11 7 / 2013

Francesco Borromini (Bissone, 1599 – Roma 1667)

San Carlo alle Quattro Fontane

1634-1644 (ultime modifiche 1680), Roma, Via del Quirinale

 

Gian Lorenzo Bernini (Napoli, 1598 – Roma, 1680)

Sant’Andrea al Quirinale

1658-1678, Roma, Via del Quirinale

-

Si te vai ar Quirinale – no, no ner senso si te fanno presidente, che sinceramente me pare poco probbabbile – ma ner senso si te ce fai na passeggiata, ce trovi du chiese che sò na cifra interessanti. Ste du chiese sò a pochi metri e a pochi anni de distanza l’una dall’artra, e sò state fatte dalli mejo architetti dell’epoca, ossia Bernini e Boromini. Che se potemo immaginà nun è che se volessero popo bene, o mejo, come tutti li granni artisti nun se potevano ignorà a vicenda e a ‘o stesso tempo erano in quarche modo in competizzione pe fa vedè a tutti chi era er mejo. Poi sti due sò interessanti perché, pur potennose definì tutteddue barocchi, so pure na cifra diversi, come personalità, vita, scerte, modo de vedè e de pensà l’arte. Come si ce dessero du versioni doo stesso stile. E vedemo un po’ ner confronto tra ste du chiese che esce fori.

Er primo a inizzià fu er Boromini co ‘a chiesetta de San Carlino. Cioè, pe dilla bene se chiama San Carlo a ‘e Quattro Fontane ma pe quanto è piccoletta j’hanno dato quell’artro nome. Pensa che tutta ‘a chiesa è granne quanto ciascuno dii pilastri che reggheno ‘a cupola de San Pietro in Vaticano. Pe dì. Ad ogni modo ner 1634 Boromini inizzia sta chiesa, chiostro compreso ner prezzo, pe li Padri Trinitari, quinni n’ordine religgioso de frati mendicanti. Mo, n’ordine de frati mendicanti nun te fa immediatamente pensà a quarcuno che te darà chissà che stipendio: ma Boromini era na cifra religgioso e spesso je piaceva de lavorà nun tanto pii sordi quanto paa fede.

Dato sì pure sto motivo, li materiali che lui usa nun sò tanto preziosi: travertino, mattoni, stucco. E tutto è bianco, pulito, de na gran purezza : si ce sò decorazioni e abbellimenti – e ce sò, che l’architettura è arzigogolata e piena de dettaji come vole er barocco – è l’artista chii ricava modellanno ste materie che cià pe ‘e mano. Come a dì, nun è er valore daa materia in sé, oro o marmo, che conta, ma quello che ne sa tirà fori aartista.

E infine, ‘a chiesa è costruita su na base ovale, che è na forma tipica der barocco (come un cerchio schiacciato, cioè na figura regolare cui però se imprime un movimento), e st’ovale è messo pe lungo, così che quanno te entri te senti quasi schiacchiato da na tenaja e guardi in su, che è come l’omo schiacciato dar peccato e dar male tereno che deve da rivorgese ar Padre eterno pe sarvasse.

Mo annamo a vede che j’ha fatto cento metri più in là er Bernini. ‘A chiesa de Sant’Andrea inizzia già diversa: invece daa facciata stretta e piegata der Boromini, che pare quasi na tenda o na credenza, quella de Bernini cià davanti na piazzetta, un portico, e un frontone che ricorda quasi er Pantheon. Cor poco spazio che ciaveva j’ha tirato fòri na robba quasi monumentale. Anfatti Bernini sta chiesa ‘a fa dar 1658 ar ‘78 pe er cardinale Pamphili, con l’occhei der papa - che a inizzio nun je lo voleva dà perché dice “aho ma sta chiesa sta un po’ troppo vicina ar palazzo mio, ma che me vòi mette in seconno piano?” Perché er Quirinale all’epoca era pure quello der papa. Artro che frati mendicanti: intrighi de corte tipo Novella 2000.

Bernini infatti ce teneva na cifra a risurtà, lavorava pe la crem de la crem der Vaticano, e a na certa ‘o fecero pure cavaliere. E li materiali che usa sò giustamente ricchi pure loro: marmi preggiati, oro, bronzo, e na cifra de colori che ‘a chiesa pare no scrigno de pietre preziose.

E pure qua trovamo ‘a forma ovale: solo che Bernini a mette ‘mper cosà, pe largo, che quanno entri invece de sentitte strigne te senti allargà er core e l’immagginazione, e quasi te viè de aprì ‘e braccia e li pormoni e de fa “aaaaaah”. E su l’artare piove giù na luce, che però nun se vede da ndo ariva, che Bernini ‘a finestra l’ha nascosta, come fanno i luciai der teatro. E sta luce sarebbe come che scenne dar cielo: ma aa fin fine più che pensà a guardà su te viè da guardatte intorno, e da dì “ammazza quant’era ricco er cardinale, ammazza quant’era bravo Bernini”.

Ascolta l’audio

  1. talla-rose ha rebloggato questo post da lartespiegataaitruzzi
  2. colin-shea ha rebloggato questo post da lartespiegataaitruzzi
  3. preempalver ha rebloggato questo post da lartespiegataaitruzzi
  4. sedutasultettodelmondo ha rebloggato questo post da lartespiegataaitruzzi
  5. postato da lartespiegataaitruzzi