03 12 / 2012

Tiziano Vecellio (Pieve di Cadore, 1480/1485 – Venezia, 1576)
Amor sacro e amor profano
1515 ca, Roma, Galleria Borghese, olio su tela (118 × 279 cm)
-
E mo io so sicura che te stai a pensà, ‘a pischella de sinistra che è tutta acchittata che pare na principessa è amore sacro, e quella de destra gnuda che pare na zoccola è amore profano.
Ma fattoo dì, ce sta tutto n’artro significato, e se a smetti ‘n attimo de smanettà co sto cellulare too spiego.
Tanto pe comincià, tocca sapè perché Tizziano ha fatto sto quadro. ‘N pratica ce staveno due che se staveno a sposà, de du famije che erano stati nemici pe ‘n sacco de tempo, e mo sti due se sposeno come pe fà pasce, e er marito je voleva da regalà sto quadro aa moje, e je dice a Tizziano, je dice “A Tizzià, te che ce capisci e se’ bravo, famme sto quadro qua che io nun so come spiegattelo ma deve da esse tipo che spiega in che consiste er matrimonio.” Carcola quinni che Tizziano s’è messo là e sto quadro è come che fosse na ricetta pe er matrimonio perfetto, tipo quii libbri che vendono “Come fa funzionà er matrimonio”. Sì ‘o so, te ‘n libreria ce sei entrato pe sbajo solo na vorta che ‘a polizzia te stava a core appresso. Vabbè.
Tornamo ar quadro. Allora, ‘a pischella a sinistra è vestita come na sposa, perché er matrimonio è ‘n contratto, du persone che se sposeno de fronte aa legge pe mette ‘i beni in comune e mette ar monno ‘i fiji leggittimi e riconosciuti. L’arta, quella gnuda, te sta a dì che er matrimonio è pure ‘n sacramento, che anfatti uno se sposa in comune oppure in chiesa ma si tte sposi ‘n chiesa perché ce credi vale pure ar comune oppure te sposi ar comune perché nte ne frega ‘n cazzo ma ar tempo de Tizziano nun se poteva fà perché se dicevi che daa Chiesa nte fregava ‘n cazzo te mettevano ar gabbio.
Insomma, quella là è gnuda perché er sacramento der matrimonio è na cosa spirituale, come ‘n idea, è na cosa de purezza, e anfatti cià ‘n mano na fiamma, che va verso er cielo, come a dì, Signò, l’amore nostro ‘o dedicamo a te.
Ste du pischelle poi stanno sedute su na fontana che pperò na vorta era na tomba. Na tomba d’aantichi romani, che se chiama sarcofago, però riempita d’acqua. Cioè, Tizziano te vole dì, a morte po ridiventà vita, che mo ste du famije se odiaveno e se ammazzaveno pe strada, ma mo che se sposeno diventano tutt’amici volemose bene tarallucci e vino.
E ce stà ‘n amorino, pare n’angioletto ma è Cupido, che se usa pure anfatti a san Valentino e vor dì amore, e che fa? Ammischia l’acqua calla e quella fredda, come a dì, si te sposi ‘a temperatura giusta d’aamore che ce devi avè è né callo né freddo, na cosa giusta, cioè tu moje n’è n’estranea e je devi volè bene ma n’è manco na puttana che state a scopà ogni du minuti. Armeno allora se pensava così.
Quinni vedi che ogni cosa cià ‘n significato. Pure su ‘o sfonno, er castello e ‘a chiesa so n’antra vorta er civile e er religgioso, e ‘i cani sò a federtà, che pure è ‘mportante ner matrimonio, e ‘i coniji se sa, vor dì tanti fiji, e…ma che te sei addormito?

Tiziano Vecellio (Pieve di Cadore, 1480/1485 – Venezia, 1576)

Amor sacro e amor profano

1515 ca, Roma, Galleria Borghese, olio su tela (118 × 279 cm)

-

E mo io so sicura che te stai a pensà, ‘a pischella de sinistra che è tutta acchittata che pare na principessa è amore sacro, e quella de destra gnuda che pare na zoccola è amore profano.

Ma fattoo dì, ce sta tutto n’artro significato, e se a smetti ‘n attimo de smanettà co sto cellulare too spiego.

Tanto pe comincià, tocca sapè perché Tizziano ha fatto sto quadro. ‘N pratica ce staveno due che se staveno a sposà, de du famije che erano stati nemici pe ‘n sacco de tempo, e mo sti due se sposeno come pe fà pasce, e er marito je voleva da regalà sto quadro aa moje, e je dice a Tizziano, je dice “A Tizzià, te che ce capisci e se’ bravo, famme sto quadro qua che io nun so come spiegattelo ma deve da esse tipo che spiega in che consiste er matrimonio.” Carcola quinni che Tizziano s’è messo là e sto quadro è come che fosse na ricetta pe er matrimonio perfetto, tipo quii libbri che vendono “Come fa funzionà er matrimonio”. Sì ‘o so, te ‘n libreria ce sei entrato pe sbajo solo na vorta che ‘a polizzia te stava a core appresso. Vabbè.

