23 5 / 2013

Alberto Burri (Città di Castello, 1915 – Nizza, 1995)
Sacco
1953, Città di Castello, Fondazione Burri
Materiali e tecnica mista su tela, 86 x 100 cm
-
E si Rotella quello dii decollage strappa dee ‘mmaggini, Buri fa ‘n po’ er contrario, che pija dii stracci dii sacchi dii pezzi de plastica e co er filo o ‘o spago ‘i cuce l’incolla e li mette ‘nsieme, oppure cor foco ‘i trasforma e ce fa dii buchi o dee pieghe. E sti buchi, ste pieghe, ste cuciture, so quasi come dii segni, nun te dico come ‘n disegno popo, ma quasi. Che te sembra de vedecce ‘n paesaggio si vòi: er buco è er sole, ‘e pieghe e l’artre robbe so l’orizzonte, ‘e colline, e così via; oppure na faccia co l’occhi e ‘a bocca. Cioè pe falla ‘n po’ semprice, si Rotella pija n’immaggine e ‘a strappa, Buri pija dee cose da buttà via e ce fa ‘na specie de ‘mmaggine, come si volesse dà ‘n senso aa materia; e certe vorte sta materia bruciacchiata e ricucita te fa quasi pena, come che fossero dee ferite o dee cicatrici; e chi cià na cicatrice cià pure na storia da reccontà. E l’esseri umani so quelli che recconteno ‘e storie, e più de tutti chi è n’artista.
Ascolta l’audio

Alberto Burri (Città di Castello, 1915 – Nizza, 1995)

Sacco

1953, Città di Castello, Fondazione Burri

Materiali e tecnica mista su tela, 86 x 100 cm

-

E si Rotella quello dii decollage strappa dee ‘mmaggini, Buri fa ‘n po’ er contrario, che pija dii stracci dii sacchi dii pezzi de plastica e co er filo o ‘o spago ‘i cuce l’incolla e li mette ‘nsieme, oppure cor foco ‘i trasforma e ce fa dii buchi o dee pieghe. E sti buchi, ste pieghe, ste cuciture, so quasi come dii segni, nun te dico come ‘n disegno popo, ma quasi. Che te sembra de vedecce ‘n paesaggio si vòi: er buco è er sole, ‘e pieghe e l’artre robbe so l’orizzonte, ‘e colline, e così via; oppure na faccia co l’occhi e ‘a bocca. Cioè pe falla ‘n po’ semprice, si Rotella pija n’immaggine e ‘a strappa, Buri pija dee cose da buttà via e ce fa ‘na specie de ‘mmaggine, come si volesse dà ‘n senso aa materia; e certe vorte sta materia bruciacchiata e ricucita te fa quasi pena, come che fossero dee ferite o dee cicatrici; e chi cià na cicatrice cià pure na storia da reccontà. E l’esseri umani so quelli che recconteno ‘e storie, e più de tutti chi è n’artista.

Ascolta l’audio

  1. mipiacisilenziosa ha rebloggato questo post da lartespiegataaitruzzi
  2. technicallous ha rebloggato questo post da lartespiegataaitruzzi
  3. leonardo-caraffini ha rebloggato questo post da lartespiegataaitruzzi
  4. antonellofranzil ha rebloggato questo post da lartespiegataaitruzzi
  5. phoebezu ha rebloggato questo post da lartespiegataaitruzzi
  6. firmine ha rebloggato questo post da lartespiegataaitruzzi
  7. la-strega ha rebloggato questo post da lartespiegataaitruzzi
  8. nomisveg ha rebloggato questo post da lartespiegataaitruzzi
  9. lauramassaro ha rebloggato questo post da lartespiegataaitruzzi
  10. postato da lartespiegataaitruzzi