25 7 / 2013

John Everett Millais (Southampton, 1829 – Londra, 1896)
Cristo nella casa dei genitori 
1849-50, Tate Britain, Londra
olio su tela, 86.4 cm × 139.7 cm
-
Mo sto pittore qua faceva parte de un gruppo, anzi pe dillo co’ parole loro, na Confraternita, detta dii Prearaffaelliti. Che verebbe a dì che se ispiraveno all’artisti prima de Raffaello, specie der Medioevo e der Quattrocento. E sarebbero artisti, quelli, che in quarche maniera ereno più artigiani che artisti ner senso moderno der termine. Oggi (o aa metà d’Oottocento, quanno sti Prearraffelliti se formeno in Inghirtera), oggi dicevo, uno dice “quello è n’artista” e te pensi - beato lui che se sveja quanno je pare, se ne va ar bare a fà colazione, se legge er giornale, se fa venì quarche idea strana, che oggi tanti artisti nun dipingheno più, ma fanno robbe tipo Videoarte o ‘Nstallazzioni, esempio che piazzeno na telecammera pe du ore aa finestra e te dicheno “ecco ‘a Videoarte” oppure ammucchieno robbe a caso e te dicheno “ecco n’Istallazione”, e più nun se capisce aa prima botta più vor dì che è Arte, e poi ‘a sera se vanno a ‘mbriacà coll’antri amichi artisti pure loro, che è come se fanno venì l’ispirazione. Mo, vabbè, avrò pure esaggerato, però pe dì, in effetti da Raffaello ‘n poi l’arte cambia, ner senso che l’artista ‘nteso come pittore o scurtore comicia a diventà sempre più na cosa diversa dall’artiggiano; perché mentre er falegname o er vasaio quanno te fanno na credenza o na zuppiera devono solo da esse bravi a usà la tecnica e li strumenti loro, nii quadri o nee statue ortre a ‘a bravura ce stanno dee Storie, tipo un sacco de idee complicate, de filosofia o de teologgia, allegorie, simboli, e quinni l’artista chii fa è considerato più importante e viè pagato de più, perché è robba intellettuale, che ‘a capisce solo chi ha studiato, e no li pezzenti. Quinni, vedi come l’artisti e l’artiggiani piano piano vengheno a diventà du cose diverse, che na cosa è ‘n orefice che te fa ‘n candelabbro e n’artra cosa è Michelangelo che te fa ‘a Cappella Sistina.  
Mo, tu me dirai “me stai a dì naturarmente che Michelangelo è mejo der fabbro.. o no?” No, io nun te dico gnente. Pe me ponno esse bravi tutteddue, ognuno a modo loro. Ma a noi quello che ce ‘mporta de capì è che ne pensaveno sti Preraffaelliti, che parla parla sii semo scordati. Loro diceveno che l’arte prima de Raffaello era mejo, popo perché era più tecnica e meno de capoccia: era n’arte fatta de boni sentimenti e valori e senza ficozzi intellettuali, e l’artista era n’artigiano che se guadagnava da vive onestamente cor lavoro dee mani sue, ciaveva ‘a botteghina sua, e faceva dee cose utili e belle a ‘o stesso tempo, e ce metteva er core. E dicenno così, sti Prearaffaelliti tiraveno na frecciata ar lavoro industriale, che ‘ncominciava popo allora, dove invece er lavoratore sta drento a na fabbrica e tutto er giorno move na machina su e giù su e giù finchè nun diventa scemo, e tutto pe produre na cosa che manco lui sa che d’è; e nun decide gnente, nun ce mette ‘a creatività sua, perché po’ solo fa quello che je dicheno de fà, e ‘o pagheno pure da fame, magari; ma siccome na cosa fatta in fabbrica costa meno de una fatta a mano, piano piano l’artiggiani scomparono, e a li Preraffaelliti je dispiace.
E ner quadro vedi Gesù bambino che sta appunto naa bottega de Giuseppe che si te ricordi faceva appunto er falegname. Come a ditte che quello era un monno sano e che er lavoro manuale nun è da schifà, e che er lavoratore nun è na merdazza che quanno nun te serve più ‘o butti via, e che pure Gesù è nato fijo de ‘n artiggiano, no fijo de papà.
Ascolta l’audio

John Everett Millais (Southampton, 1829 – Londra, 1896)

