupata dai francesi e un sordato francese se permise de mette ‘e mani addosso ‘a na siciliana caa scusa de dovella perquisì: figurete, er fratello de questa je pijeno l’infantioli e “miezzecaaa” ammazza er sordato. E iniziò na rivorta che diventò na guera. Na storia piena de passione: amore, onore, violenza, ma pure l’insofferenza paa dominazione straniera e ‘a voja de libertà e indipendenza (che era er problema stesso d’Iitalia quanno er quardo fu dipinto, all’epoca der Risorgimento). Quinni er soggetto è romantico: ma ‘o stile boh, è pure classico, tutto bello ordinato e preciso, che pareno statue. E poi si vòi er concetto de libertà chi ‘o sapeva mejo dii Greci antichi? Insomma ‘o vedi che è tutto un po’ ammischiato?

E questa aa fin fine è ‘a lezione più importante: che li concetti che se famo noi sò utili e corisponneno aa reartà: ma solo fino a una certa, perché ‘a reartà è sempre infinitamente più complicata dii concetti nostri.

 

 

07 8 / 2014

Johann Heinrich Fussli (Zurigo, 1741 – Putney Hill, 1825)
Titania e Bottom
1790, Londra, Tate Britain
olio su tela, 217 x 275 cm 
-
‘A storia è presa da Sciecchespir, er Sogno de na Notte de Mezza Estate, che in pratica er marito de Titania, Oberon, pe faje un dispetto aa moje, je spreme un firtro sull’occhi mentre dorme che quanno se risevjiava se sarebbe innammorata daa prima persona che vedeva : peccato che sta prima persona è un tizio che (pe vari antri motivi che mo è lungo spiegatte) ciaveva momentaneamente ‘a testa d’asino. Che se chiama Bottom, che vor dì Fonno(schiena). Mo a te in genere te sarà capitato er contrario, che ‘a sera esci e te imbriachi e vedi na pischella (o un pischello) e te pare bona, e nun te pare vero che ce sta, e taa porti a casa, e poi ‘a mattina dopo te sveji cor mar de testa che pare che te stanno a trapaanà er cervello, te giri e fai no zompo e fai ‘oddio e chi d’è mo questa?’, e te renni conto che te pareva Monica Bellucci ma mejo Monca Bruttucci in finale (idem vale coll’omo, me sò spiegata). E sti mostriciattoli der quadro diventeno l’esatta rappresentazione de quello che l’inglesi, tanto pe restà in tema, chiameno Angover.
Ma ‘e visioni de Fussli nun provengono dall’alcol, bensì dall’immaginazione d’aartista, e pure da un interesse pe er monno fantastico daa poesia e der mito, anche nordico; che er mito anfatti nun è solo quello dii Greci o dii Romani, Venere, Marte. Zeus, Apollo, ma pure quello d’antri popoli che magara li Romani l’aveveno sottomessi ma pure loro ciaveveno i loro Odini, Thor, Titanie, fate, folletti, e mostri vari.
E qui, sta galleria de mostricini de tutte ‘e forme e dimensioni sò popo un tajo, che t’ammazzi a guardalli, ma pure te fanno quasi un po’ disagio. A Fussli je piace popo sto ammischio de temi poetici ma anche visionari, come ner sogno, o quasi de paura, oscuri, come che ‘a natura è piena de robbe misteriose. E’ un mondo fatto de drammi e passioni e angoli bui. E se dice che in questo Fussli è un romantico, che nun vor dì che portava ‘a fidanzata a cena fòri e je rigalava na rosa o je leggeva er bijettino dii baci Peruggina, ma fa riferimento aa corente der Romanticismo, che magara n’antra vòrta taa spiego.

