04 12 / 2012

Tiziano Vecellio (Pieve di Cadore, 1480/1485 – Venezia, 1576)
Venere che benda Amore
1565,Roma, Galleria Borghese.
olio su tela, 118 x 185 cm.
-
Mo sto quadro è sempre de quer Tizziano d’aarta vorta, ma too vojo fa vede perché ‘n pratica parla sempre d’amore, solo che l’ha fatto cinquant’anni dopo de quell’artro. E ‘n ciquant’anni che Tizziano n’è più ‘n pischello e ‘n po’ d’esperienze se l’è fatte, so cambiate ‘n po’ de cose.
Apparte coo stile è diverso e se vede, ma guarda ‘n attimo che ce sta.
'A pischella a sinistra è Venere che è a dea d’aamore, e che staffà? Sta a bendà Cupido. Che vor dì mo secondo te? Vor dì ch’aamore è cieco, e ‘nfatti se dice, l’amore è cieco, ner senso fa come cazzo je pare e te zitto ‘n poi dì gnente. Artro che regole, come ner quadro de prima: p’aamore nce stanno regole, pure se 'a ggente ce proveno, come che te dicevo, scriveno i libbri, “E dieci regole daa seduzzione”, “A coppia felice”, e sì, e se 'e regole funzionaveno che bastava leggese ‘n libro e trovà l’omo o 'a donna daa vita, da mo’ ch’avevamo risorto i probblemi, nun stavamo come stamo, che nvece a ggente ‘n fanno artro che piagne, “aho 'a mi regazza m’ha lasciato” “ aho mi marito m’ha tradito co quaa zoccola” “aho ma n’omo decente ndo stà” eccetera, che anfatti se sente tutti i giorni.
L’antichi greci se pensaveno che Cupido ciaveva n’arco chee frecce, che anfatti ‘i vedi ner quadro che jii stanno a portà, e quanno che te pija caa freccia te te ‘nnamori, ma mo si lui è bendato ma come cazzo fa a tirà? ‘Ndo cojo cojo. Anfatti er probblema è popo quello, che zacchete, te pija a freccia e tte vai in fissa pe uno a caso che ce poi scommette n’è quello bono pe tte, sicuro come na palla che o è frocio o è sposato o popo nun te se ‘ncula o è ‘n pezzo demmerda generico.
E quinni ecco che pure er modo che er quadro è dipinto è tutto diverso, n’è più tutto preciso, è come che fosse che se sta a scioje, i contorni nce stanno più, perché in cinquant’anni so cambiate ‘n sacco de cose, in Europa c’era na crisi che mo nun te sto a dì, e quinni er fatto che ‘n po’ ‘a crisi e ‘n po’ l’età Tizziano s’è reso conto che aamore e pure er monno ‘n generale aa fin fine so tutti ‘n gran casino.

Tiziano Vecellio (Pieve di Cadore, 1480/1485 – Venezia, 1576)

Venere che benda Amore

1565,Roma, Galleria Borghese.

olio su tela, 118 x 185 cm.

-

Mo sto quadro è sempre de quer Tizziano d’aarta vorta, ma too vojo fa vede perché ‘n pratica parla sempre d’amore, solo che l’ha fatto cinquant’anni dopo de quell’artro. E ‘n ciquant’anni che Tizziano n’è più ‘n pischello e ‘n po’ d’esperienze se l’è fatte, so cambiate ‘n po’ de cose.

Apparte coo stile è diverso e se vede, ma guarda ‘n attimo che ce sta.

'A pischella a sinistra è Venere che è a dea d’aamore, e che staffà? Sta a bendà Cupido. Che vor dì mo secondo te? Vor dì ch’aamore è cieco, e ‘nfatti se dice, l’amore è cieco, ner senso fa come cazzo je pare e te zitto ‘n poi dì gnente. Artro che regole, come ner quadro de prima: p’aamore nce stanno regole, pure se 'a ggente ce proveno, come che te dicevo, scriveno i libbri, “E dieci regole daa seduzzione”, “A coppia felice”, e sì, e se 'e regole funzionaveno che bastava leggese ‘n libro e trovà l’omo o 'a donna daa vita, da mo’ ch’avevamo risorto i probblemi, nun stavamo come stamo, che nvece a ggente ‘n fanno artro che piagne, “aho 'a mi regazza m’ha lasciato” “ aho mi marito m’ha tradito co quaa zoccola” “aho ma n’omo decente ndo stà” eccetera, che anfatti se sente tutti i giorni.

L’antichi greci se pensaveno che Cupido ciaveva n’arco chee frecce, che anfatti ‘i vedi ner quadro che jii stanno a portà, e quanno che te pija caa freccia te te ‘nnamori, ma mo si lui è bendato ma come cazzo fa a tirà? ‘Ndo cojo cojo. Anfatti er probblema è popo quello, che zacchete, te pija a freccia e tte vai in fissa pe uno a caso che ce poi scommette n’è quello bono pe tte, sicuro come na palla che o è frocio o è sposato o popo nun te se ‘ncula o è ‘n pezzo demmerda generico.

E quinni ecco che pure er modo che er quadro è dipinto è tutto diverso, n’è più tutto preciso, è come che fosse che se sta a scioje, i contorni nce stanno più, perché in cinquant’anni so cambiate ‘n sacco de cose, in Europa c’era na crisi che mo nun te sto a dì, e quinni er fatto che ‘n po’ ‘a crisi e ‘n po’ l’età Tizziano s’è reso conto che aamore e pure er monno ‘n generale aa fin fine so tutti ‘n gran casino.

  1. blendingthebeat ha rebloggato questo post da lartespiegataaitruzzi
  2. bruceduke ha rebloggato questo post da lartespiegataaitruzzi
  3. bowman77 ha rebloggato questo post da lartespiegataaitruzzi e ha aggiunto:
    Che vor dì mo secondo te? Vor dì ch’aamore è cieco, e ‘nfatti se disce, l’amore è scieco, ner senso fa come cazzo je...
  4. zaxx ha rebloggato questo post da lartespiegataaitruzzi
  5. bjarkiandhisglasses ha rebloggato questo post da lartespiegataaitruzzi
  6. moonbunny-saku ha rebloggato questo post da lartespiegataaitruzzi e ha aggiunto:
    Mi sono innamorata di questa pagina.
  7. avelval ha rebloggato questo post da lartespiegataaitruzzi
  8. bramantino ha rebloggato questo post da lartespiegataaitruzzi
  9. montag28 ha rebloggato questo post da lapizzicata e ha aggiunto:
    "La peste uccide Tiziano il 27 agosto 1576. […] In seguito basteranno cinque anni al figlio Pomponio per dilapidare...
  10. unagiornatauggiosa ha rebloggato questo post da lartespiegataaitruzzi e ha aggiunto:
    Io lo amo.
  11. asadutto ha rebloggato questo post da lartespiegataaitruzzi
  12. rossum-universal ha rebloggato questo post da lartespiegataaitruzzi
  13. lapizzicata ha rebloggato questo post da lartespiegataaitruzzi e ha aggiunto:
    Tiziano s’è reso conto che l’amore e il mondo in generale, sono un gran casino. Bravi sa’
  14. postato da lartespiegataaitruzzi