16 1 / 2014

Vincenzo Camuccini (Roma 1771 – 1844)
La morte di Giulio Cesare
1798 - 1805, Museo di Capodimonte, Napoli
olio su tela, cm 400 x 707

-

Arcuni penseno che l’arte nun c’è bisogno de capilla, e quinni al limite manco de insegnalla, che se po’ godè senza bisogno de spiegazioni. Questo è certamente vero: n’opera d’arte ben riuscita nun dovrebbe avè bisogno de nisuna parola, e sto blogghe mio ‘o potrei chiude oppure postà solo foto e annammene a fà na passeggiata e forse sarebbe mejo. Però io penso che siccome ogni opera d’arte nasce in un certo contesto storico, dipende pure da quello. E che certe vorte, o perché ‘a storia e li linguaggi cambieno, o perché l’arte se rinchiude drento a na specie de bolla, n’opera perde ‘a capacità de parlà aa gente normale. E siccome io ce credo che invece ‘e cose che dice l’arte sò importanti, e che ‘a voja de capì ortre che de godè è na robba umana, penso che spiegà l’arte nun è tempo perso.
Ad esempio, tu vedi sto quadro e pure senza sapè gnente pòi dì che è bello, ben fatto. Ma pe capì davero er perché e er percome, tocca sapè chi l’ha fatto e quanno e dove e compagnia bella. Pe comincià er quadro fu fatto pe un Lord ingrese e raffigura ‘a morte de Giulio Cesare, che de sicuro er Lord ciaveva in mente Sciècchespir (Shakespeare), e er pittore l’aveva letta nii storici antichi ma pure aveva visto ‘a traggedia de Vortèr (Voltaire); e quinni vedi che tocca sapè ‘a letteratura, e pure ‘a storia, nun solo antica de Cesare ma anche coeva der pittore, che ha vissuto l’epoca de Napoleone. E a Napoleone je piaceva un sacco de paragonasse a li romani e in particolare a Cesare: anche si poi sia lui che Cesare sò stati visti de vorta in vorta o come granni uomini che combatterono paa libertà oppure come tiranni. E vedi che dunque devi da sapè pure de politica, che è una dee robbe più difficili e spinose, che chi sò i boni e i cattivi nun è sempre facile capillo aa prima botta.
‘O stile der quadro è Neoclassico ma con na ‘nticchia de Romantico che nun guasta. E’ na cifra teatrale: drento na scatola prospettica fredda se svorge sto dramma, co i colori freeddi ai lati e mano mano più calli e accesi e er bianco come na palla de luce ar centro; e du onde quasi opposte de movimento che lassano ar centro un vòto, e ‘a diagonale dell’assalitori che stanno pe pugnalà Ceasre quasi come si ‘o vedessi a rallentatore. E ner massimo momento daa traggedia, pure l’esseri umani sembreno quasi trasformasse in statue.
E quinni vedi che un’opera d’arte da un lato è universale e in quarche modo isolata dar tempo che passa, sinnò nun potremmo ancora oggi apprezzà robbe de cento o mille o dumila anni fa; ma dall’antro, dato che l’artista è un essere umano come noi ma anche fijo der tempo suo, è pe forza pure collegata all’epoca in cui è stata fatta, e a tutti l’antri modi de esprimese dell’umanità, aa storia, aa politica, aa letteratura, ar teatro, aa musica e così via. E cioo so che sta cosa te spaventa, e cioo so che oggi t’ho parlato difficile. Ma è ‘a vita che nun è facile bello mio: ma sta robba più te ce addrenti e più te piace, credime.

Vincenzo Camuccini (Roma 1771 – 1844)

La morte di Giulio Cesare

1798 - 1805, Museo di Capodimonte, Napoli

olio su tela, cm 400 x 707

-

Arcuni penseno che l’arte nun c’è bisogno de capilla, e quinni al limite manco de insegnalla, che se po’ godè senza bisogno de spiegazioni. Questo è certamente vero: n’opera d’arte ben riuscita nun dovrebbe avè bisogno de nisuna parola, e sto blogghe mio ‘o potrei chiude oppure postà solo foto e annammene a fà na passeggiata e forse sarebbe mejo. Però io penso che siccome ogni opera d’arte nasce in un certo contesto storico, dipende pure da quello. E che certe vorte, o perché ‘a storia e li linguaggi cambieno, o perché l’arte se rinchiude drento a na specie de bolla, n’opera perde ‘a capacità de parlà aa gente normale. E siccome io ce credo che invece ‘e cose che dice l’arte sò importanti, e che ‘a voja de capì ortre che de godè è na robba umana, penso che spiegà l’arte nun è tempo perso.