Johann Heinrich Fussli (Zurigo, 1741 – Putney Hill, 1825)

Titania e Bottom

1790, Londra, Tate Britain

olio su tela, 217 x 275 cm 

-

‘A storia è presa da Sciecchespir, er Sogno de na Notte de Mezza Estate, che in pratica er marito de Titania, Oberon, pe faje un dispetto aa moje, je spreme un firtro sull’occhi mentre dorme che quanno se risevjiava se sarebbe innammorata daa prima persona che vedeva : peccato che sta prima persona è un tizio che (pe vari antri motivi che mo è lungo spiegatte) ciaveva momentaneamente ‘a testa d’asino. Che se chiama Bottom, che vor dì Fonno(schiena). Mo a te in genere te sarà capitato er contrario, che ‘a sera esci e te imbriachi e vedi na pischella (o un pischello) e te pare bona, e nun te pare vero che ce sta, e taa porti a casa, e poi ‘a mattina dopo te sveji cor mar de testa che pare che te stanno a trapaanà er cervello, te giri e fai no zompo e fai ‘oddio e chi d’è mo questa?’, e te renni conto che te pareva Monica Bellucci ma mejo Monca Bruttucci in finale (idem vale coll’omo, me sò spiegata). E sti mostriciattoli der quadro diventeno l’esatta rappresentazione de quello che l’inglesi, tanto pe restà in tema, chiameno Angover.

Ma ‘e visioni de Fussli nun provengono dall’alcol, bensì dall’immaginazione d’aartista, e pure da un interesse pe er monno fantastico daa poesia e der mito, anche nordico; che er mito anfatti nun è solo quello dii Greci o dii Romani, Venere, Marte. Zeus, Apollo, ma pure quello d’antri popoli che magara li Romani l’aveveno sottomessi ma pure loro ciaveveno i loro Odini, Thor, Titanie, fate, folletti, e mostri vari.

E qui, sta galleria de mostricini de tutte ‘e forme e dimensioni sò popo un tajo, che t’ammazzi a guardalli, ma pure te fanno quasi un po’ disagio. A Fussli je piace popo sto ammischio de temi poetici ma anche visionari, come ner sogno, o quasi de paura, oscuri, come che ‘a natura è piena de robbe misteriose. E’ un mondo fatto de drammi e passioni e angoli bui. E se dice che in questo Fussli è un romantico, che nun vor dì che portava ‘a fidanzata a cena fòri e je rigalava na rosa o je leggeva er bijettino dii baci Peruggina, ma fa riferimento aa corente der Romanticismo, che magara n’antra vòrta taa spiego.

31 7 / 2014

Claude Monet (Parigi, 1840 – Giverny, 1926)

Covoni, mezzogiorno

1890, Canberra, National Gallery of Australia

olio su tela, 65,6 x 100,6 cm

-

Covoni, effetto di neve, sole al tramonto

1891, Art Institute of Chicago

olio su tela, 65 x 100 cm

-

(l’intera serie comprende una ventina di opere dipinte tra 1889-1891 e collocate ora in luoghi diversi)

-

Too ricordi Monè, quello dell’Impression der sole che lèvete, che poi se sò chiamati Impressionisti? N’amo già parlato. Too ripropongo qua co una dee sue “serie”. Che nun sò serie televisive, bada, ma serie de quadri co ‘o stesso soggetto. Ne ha fatte svariate: ‘a cattedrale de Ruàn, i filari de pioppi, ‘e ninfee, e li covoni. In pratica lui pija na cosa quarsiasi e taa fa vede in vari momenti der giorno o dell’anno: che ogni vorta è ‘o stesso covone, ma cambia luce, arba - mattino - pommeriggio - sera, oppure ce sta -che ne so- ‘a neve, come si fossero variazioni sur tema. E me pare chiaro che ‘e variazioni je interesseno più der tema. Anche perchè che ce sta de tanto interessante in un covone? A meno che nun te devi annà a anfrattà caa pischella tua, un mucchio de paja nun è gnente de che. Quindi vedi che pe l’impressionisti conta appunto l’impressione, l’immaggine stampata su ‘a rètina, che è ‘a luce che taa fa vede; l’oggetto in sé, ammesso che ‘o potemo conosce, passa in secondo piano. ‘A luce è ‘a vera protagonista, che te fa vede ‘e cose sempre a na maniera nova.

