26 12 / 2013


Giovanni da Fiesole, al secolo Guido di Pietro (Vicchio, 1395 circa – Roma, 1455), detto Beato Angelico
Santo Stefano condotto al martirio e lapidazione di Santo Stefano
1447-48, Cappella Nicolina, Vaticano
affresco, cm 322 x 412
-
Dato che sei sdraiato sur divano impossibbilitato a movete pe tutto er panettone e er torone che te sei magnato, e dato che oggi è santo Stefano, te becchi na bella lezioncina veloce su sta pittura der Beato Angelico, che raffigura er martirio appunto de santo Stefano.
Tanto pe comincià, non è che Beato è er nome e Angelico er cognome; anzi nessuno de sti due sò nomi veri e propri, che er tipo se chiamava Guido di Pietro; poi se fece frate e se cambiò nome, Giovanni da Fiesole; ma tutti ‘o conoscheno come Beato (che fu effettivamente fatto beato ma anche perché era un pittore tutto delicato e religioso) e Angelico poo stesso motivo.
E difatti si vedi sta scenetta che raffigura na lapidazione, ndove ar povero Stefano ‘o fanno fòri a sassate, tutto se svorge in maniera comunque elegante, quasi maestosa, e ogni personaggio fa quello che deve fà, come da copione. Sò du parti in sequenza: naa prima vedi Stefano che scappa e ‘o rincoreno, e naa seconda ‘o stanno a lapidà fòri daa città. E’ come un fumetto: e er divisorio tra scena uno e scena due er pittore taa creato co un muro, che è popo un ber muro fatto bene in prospettiva.
In pratica er Beato Angelico te vole sempre insegnà ‘e storie dii santi e daa Bibbia, in modo chiaro e pe tua edificazione spirituale, come se faceva ner medioevo; però è pure un pittore moderno, aggiornato su ‘e scoperte der Rinascimento. E quinni fa come un mix: te dice ‘a storiella bella bella, come ‘na miniatura, ce mette du spruzzi d’oro, ‘e pieghette belle stirate, al limite ripete pure i personaggi si serve aa storia; ma tii fa tutti coll’anatomia precisa scientifica che sembreno veri, e te ambienta er tutto drento a un mondo prospettico e matematico. Perché tutto, matematica e natura e arberi e gente e santi rientreno ner gran piano daa provvidenza divina.
Come dici, che vòi? Un Arcaserzer? Dici che te senti pure te un po’ come santo Stefano, co ‘n sasso su ‘o stommaco? Ma vedi d’annatene, va’.

Giovanni da Fiesole, al secolo Guido di Pietro (Vicchio, 1395 circa – Roma, 1455), detto Beato Angelico

Santo Stefano condotto al martirio e lapidazione di Santo Stefano

1447-48, Cappella Nicolina, Vaticano

affresco, cm 322 x 412

-

Dato che sei sdraiato sur divano impossibbilitato a movete pe tutto er panettone e er torone che te sei magnato, e dato che oggi è santo Stefano, te becchi na bella lezioncina veloce su sta pittura der Beato Angelico, che raffigura er martirio appunto de santo Stefano.

Tanto pe comincià, non è che Beato è er nome e Angelico er cognome; anzi nessuno de sti due sò nomi veri e propri, che er tipo se chiamava Guido di Pietro; poi se fece frate e se cambiò nome, Giovanni da Fiesole; ma tutti ‘o conoscheno come Beato (che fu effettivamente fatto beato ma anche perché era un pittore tutto delicato e religioso) e Angelico poo stesso motivo.

E difatti si vedi sta scenetta che raffigura na lapidazione, ndove ar povero Stefano ‘o fanno fòri a sassate, tutto se svorge in maniera comunque elegante, quasi maestosa, e ogni personaggio fa quello che deve fà, come da copione. Sò du parti in sequenza: naa prima vedi Stefano che scappa e ‘o rincoreno, e naa seconda ‘o stanno a lapidà fòri daa città. E’ come un fumetto: e er divisorio tra scena uno e scena due er pittore taa creato co un muro, che è popo un ber muro fatto bene in prospettiva.

In pratica er Beato Angelico te vole sempre insegnà ‘e storie dii santi e daa Bibbia, in modo chiaro e pe tua edificazione spirituale, come se faceva ner medioevo; però è pure un pittore moderno, aggiornato su ‘e scoperte der Rinascimento. E quinni fa come un mix: te dice ‘a storiella bella bella, come ‘na miniatura, ce mette du spruzzi d’oro, ‘e pieghette belle stirate, al limite ripete pure i personaggi si serve aa storia; ma tii fa tutti coll’anatomia precisa scientifica che sembreno veri, e te ambienta er tutto drento a un mondo prospettico e matematico. Perché tutto, matematica e natura e arberi e gente e santi rientreno ner gran piano daa provvidenza divina.

Come dici, che vòi? Un Arcaserzer? Dici che te senti pure te un po’ come santo Stefano, co ‘n sasso su ‘o stommaco? Ma vedi d’annatene, va’.

  1. combinazionidipiume ha rebloggato questo post da lartespiegataaitruzzi
  2. felicemastronza ha rebloggato questo post da lartespiegataaitruzzi
  3. did ha rebloggato questo post da lartespiegataaitruzzi
  4. postato da lartespiegataaitruzzi