Ad esempio, tu vedi sto quadro e pure senza sapè gnente pòi dì che è bello, ben fatto. Ma pe capì davero er perché e er percome, tocca sapè chi l’ha fatto e quanno e dove e compagnia bella. Pe comincià er quadro fu fatto pe un Lord ingrese e raffigura ‘a morte de Giulio Cesare, che de sicuro er Lord ciaveva in mente Sciècchespir (Shakespeare), e er pittore l’aveva letta nii storici antichi ma pure aveva visto ‘a traggedia de Vortèr (Voltaire); e quinni vedi che tocca sapè ‘a letteratura, e pure ‘a storia, nun solo antica de Cesare ma anche coeva der pittore, che ha vissuto l’epoca de Napoleone. E a Napoleone je piaceva un sacco de paragonasse a li romani e in particolare a Cesare: anche si poi sia lui che Cesare sò stati visti de vorta in vorta o come granni uomini che combatterono paa libertà oppure come tiranni. E vedi che dunque devi da sapè pure de politica, che è una dee robbe più difficili e spinose, che chi sò i boni e i cattivi nun è sempre facile capillo aa prima botta.

‘O stile der quadro è Neoclassico ma con na ‘nticchia de Romantico che nun guasta. E’ na cifra teatrale: drento na scatola prospettica fredda se svorge sto dramma, co i colori freeddi ai lati e mano mano più calli e accesi e er bianco come na palla de luce ar centro; e du onde quasi opposte de movimento che lassano ar centro un vòto, e ‘a diagonale dell’assalitori che stanno pe pugnalà Ceasre quasi come si ‘o vedessi a rallentatore. E ner massimo momento daa traggedia, pure l’esseri umani sembreno quasi trasformasse in statue.

E quinni vedi che un’opera d’arte da un lato è universale e in quarche modo isolata dar tempo che passa, sinnò nun potremmo ancora oggi apprezzà robbe de cento o mille o dumila anni fa; ma dall’antro, dato che l’artista è un essere umano come noi ma anche fijo der tempo suo, è pe forza pure collegata all’epoca in cui è stata fatta, e a tutti l’antri modi de esprimese dell’umanità, aa storia, aa politica, aa letteratura, ar teatro, aa musica e così via. E cioo so che sta cosa te spaventa, e cioo so che oggi t’ho parlato difficile. Ma è ‘a vita che nun è facile bello mio: ma sta robba più te ce addrenti e più te piace, credime.

  1. multiuniversoigor ha rebloggato questo post da lartespiegataaitruzzi
  2. rubbina19 ha rebloggato questo post da lartespiegataaitruzzi
  3. onthecausewaytoneverwhere ha rebloggato questo post da the-fault-in-marys-life
  4. the-fault-in-marys-life ha rebloggato questo post da lartespiegataaitruzzi e ha aggiunto:
    Italiano, grazie.
  5. you-should-know-me-better ha rebloggato questo post da lartespiegataaitruzzi
  6. combinazionidipiume ha rebloggato questo post da unoetrino
  7. eragon1001 ha rebloggato questo post da lartespiegataaitruzzi
  8. natividigitaliedizioni ha rebloggato questo post da unoetrino
  9. felicemastronza ha rebloggato questo post da lartespiegataaitruzzi
  10. ruinsofrika ha rebloggato questo post da unoetrino
  11. unoetrino ha rebloggato questo post da lartespiegataaitruzzi
  12. selene ha rebloggato questo post da axeman72
  13. lunosamentelunitoo ha rebloggato questo post da lartespiegataaitruzzi
  14. axeman72 ha rebloggato questo post da lartespiegataaitruzzi
  15. postato da lartespiegataaitruzzi