24 7 / 2014

Carla Accardi (Trapani, 1924 – Roma, 2014)
Integrazione lunga
1958, Galleria Nazionale d’Arte Moderna, Roma
tempera alla caseina su tela, cm 64,5 x 232
-
Carla Accardi era na granne artista e pure na gran donna. Nun è detto, eh. Uno o una ponno esse granni artisti ma allo stesso tempo anche granni pezzi de merda o persone insurse, noiose, maleducate, o co idee der cazzo.
Lei è stata na femminista e na communista ma soprattutto ha sottolineato quant’è importante pe ‘n artista esse libero. E pure pe na donna, e pe ‘n essere umano, se intenne.
Ad esempio, quanno che er Partito Communista de allora (‘o so che a parecchi de voi giovani truzzi pare assurdo ma in Italia c’è stato un Partito Communista) dava direttive tipo Realismo Socialista, ossia che l’arte doveva da raffigurà ‘a vita e il lavoro dell’operai, i quartieracci daa periferia, ‘a lotta de classe, ‘e vittorie der proletariato, bè l’Accardi e l’antri compari sua dell’epoca, che se faceveno chiamà Forma 1 (no Formula Uno, Forma Uno), se ribellaveno, e j’hanno detto “Abbelli, noi semo communisti come voi, però noi semo artisti e voi no, e noi volemo fà l’arte astratta, quinni ciao core”. Come a dì che uno pò avecce n’idea politica ma nun è che pe forza ‘a deve rappresentà co ‘e figurine  e ‘e storielle: na composizione de forme e colori in libertà pò esse più rivoluzionaria daa scurtura de n’operaio e na contadina co ‘a farce e eer martello in mano e ‘o sguardo retoricamente rivorto ar futuro.
Insomma, l’artista deve esse libero: pure libero de esprime l’idee politiche sue o de denuncià na cosa che je pare sbajata, si vole, ma ‘o deve fà da artista; e si decide invece de parlà de farfalle o de amore o de gnente, ‘o pò fà, e nun è che pe questo sarà a priori più o meno bravo. E questo si me posso permette è na cosa che vale na cifra pure oggi, che ce sta gente che je piace ‘n artista no perché vale, ma perché è der partito suo o perché nun è de nessun partito o perché va aa stessa parocchia: ma ‘nartista va giudicato pe l’arte sua e no pe quello che vota o che crede o che dice nee interviste.
Ma tornamo a Carletta. Lei de cose ne ha dette e ne ha scritte, ha fatto manifesti e espresso idee precise. Però, come artista, in quasi tutta l’opera sua usa na specie de scrittura astratta, come un corsivo che nun dice parole. Somija un po’ aa scrittura araba, che si nun sai ‘a lingua pare popo un ghirigoro. E nun se scordamo che l’esseri umani hanno usato le immaggini prima ancora de inventà ‘a scrittura; e molte scritture antiche, tipo i geroglifici dell’eggiziani, o anche moderne, tipo l’ideogrammi giapponesi, usano l’immagine come segno pe na parola. Poi i fenici se sò inventati l’arfabeto che ogni lettera è sempre un’immaggine, un segno, che però corisponne a un sòno. E per cui te ne bastano na ventina invece de quarantamila, che è na granne svorta. Però er segno, si ‘o guardi solo come forma, pò esse bello senza dì né sòni né parole. E pò esse bello pure fallo, er segno, come quanno scarabbocchi in automatico mentre stai ar telefono o durante ‘a lezione de matematica. E l’Accardi fa come sti granni intrecci de finta scrittura. Certe vorte usa solo bianco e nero, come qua, antre vorte colori sgargianti che parono quelli dii graffiti pe strada, antre vorte ancora colora superfici trasparenti. E te parla cor linguaggio umano e universale daa bellezza. E dije ne no.