Tornamo ar quadro. Allora, ‘a pischella a sinistra è vestita come na sposa, perché er matrimonio è ‘n contratto, du persone che se sposeno de fronte aa legge pe mette ‘i beni in comune e mette ar monno ‘i fiji leggittimi e riconosciuti. L’arta, quella gnuda, te sta a dì che er matrimonio è pure ‘n sacramento, che anfatti uno se sposa in comune oppure in chiesa ma si tte sposi ‘n chiesa perché ce credi vale pure ar comune oppure te sposi ar comune perché nte ne frega ‘n cazzo ma ar tempo de Tizziano nun se poteva fà perché se dicevi che daa Chiesa nte fregava ‘n cazzo te mettevano ar gabbio.

Insomma, quella là è gnuda perché er sacramento der matrimonio è na cosa spirituale, come ‘n idea, è na cosa de purezza, e anfatti cià ‘n mano na fiamma, che va verso er cielo, come a dì, Signò, l’amore nostro ‘o dedicamo a te.

Ste du pischelle poi stanno sedute su na fontana che pperò na vorta era na tomba. Na tomba d’aantichi romani, che se chiama sarcofago, però riempita d’acqua. Cioè, Tizziano te vole dì, a morte po ridiventà vita, che mo ste du famije se odiaveno e se ammazzaveno pe strada, ma mo che se sposeno diventano tutt’amici volemose bene tarallucci e vino.

E ce stà ‘n amorino, pare n’angioletto ma è Cupido, che se usa pure anfatti a san Valentino e vor dì amore, e che fa? Ammischia l’acqua calla e quella fredda, come a dì, si te sposi ‘a temperatura giusta d’aamore che ce devi avè è né callo né freddo, na cosa giusta, cioè tu moje n’è n’estranea e je devi volè bene ma n’è manco na puttana che state a scopà ogni du minuti. Armeno allora se pensava così.

Quinni vedi che ogni cosa cià ‘n significato. Pure su ‘o sfonno, er castello e ‘a chiesa so n’antra vorta er civile e er religgioso, e ‘i cani sò a federtà, che pure è ‘mportante ner matrimonio, e ‘i coniji se sa, vor dì tanti fiji, e…ma che te sei addormito?

  1. salvamidaifiori ha rebloggato questo post da lartespiegataaitruzzi
  2. pantone311 ha rebloggato questo post da lartespiegataaitruzzi
  3. aesthetic-of-art ha rebloggato questo post da lartespiegataaitruzzi
  4. palearole ha rebloggato questo post da tinaparis
  5. peacelovemagic ha rebloggato questo post da lartespiegataaitruzzi
  6. alittlecomeback ha rebloggato questo post da lartespiegataaitruzzi
  7. kirbyalien ha rebloggato questo post da largofactotum
  8. federicabalbo ha rebloggato questo post da lartespiegataaitruzzi
  9. acid2 ha rebloggato questo post da zhennino
  10. zhennino ha rebloggato questo post da lartespiegataaitruzzi e ha aggiunto:
    TOTALE!
  11. sele123stella ha rebloggato questo post da lartespiegataaitruzzi
  12. andreasollai ha rebloggato questo post da lartespiegataaitruzzi e ha aggiunto:
    Bellissimo!!!
  13. lr-gf ha rebloggato questo post da armandjeanduplessis
  14. uninterestingurl ha rebloggato questo post da daunbailou
  15. daunbailou ha rebloggato questo post da lartespiegataaitruzzi
  16. miriamhel ha rebloggato questo post da bramantino
  17. tinaparis ha rebloggato questo post da lartespiegataaitruzzi e ha aggiunto:
    Tiziano Vecellio (Pieve di Cadore, 1480/1485 – Venezia, 1576) Amor sacro e amor profano 1515 ca, Roma, Galleria...
  18. hikaruryu ha rebloggato questo post da lartespiegataaitruzzi
  19. fuckinsaku ha rebloggato questo post da armandjeanduplessis
  20. armandjeanduplessis ha rebloggato questo post da lartespiegataaitruzzi
  21. lorenz87 ha rebloggato questo post da lartespiegataaitruzzi
  22. hilkail ha rebloggato questo post da lartespiegataaitruzzi
  23. illuminatobene ha rebloggato questo post da lartespiegataaitruzzi