07 2 / 2013

Michelangelo Buonarroti (Caprese Michelangelo, 1475 – Roma, 1564)
Mosè
1513-15, Roma, San Pietro in Vincoli
marmo, altezza 235 cm
-
E c’era na vorta ‘n papa che se chiamava Giulio Seconno. No Seconno de cognome, ma seconno de nummero. Anzi manco Giulio se chiamava in reartà. Er nome suo era Giuliano Daa Rovere, però quanno ‘o fecero papa se volle chiamà Giulio, e siccome ce n’era già stato n’artro co ‘o stesso nome misero seconno, pe nun confonnelli.
Sto papa saa sentiva piuttosto calla, e incominciò ‘n ber po’ in anticipo a pensà aa tomba sua, pe trovassela bella pronta quanno era morto. L’ideuzza sua era de fasse na specie de pirammide co tipo quaranta statue ner ber mezzo de San Pietro, na cosetta semprice, ‘nsomma. E pe fassela ovviamente chiamò er mejo artista ‘n circolazzione ossia Michelangelo. Michelangelo tutto contento je disse sì, e pensò “abbada, quaranta statue vor dì stà apposto pe tutta ‘a vita, nun me devo mai più cercà ‘n lavoro, apposto così”. E inizziò subbito a fasse venì le idee e a cercà er marmo come je piaceva a lui.
Senonchè a na certa er papa je fa, je dice “A Michelà, belle ste idee che ciai avuto, però siccome che ce n’ho avuta una puro io, e siccome che nun vojo morì domani e paa tomba ce sta tempo, lassa perde tutto e viemme a dipigne er soffitto daa Cappella Sistina”. A Michelangelo je venne tipo da piagne, perché lui voleva scorpì, no dipigne. E da qua in poi inizzieno i dolori.
Je toccò de lassà stà ‘a tomba, annà su ‘mparcature daa Sistina eccetera eccetera. Ner frattempo er papa more (diciamo pure che se l’era ‘n po’ tirata). L’eredi, che nun je ne poteva fregà de meno de spenne tutti quii sordi pe fà sta pirammide der cazzo e sii volevano spenne pe cazzi loro, inizzieno a fa ‘n tira e molla che nun te dico, e daje e daje, e anfatti ciavemo tipo sei proggetti diversi che Michelangelo je fa, e ogni vorta a tomba se rimpicciolisce e ‘e statue diminuischeno de nummero e taja de qua e accorcia de là, aa fine sta tomba è na robba risicata appiccicata ar muro, artro che drento San Pietro ‘n Vaticano, San Pietro sì ma San Pietro ‘n Vincoli, che è na chiesetta vicino ar Colosseo; e artro che pirammide, è na specie de facciata co sette statue pe puzza, de cui poi sortanto questa è de Michelangelo che l’artre j’hanno fatte artra ggente; e pe dilla tutta er papa manco ce sta drento, che si facevano aspettà er cadavere mentre finivano sta tomba avoja er cadavere soo magnaveno li vermi e ‘ntanto l’hanno dovuto seppellì in Vaticano e sta tomba qua è vòta.
Ma venimo appunto ar Mosè. Dubbito che te te sia mai letto ‘a Bibbia o sia annato ar catechismo, forse te sarai visto quarche firm de quelli che riciclano a Natale, ad ogni modo, Mosè si te ricordi guidava er popolo ebbraico via daa Eggitto e attraverso er deserto pe arivà aa tera promessa, e nun era pe gnente ‘n viaggio facile che mica annaveno ‘n aereo, dovevano da camminà. A na certa Mosè se allontana, no, no pe fa ‘n bisognino, ma perché doveva da parlà co Dio: e Dio je dà ‘e tavole daa legge cioè i dieci comandamenti, che naa statua anfatti li tiene sotto ar braccio. E arcuni ebbrei, mentre lui nce sta, che fanno? Dicheno “Aho, ma perché noi nce potemo avè na statua de Dio come tutti l’artri? Cioè, stamo a camminà da ‘n botto, Mosè dice da avè pazzienza, che Dio ce guida, ma andò sta sto Dio che nun se po’ vedè? Dice, eh è perché Dio è ‘nvisibbile ma sta dappertutto e nu ‘o poi raffigurà e manco nominà, ma regà, è popo tosta. Che tutti l’artri cianno n’idoletto na statuina na mucca na madonna ‘n pezzo de legno da adorà e da pregà e pure da bestemmià si è er caso. E noi gnente. Io dico, mo che quello sta ‘n riunione, mettemo ‘nsieme tutto l’oro che ciavemo e soo famo pure noi ‘n bell’idoletto…eh?”
E così fu. E quanno Mosè torna, e vede sto vitello d’oro, se ‘ncazza come na bestia, che quasi je stava a pijà ‘n coccolone e nun riusciva a parlà da quanto je fumaveno. “Li mortè!” je stava pe dì, “Aho, nun ve posso lassà n’attimo soli che taac subbito a disobbedì, eccheccazzo!” E Michelangelo anfatti too fa vede co ‘a faccia tutta ‘ngrugnata che je sta pe sbottà, e quasi sembra che sta seduto ma sta pe arzasse ‘n piedi e faje er cazziatone: e sta cosa nun è pe gnente facile da fà in una statua, che de per sé nun se move, e o fa na cosa o ne fa n’artra; ma Michelangelo era ‘n genio, e te mette er braccio sinistro e ‘a gamba destra che sò a angolo retto che quinni te danno l’idea de esse fermi, e ‘nvece er braccio destro e a gamba sinistra che sò piegati tipo na molla pronta a scattà; e l’occhio tuo va ‘n po’ de qua e ‘n po’ de là, perché sti du movimenti so ‘ncrociati, e quinni aa fine te sembra come che se sta pe arzà.
E pe finì, no, nun è che Mosè ciaveva ‘e corna, quelli sarebbero dii raggi de luce, ma siccome aveveno tradotto sbajato dar testo ebbraico ecco perchè, ‘n pratica è n’erore.

