29 8 / 2013

Keith Haring (Reading, 1958 – New York, 1990)
Tuttomondo
1989, Pisa, Chiesa di Sant’Antonio abate
oltre 217 mq, vernice
-
Parlanno de graffiti tocca n’attimo distingue. Prima de tutto, nun stamo a parlà dii graffiti che faceveno l’ommini primitivi nee caverne sgrattanno er muro. Che noi se semo evoluti ‘n botto da allora.
E poi tocca dì che na cosa è er tagghe, che è ‘a scritta der nome de battaja der graffitaro, e n’antra cosa è er graffito, che è tipo popo ‘n disegno, na robba artistica. Pure se spesso comunque scritte e immaggini stanno insieme, che ricordeno un po’ quee lingue tipo li gerogrifici egizziani o l’ideogrammi giapponesi. Che pure ‘e figurine de Chitt’Eringhe sò quasi a metà, che te ‘e vedi e ‘o sai subbito che è lui: è come un marchio, na cosa a metà tra er disegno e ‘a parola.
Però nun è che Eringhe passava er tempo a scrive er nome suo sui muri, tipo ‘e regazzine che scriveno “Samantha” o “Jessica” sur diario, magari cento vorte, o sur sedile daa metro; e manco come quii writers (vraiters) che fanno dieci venti cento tagghe sui palazzi come na specie de firma pe marcà er teritorio. A parte che a me sentì “vraiters” che vor dì “scrittori” me fa venì un po’ ‘a pelle d’oca e me chiedo chi sò li scrittori davero; e poi me viè da pensà che nun basta dì “ce sto” ma tocca pure dì quarcosa sur monno. Che è appunto quello che fa Eringhe.
E infine tocca vede ndo ‘o fai sto graffito. Che spesso er graffitaro fa er disegno sur muro dove nun se potrebbe, e così lui se sente fico come si facesse parte daa Banda daa Majana mentre fa parte solo daa banda daa majetta daa salute che ‘a mamma j’ha fatta mette pe forza prima de scì de casa. Dimo così: si er muro è brutto o nun ce sta gnente, e cor graffito tuo diventa mejo, ce potemo sta. Che si Eringhe veniva e me faceva na figurina sur muro daa cucina, occhei; ma si ‘a faceva sopra a Palazzo Barberini magari no. Ma nun l’avrebbe mai fatto, ce ‘o so, perché er vero artista ‘a rispetta ‘a bellezza, pure quanno nun l’ha creata lui. Che poi, si me faceva na stronzata in cucina sai li sordi che ce facevo, moo incorniciavo e mettevo er bijetto; oppure ‘o staccavo e ‘o vennevo aa Galleria Nazionale de Arte Moderna e co li sordi me ce facevo ‘a cucina nova.
 

Keith Haring (Reading, 1958 – New York, 1990)

Tuttomondo

1989, Pisa, Chiesa di Sant’Antonio abate

oltre 217 mq, vernice

-

Parlanno de graffiti tocca n’attimo distingue. Prima de tutto, nun stamo a parlà dii graffiti che faceveno l’ommini primitivi nee caverne sgrattanno er muro. Che noi se semo evoluti ‘n botto da allora.

E poi tocca dì che na cosa è er tagghe, che è ‘a scritta der nome de battaja der graffitaro, e n’antra cosa è er graffito, che è tipo popo ‘n disegno, na robba artistica. Pure se spesso comunque scritte e immaggini stanno insieme, che ricordeno un po’ quee lingue tipo li gerogrifici egizziani o l’ideogrammi giapponesi. Che pure ‘e figurine de Chitt’Eringhe sò quasi a metà, che te ‘e vedi e ‘o sai subbito che è lui: è come un marchio, na cosa a metà tra er disegno e ‘a parola.

Però nun è che Eringhe passava er tempo a scrive er nome suo sui muri, tipo ‘e regazzine che scriveno “Samantha” o “Jessica” sur diario, magari cento vorte, o sur sedile daa metro; e manco come quii writers (vraiters) che fanno dieci venti cento tagghe sui palazzi come na specie de firma pe marcà er teritorio. A parte che a me sentì “vraiters” che vor dì “scrittori” me fa venì un po’ ‘a pelle d’oca e me chiedo chi sò li scrittori davero; e poi me viè da pensà che nun basta dì “ce sto” ma tocca pure dì quarcosa sur monno. Che è appunto quello che fa Eringhe.

E infine tocca vede ndo ‘o fai sto graffito. Che spesso er graffitaro fa er disegno sur muro dove nun se potrebbe, e così lui se sente fico come si facesse parte daa Banda daa Majana mentre fa parte solo daa banda daa majetta daa salute che ‘a mamma j’ha fatta mette pe forza prima de scì de casa. Dimo così: si er muro è brutto o nun ce sta gnente, e cor graffito tuo diventa mejo, ce potemo sta. Che si Eringhe veniva e me faceva na figurina sur muro daa cucina, occhei; ma si ‘a faceva sopra a Palazzo Barberini magari no. Ma nun l’avrebbe mai fatto, ce ‘o so, perché er vero artista ‘a rispetta ‘a bellezza, pure quanno nun l’ha creata lui. Che poi, si me faceva na stronzata in cucina sai li sordi che ce facevo, moo incorniciavo e mettevo er bijetto; oppure ‘o staccavo e ‘o vennevo aa Galleria Nazionale de Arte Moderna e co li sordi me ce facevo ‘a cucina nova.

 

  1. truetonywolf ha rebloggato questo post da lartespiegataaitruzzi
  2. leinsolitecose ha rebloggato questo post da lartespiegataaitruzzi
  3. quellochenonho ha rebloggato questo post da lartespiegataaitruzzi
  4. il-gigante-e-il-mago ha rebloggato questo post da lartespiegataaitruzzi
  5. siriatmas ha rebloggato questo post da lartespiegataaitruzzi e ha aggiunto:
    Io me lo fatto sur muro de Casa mia un murales de Keith Harring…..pe vedello me dai 2 euri
  6. crosmataditele ha rebloggato questo post da lartespiegataaitruzzi
  7. hinnula ha rebloggato questo post da zigomidaguerra
  8. zigomidaguerra ha rebloggato questo post da volevofarelessereumano
  9. volevofarelessereumano ha rebloggato questo post da lartespiegataaitruzzi
  10. arachnidcheesecake ha rebloggato questo post da lartespiegataaitruzzi
  11. massybiagio ha rebloggato questo post da lartespiegataaitruzzi
  12. elesiodakimbley ha rebloggato questo post da lartespiegataaitruzzi