Cristo nella casa dei genitori

1849-50, Tate Britain, Londra

olio su tela, 86.4 cm × 139.7 cm

-

Mo sto pittore qua faceva parte de un gruppo, anzi pe dillo co’ parole loro, na Confraternita, detta dii Prearaffaelliti. Che verebbe a dì che se ispiraveno all’artisti prima de Raffaello, specie der Medioevo e der Quattrocento. E sarebbero artisti, quelli, che in quarche maniera ereno più artigiani che artisti ner senso moderno der termine. Oggi (o aa metà d’Oottocento, quanno sti Prearraffelliti se formeno in Inghirtera), oggi dicevo, uno dice “quello è n’artista” e te pensi - beato lui che se sveja quanno je pare, se ne va ar bare a fà colazione, se legge er giornale, se fa venì quarche idea strana, che oggi tanti artisti nun dipingheno più, ma fanno robbe tipo Videoarte o ‘Nstallazzioni, esempio che piazzeno na telecammera pe du ore aa finestra e te dicheno “ecco ‘a Videoarte” oppure ammucchieno robbe a caso e te dicheno “ecco n’Istallazione”, e più nun se capisce aa prima botta più vor dì che è Arte, e poi ‘a sera se vanno a ‘mbriacà coll’antri amichi artisti pure loro, che è come se fanno venì l’ispirazione. Mo, vabbè, avrò pure esaggerato, però pe dì, in effetti da Raffaello ‘n poi l’arte cambia, ner senso che l’artista ‘nteso come pittore o scurtore comicia a diventà sempre più na cosa diversa dall’artiggiano; perché mentre er falegname o er vasaio quanno te fanno na credenza o na zuppiera devono solo da esse bravi a usà la tecnica e li strumenti loro, nii quadri o nee statue ortre a ‘a bravura ce stanno dee Storie, tipo un sacco de idee complicate, de filosofia o de teologgia, allegorie, simboli, e quinni l’artista chii fa è considerato più importante e viè pagato de più, perché è robba intellettuale, che ‘a capisce solo chi ha studiato, e no li pezzenti. Quinni, vedi come l’artisti e l’artiggiani piano piano vengheno a diventà du cose diverse, che na cosa è ‘n orefice che te fa ‘n candelabbro e n’artra cosa è Michelangelo che te fa ‘a Cappella Sistina.  

Mo, tu me dirai “me stai a dì naturarmente che Michelangelo è mejo der fabbro.. o no?” No, io nun te dico gnente. Pe me ponno esse bravi tutteddue, ognuno a modo loro. Ma a noi quello che ce ‘mporta de capì è che ne pensaveno sti Preraffaelliti, che parla parla sii semo scordati. Loro diceveno che l’arte prima de Raffaello era mejo, popo perché era più tecnica e meno de capoccia: era n’arte fatta de boni sentimenti e valori e senza ficozzi intellettuali, e l’artista era n’artigiano che se guadagnava da vive onestamente cor lavoro dee mani sue, ciaveva ‘a botteghina sua, e faceva dee cose utili e belle a ‘o stesso tempo, e ce metteva er core. E dicenno così, sti Prearaffaelliti tiraveno na frecciata ar lavoro industriale, che ‘ncominciava popo allora, dove invece er lavoratore sta drento a na fabbrica e tutto er giorno move na machina su e giù su e giù finchè nun diventa scemo, e tutto pe produre na cosa che manco lui sa che d’è; e nun decide gnente, nun ce mette ‘a creatività sua, perché po’ solo fa quello che je dicheno de fà, e ‘o pagheno pure da fame, magari; ma siccome na cosa fatta in fabbrica costa meno de una fatta a mano, piano piano l’artiggiani scomparono, e a li Preraffaelliti je dispiace.

E ner quadro vedi Gesù bambino che sta appunto naa bottega de Giuseppe che si te ricordi faceva appunto er falegname. Come a ditte che quello era un monno sano e che er lavoro manuale nun è da schifà, e che er lavoratore nun è na merdazza che quanno nun te serve più ‘o butti via, e che pure Gesù è nato fijo de ‘n artiggiano, no fijo de papà.

Ascolta l’audio

  1. el-hijodelhombre ha rebloggato questo post da lartespiegataaitruzzi
  2. cmykren ha rebloggato questo post da lartespiegataaitruzzi
  3. scarletrose-blog ha rebloggato questo post da lartespiegataaitruzzi
  4. selene ha rebloggato questo post da axeman72
  5. listentochicken ha rebloggato questo post da lartespiegataaitruzzi
  6. axeman72 ha rebloggato questo post da lartespiegataaitruzzi
  7. ninakalliste ha rebloggato questo post da lartespiegataaitruzzi
  8. martamaybe ha rebloggato questo post da lartespiegataaitruzzi
  9. postato da lartespiegataaitruzzi