Michelangelo Buonarroti (Caprese Michelangelo, 1475 – Roma, 1564)

Mosè

1513-15, Roma, San Pietro in Vincoli

marmo, altezza 235 cm

-

E c’era na vorta ‘n papa che se chiamava Giulio Seconno. No Seconno de cognome, ma seconno de nummero. Anzi manco Giulio se chiamava in reartà. Er nome suo era Giuliano Daa Rovere, però quanno ‘o fecero papa se volle chiamà Giulio, e siccome ce n’era già stato n’artro co ‘o stesso nome misero seconno, pe nun confonnelli.

Sto papa saa sentiva piuttosto calla, e incominciò ‘n ber po’ in anticipo a pensà aa tomba sua, pe trovassela bella pronta quanno era morto. L’ideuzza sua era de fasse na specie de pirammide co tipo quaranta statue ner ber mezzo de San Pietro, na cosetta semprice, ‘nsomma. E pe fassela ovviamente chiamò er mejo artista ‘n circolazzione ossia Michelangelo. Michelangelo tutto contento je disse sì, e pensò “abbada, quaranta statue vor dì stà apposto pe tutta ‘a vita, nun me devo mai più cercà ‘n lavoro, apposto così”. E inizziò subbito a fasse venì le idee e a cercà er marmo come je piaceva a lui.

Senonchè a na certa er papa je fa, je dice “A Michelà, belle ste idee che ciai avuto, però siccome che ce n’ho avuta una puro io, e siccome che nun vojo morì domani e paa tomba ce sta tempo, lassa perde tutto e viemme a dipigne er soffitto daa Cappella Sistina”. A Michelangelo je venne tipo da piagne, perché lui voleva scorpì, no dipigne. E da qua in poi inizzieno i dolori.

Je toccò de lassà stà ‘a tomba, annà su ‘mparcature daa Sistina eccetera eccetera. Ner frattempo er papa more (diciamo pure che se l’era ‘n po’ tirata). L’eredi, che nun je ne poteva fregà de meno de spenne tutti quii sordi pe fà sta pirammide der cazzo e sii volevano spenne pe cazzi loro, inizzieno a fa ‘n tira e molla che nun te dico, e daje e daje, e anfatti ciavemo tipo sei proggetti diversi che Michelangelo je fa, e ogni vorta a tomba se rimpicciolisce e ‘e statue diminuischeno de nummero e taja de qua e accorcia de là, aa fine sta tomba è na robba risicata appiccicata ar muro, artro che drento San Pietro ‘n Vaticano, San Pietro sì ma San Pietro ‘n Vincoli, che è na chiesetta vicino ar Colosseo; e artro che pirammide, è na specie de facciata co sette statue pe puzza, de cui poi sortanto questa è de Michelangelo che l’artre j’hanno fatte artra ggente; e pe dilla tutta er papa manco ce sta drento, che si facevano aspettà er cadavere mentre finivano sta tomba avoja er cadavere soo magnaveno li vermi e ‘ntanto l’hanno dovuto seppellì in Vaticano e sta tomba qua è vòta.