Carla Accardi (Trapani, 1924 – Roma, 2014)

Integrazione lunga

1958, Galleria Nazionale d’Arte Moderna, Roma

tempera alla caseina su tela, cm 64,5 x 232

-

Carla Accardi era na granne artista e pure na gran donna. Nun è detto, eh. Uno o una ponno esse granni artisti ma allo stesso tempo anche granni pezzi de merda o persone insurse, noiose, maleducate, o co idee der cazzo.

Lei è stata na femminista e na communista ma soprattutto ha sottolineato quant’è importante pe ‘n artista esse libero. E pure pe na donna, e pe ‘n essere umano, se intenne.

Ad esempio, quanno che er Partito Communista de allora (‘o so che a parecchi de voi giovani truzzi pare assurdo ma in Italia c’è stato un Partito Communista) dava direttive tipo Realismo Socialista, ossia che l’arte doveva da raffigurà ‘a vita e il lavoro dell’operai, i quartieracci daa periferia, ‘a lotta de classe, ‘e vittorie der proletariato, bè l’Accardi e l’antri compari sua dell’epoca, che se faceveno chiamà Forma 1 (no Formula Uno, Forma Uno), se ribellaveno, e j’hanno detto “Abbelli, noi semo communisti come voi, però noi semo artisti e voi no, e noi volemo fà l’arte astratta, quinni ciao core”. Come a dì che uno pò avecce n’idea politica ma nun è che pe forza ‘a deve rappresentà co ‘e figurine  e ‘e storielle: na composizione de forme e colori in libertà pò esse più rivoluzionaria daa scurtura de n’operaio e na contadina co ‘a farce e eer martello in mano e ‘o sguardo retoricamente rivorto ar futuro.

Insomma, l’artista deve esse libero: pure libero de esprime l’idee politiche sue o de denuncià na cosa che je pare sbajata, si vole, ma ‘o deve fà da artista; e si decide invece de parlà de farfalle o de amore o de gnente, ‘o pò fà, e nun è che pe questo sarà a priori più o meno bravo. E questo si me posso permette è na cosa che vale na cifra pure oggi, che ce sta gente che je piace ‘n artista no perché vale, ma perché è der partito suo o perché nun è de nessun partito o perché va aa stessa parocchia: ma ‘nartista va giudicato pe l’arte sua e no pe quello che vota o che crede o che dice nee interviste.

Ma tornamo a Carletta. Lei de cose ne ha dette e ne ha scritte, ha fatto manifesti e espresso idee precise. Però, come artista, in quasi tutta l’opera sua usa na specie de scrittura astratta, come un corsivo che nun dice parole. Somija un po’ aa scrittura araba, che si nun sai ‘a lingua pare popo un ghirigoro. E nun se scordamo che l’esseri umani hanno usato le immaggini prima ancora de inventà ‘a scrittura; e molte scritture antiche, tipo i geroglifici dell’eggiziani, o anche moderne, tipo l’ideogrammi giapponesi, usano l’immagine come segno pe na parola. Poi i fenici se sò inventati l’arfabeto che ogni lettera è sempre un’immaggine, un segno, che però corisponne a un sòno. E per cui te ne bastano na ventina invece de quarantamila, che è na granne svorta. Però er segno, si ‘o guardi solo come forma, pò esse bello senza dì né sòni né parole. E pò esse bello pure fallo, er segno, come quanno scarabbocchi in automatico mentre stai ar telefono o durante ‘a lezione de matematica. E l’Accardi fa come sti granni intrecci de finta scrittura. Certe vorte usa solo bianco e nero, come qua, antre vorte colori sgargianti che parono quelli dii graffiti pe strada, antre vorte ancora colora superfici trasparenti. E te parla cor linguaggio umano e universale daa bellezza. E dije ne no.