09 1 / 2014


Dosso Dossi (Giovanni di Niccolò Luteri, Tramuschio 1486 – Ferrara 1542)
Apollo e Dafne 
1525 ca, Roma, Galleria Borghese
olio su tela, cm 191 x 116
-

‘A storia de Apollo e Dafne ce viè daa mitologgia greca ed è na storia de amore nun corisposto. Infatti a Apollo je piaceva Dafne ma Dafne nun ne voleva sapè de Apollo. No perché nun era bello, che anzi, però boh forse ce teneva aa libertà sua o forse cioo sapeva che quanno un dio se intrippa de te è pe fasse na svertina, dopo de che ciao core! te lascia co un regazzino o due e bona notte ar secchio. Fatto sta che Apollo rincore Dafne naa foresta e siccome che in effetti core più veloce, Dafne ‘o sente che ‘a sta a raggiunge, e prega li dei de sarvalla. Ed ecchetelatiè che viè trasformata in un arbero, un arbero de alloro (che anfatti in greco dafne vor dì alloro).
Sta storia è stata interpretata in un sacco de modi e dipinta e scorpita da un sacco de artisti. E qua Dosso Dossi te fa vede Dafne piccoletta su ‘o sfonno che se sta a trasformà, e Apollo in primo piano co na corona de alloro su ‘a testa, che sona er violino e guarda su per aria come a cercà l’ispirazione; e ce sta pe cantà na canzone, che magari potemo immaginà parlerà popo de st’amore suo sfortunato.
Che in effetti quanno nun potemo soddisfà na passione nostra, ce potemo però lavorà sopra pe trasformalla, che se chiama subblimazzione. Ad esempio co sta pischella o pischello che nun ce vole ce potemo diventà amici. Oppure, su st’amore nostro irealizzato ce potemo scrive na canzone o na poesia; e così, dando forma alli sentimenti sua, uno ao stesso tempo se sfoga e fa na cosa bella che pure l’artri ‘a ponno godè, e magari dì “aho sì sì, puro io me so sentito così, solo che nun lo sapevo esprime”.
E anfatti Apollo è er dio daa musica e daa poesia; e l’alloro pe l’antichi era er simbolo daa gloria ma pure daa poesia, che anfatti si ce pensi è na pianta sempreverde e profumata così come l’arte che è eterna e piacevole. E noi oggi c’alloro invece che ce famo? ‘O mettemo drento l’arosto. Così tanto semo decaduti, amico mio.

Dosso Dossi (Giovanni di Niccolò Luteri, Tramuschio 1486 – Ferrara 1542)

Apollo e Dafne

1525 ca, Roma, Galleria Borghese

olio su tela, cm 191 x 116

-

‘A storia de Apollo e Dafne ce viè daa mitologgia greca ed è na storia de amore nun corisposto. Infatti a Apollo je piaceva Dafne ma Dafne nun ne voleva sapè de Apollo. No perché nun era bello, che anzi, però boh forse ce teneva aa libertà sua o forse cioo sapeva che quanno un dio se intrippa de te è pe fasse na svertina, dopo de che ciao core! te lascia co un regazzino o due e bona notte ar secchio. Fatto sta che Apollo rincore Dafne naa foresta e siccome che in effetti core più veloce, Dafne ‘o sente che ‘a sta a raggiunge, e prega li dei de sarvalla. Ed ecchetelatiè che viè trasformata in un arbero, un arbero de alloro (che anfatti in greco dafne vor dì alloro).

Sta storia è stata interpretata in un sacco de modi e dipinta e scorpita da un sacco de artisti. E qua Dosso Dossi te fa vede Dafne piccoletta su ‘o sfonno che se sta a trasformà, e Apollo in primo piano co na corona de alloro su ‘a testa, che sona er violino e guarda su per aria come a cercà l’ispirazione; e ce sta pe cantà na canzone, che magari potemo immaginà parlerà popo de st’amore suo sfortunato.

Che in effetti quanno nun potemo soddisfà na passione nostra, ce potemo però lavorà sopra pe trasformalla, che se chiama subblimazzione. Ad esempio co sta pischella o pischello che nun ce vole ce potemo diventà amici. Oppure, su st’amore nostro irealizzato ce potemo scrive na canzone o na poesia; e così, dando forma alli sentimenti sua, uno ao stesso tempo se sfoga e fa na cosa bella che pure l’artri ‘a ponno godè, e magari dì “aho sì sì, puro io me so sentito così, solo che nun lo sapevo esprime”.

E anfatti Apollo è er dio daa musica e daa poesia; e l’alloro pe l’antichi era er simbolo daa gloria ma pure daa poesia, che anfatti si ce pensi è na pianta sempreverde e profumata così come l’arte che è eterna e piacevole. E noi oggi c’alloro invece che ce famo? ‘O mettemo drento l’arosto. Così tanto semo decaduti, amico mio.

  1. multiuniversoigor ha rebloggato questo post da lartespiegataaitruzzi
  2. galbarinisusanna ha rebloggato questo post da lartespiegataaitruzzi
  3. hellofdante ha rebloggato questo post da lartespiegataaitruzzi
  4. nididillusione ha rebloggato questo post da lartespiegataaitruzzi
  5. ziobbo ha rebloggato questo post da lartespiegataaitruzzi
  6. italiano-tan ha rebloggato questo post da lartespiegataaitruzzi
  7. eragon1001 ha rebloggato questo post da lartespiegataaitruzzi
  8. felicemastronza ha rebloggato questo post da lartespiegataaitruzzi
  9. sereppu ha rebloggato questo post da lartespiegataaitruzzi
  10. danyww ha rebloggato questo post da lartespiegataaitruzzi
  11. darkoutofthenightime ha rebloggato questo post da lartespiegataaitruzzi
  12. jhalin10 ha rebloggato questo post da lartespiegataaitruzzi
  13. combinazionidipiume ha rebloggato questo post da unoetrino
  14. unoetrino ha rebloggato questo post da lartespiegataaitruzzi e ha aggiunto:
    forever reblog l’arte spiegata ai truzzi. Diffondete!
  15. madonnaaaddolorata ha rebloggato questo post da lartespiegataaitruzzi
  16. desiriot ha rebloggato questo post da lartespiegataaitruzzi
  17. did ha rebloggato questo post da lartespiegataaitruzzi
  18. magopancione ha rebloggato questo post da lartespiegataaitruzzi
  19. ellyisanaddict ha rebloggato questo post da lartespiegataaitruzzi
  20. postato da lartespiegataaitruzzi