Ma venimo appunto ar Mosè. Dubbito che te te sia mai letto ‘a Bibbia o sia annato ar catechismo, forse te sarai visto quarche firm de quelli che riciclano a Natale, ad ogni modo, Mosè si te ricordi guidava er popolo ebbraico via daa Eggitto e attraverso er deserto pe arivà aa tera promessa, e nun era pe gnente ‘n viaggio facile che mica annaveno ‘n aereo, dovevano da camminà. A na certa Mosè se allontana, no, no pe fa ‘n bisognino, ma perché doveva da parlà co Dio: e Dio je dà ‘e tavole daa legge cioè i dieci comandamenti, che naa statua anfatti li tiene sotto ar braccio. E arcuni ebbrei, mentre lui nce sta, che fanno? Dicheno “Aho, ma perché noi nce potemo avè na statua de Dio come tutti l’artri? Cioè, stamo a camminà da ‘n botto, Mosè dice da avè pazzienza, che Dio ce guida, ma andò sta sto Dio che nun se po’ vedè? Dice, eh è perché Dio è ‘nvisibbile ma sta dappertutto e nu ‘o poi raffigurà e manco nominà, ma regà, è popo tosta. Che tutti l’artri cianno n’idoletto na statuina na mucca na madonna ‘n pezzo de legno da adorà e da pregà e pure da bestemmià si è er caso. E noi gnente. Io dico, mo che quello sta ‘n riunione, mettemo ‘nsieme tutto l’oro che ciavemo e soo famo pure noi ‘n bell’idoletto…eh?”

E così fu. E quanno Mosè torna, e vede sto vitello d’oro, se ‘ncazza come na bestia, che quasi je stava a pijà ‘n coccolone e nun riusciva a parlà da quanto je fumaveno. “Li mortè!” je stava pe dì, “Aho, nun ve posso lassà n’attimo soli che taac subbito a disobbedì, eccheccazzo!” E Michelangelo anfatti too fa vede co ‘a faccia tutta ‘ngrugnata che je sta pe sbottà, e quasi sembra che sta seduto ma sta pe arzasse ‘n piedi e faje er cazziatone: e sta cosa nun è pe gnente facile da fà in una statua, che de per sé nun se move, e o fa na cosa o ne fa n’artra; ma Michelangelo era ‘n genio, e te mette er braccio sinistro e ‘a gamba destra che sò a angolo retto che quinni te danno l’idea de esse fermi, e ‘nvece er braccio destro e a gamba sinistra che sò piegati tipo na molla pronta a scattà; e l’occhio tuo va ‘n po’ de qua e ‘n po’ de là, perché sti du movimenti so ‘ncrociati, e quinni aa fine te sembra come che se sta pe arzà.

E pe finì, no, nun è che Mosè ciaveva ‘e corna, quelli sarebbero dii raggi de luce, ma siccome aveveno tradotto sbajato dar testo ebbraico ecco perchè, ‘n pratica è n’erore.

  1. ainaiaigroig ha rebloggato questo post da lartespiegataaitruzzi
  2. miguelbristol ha rebloggato questo post da lartespiegataaitruzzi
  3. miruccio ha rebloggato questo post da lartespiegataaitruzzi
  4. scultore-blog ha rebloggato questo post da lartespiegataaitruzzi
  5. combinazionidipiume ha rebloggato questo post da curiositasmundi
  6. essenzaassenza ha rebloggato questo post da curiositasmundi
  7. curiositasmundi ha rebloggato questo post da alfaprivativa
  8. nunuchandra ha rebloggato questo post da alfaprivativa
  9. miriamhel ha rebloggato questo post da alfaprivativa
  10. nyarlathothep ha rebloggato questo post da alfaprivativa
  11. interrasconsacrata ha rebloggato questo post da alfaprivativa
  12. alfaprivativa ha rebloggato questo post da lartespiegataaitruzzi
  13. shaeinspiration ha rebloggato questo post da lartespiegataaitruzzi
  14. mikifelix ha rebloggato questo post da lartespiegataaitruzzi
  15. shalottconweb ha rebloggato questo post da lartespiegataaitruzzi
  16. did ha rebloggato questo post da lartespiegataaitruzzi
  17. malkav ha rebloggato questo post da lartespiegataaitruzzi e ha aggiunto:
    Epica.
  18. darkpassenger ha rebloggato questo post da lartespiegataaitruzzi