13 2 / 2014

Perin del Vaga (Pietro di Giovanni Bonaccorsi, Firenze 1501 - Roma 1547) e aiuti
Psiche scopre Amore e Amore fugge
1545-46, particolare della decorazione a fregio nella sala di Amore e Psiche, Castel Sant’Angelo, Roma
affresco ritoccato a secco, dimensioni non disponibili [circa 120 x 40 cm]

-

Questo è l’episodio centrale der mito de Amore e Psiche, che lei s’era innammorata der dio Amore, anche detto Erose – e te credo, che era er dio più bello ma che più bello nun se po’. Tanto era bello che quasi quasi n’essere umano noo poteva guardà in faccia che je se accecaveno l’occhi e je se friggeva er cervello. ‘E nozze tra sto dio e sta pischella quinni nun ereno popo na cosa  tanto paa quale: anche perchè Venere, ‘a madre de Erose, da bona socera era invidiosa e je diceva ar fijo, “Amò, lassala sta quella, viè da mamma tua, che te faccio ‘a matriciana come te piace a te”. Però aa fine Giove je dà na dispensa speciale, che se ponno sposà, ma lei nu ‘o deve guardà in faccia mai, indi per cui de notte ponno dormì insieme ma ar buio. Psiche lì per lì dice “avvabbè buio o non buio io sto ber ganzo nun moo lasso scappà”, e abbozza a dormì a luce spenta.  Però poi aho, ‘a curiosità è femmina, e na notte a Psiche je pija er nervoso e fa, “aho ma te pare che io devo da esse sposata co questo e manco ‘o posso vede”, e zitta zitta accenne na candelina e scosta er lenzolo e oooooh! Meravija! Mazzi quant’è bono aho! Mejo de Bredde Pitte, Leonardo de Caprio e Devid Becam messi assieme. E tanta l’emozzione che je trema ‘a mano che regge ‘a candela e na goccia de cera je casca su ‘a faccia de Erose che se sveja e prima cosa che fa se incazza. Ma no perché l’ha bruciato, e manco perché l’ha svejato che nun è ancora ora: bensì perché ha disobbedito aa regola nummero uno der matrimonio loro. E pija, se arza, e se ne va. E pe riconquistallo Psiche dovrà superà na serie de prove assurde che manco ar Granne Fratello o all’Isola dii Famosi se sò viste mai.
Mo, ‘a cosa bella è che sto freggio co ‘e storie de Amore e Psiche core tutt’intorno aa cammera da letto der papa, Paolo III. E te viè da chiedete come mai un papa, che dovrebbe esse tutto casto e puro e pensà solo aa robba spirituale, se fa dipigne na storia d’amore e de sesso e de passione e tutti ignudi, e in cammera da letto poi!
Ma devi da sapè che ner Rinascimento un sacco de miti pagani veniveno riletti in chiave cristiana, e puro questo qua. Che Psiche infatti in greco vor dì Anima (che anfatti ‘o pisicologo è quello che te cura ‘e malattie diciamo non der corpo ma dell’anima); e Amore viè inteso qua no come un dio qualunque ma Dio quello là, quello uno e trino. Cioè l’anima umana cerca Dio, ‘o vole raggiunge e ‘o vole capì, ma quanno che prova a guardallo in faccia gna fa e je sfugge, perché è troppo granne e infinito e ner cervelletto nostro nun c’entra: ar limite potemo dì quello che nun è, ma quello che è, manco li mejo teologi too ponno spiegà pe filo e pe segno. L’unico modo pe l’anima de avvicinasse a Dio è affrontà ‘e prove daa vita e superà l’ostacoli e l’avversità e forse forse arivi aa sarvezza finale.
Mo però, si sta bella interpretazione filosofica era solo na scusa, e ar papa in reartà, prima de annà a dormì e pe concijasse er sonno, je piaceva de guardà Amore e Psiche come mamma l’aveva fatti che se faceveno ‘e carezzine, questo io nun too so dì.

Perin del Vaga (Pietro di Giovanni Bonaccorsi, Firenze 1501 - Roma 1547) e aiuti

Psiche scopre Amore e Amore fugge

1545-46, particolare della decorazione a fregio nella sala di Amore e Psiche, Castel Sant’Angelo, Roma

affresco ritoccato a secco, dimensioni non disponibili [circa 120 x 40 cm]

-

Questo è l’episodio centrale der mito de Amore e Psiche, che lei s’era innammorata der dio Amore, anche detto Erose – e te credo, che era er dio più bello ma che più bello nun se po’. Tanto era bello che quasi quasi n’essere umano noo poteva guardà in faccia che je se accecaveno l’occhi e je se friggeva er cervello. ‘E nozze tra sto dio e sta pischella quinni nun ereno popo na cosa  tanto paa quale: anche perchè Venere, ‘a madre de Erose, da bona socera era invidiosa e je diceva ar fijo, “Amò, lassala sta quella, viè da mamma tua, che te faccio ‘a matriciana come te piace a te”. Però aa fine Giove je dà na dispensa speciale, che se ponno sposà, ma lei nu ‘o deve guardà in faccia mai, indi per cui de notte ponno dormì insieme ma ar buio. Psiche lì per lì dice “avvabbè buio o non buio io sto ber ganzo nun moo lasso scappà”, e abbozza a dormì a luce spenta.  Però poi aho, ‘a curiosità è femmina, e na notte a Psiche je pija er nervoso e fa, “aho ma te pare che io devo da esse sposata co questo e manco ‘o posso vede”, e zitta zitta accenne na candelina e scosta er lenzolo e oooooh! Meravija! Mazzi quant’è bono aho! Mejo de Bredde Pitte, Leonardo de Caprio e Devid Becam messi assieme. E tanta l’emozzione che je trema ‘a mano che regge ‘a candela e na goccia de cera je casca su ‘a faccia de Erose che se sveja e prima cosa che fa se incazza. Ma no perché l’ha bruciato, e manco perché l’ha svejato che nun è ancora ora: bensì perché ha disobbedito aa regola nummero uno der matrimonio loro. E pija, se arza, e se ne va. E pe riconquistallo Psiche dovrà superà na serie de prove assurde che manco ar Granne Fratello o all’Isola dii Famosi se sò viste mai.

Mo, ‘a cosa bella è che sto freggio co ‘e storie de Amore e Psiche core tutt’intorno aa cammera da letto der papa, Paolo III. E te viè da chiedete come mai un papa, che dovrebbe esse tutto casto e puro e pensà solo aa robba spirituale, se fa dipigne na storia d’amore e de sesso e de passione e tutti ignudi, e in cammera da letto poi!

Ma devi da sapè che ner Rinascimento un sacco de miti pagani veniveno riletti in chiave cristiana, e puro questo qua. Che Psiche infatti in greco vor dì Anima (che anfatti ‘o pisicologo è quello che te cura ‘e malattie diciamo non der corpo ma dell’anima); e Amore viè inteso qua no come un dio qualunque ma Dio quello là, quello uno e trino. Cioè l’anima umana cerca Dio, ‘o vole raggiunge e ‘o vole capì, ma quanno che prova a guardallo in faccia gna fa e je sfugge, perché è troppo granne e infinito e ner cervelletto nostro nun c’entra: ar limite potemo dì quello che nun è, ma quello che è, manco li mejo teologi too ponno spiegà pe filo e pe segno. L’unico modo pe l’anima de avvicinasse a Dio è affrontà ‘e prove daa vita e superà l’ostacoli e l’avversità e forse forse arivi aa sarvezza finale.

Mo però, si sta bella interpretazione filosofica era solo na scusa, e ar papa in reartà, prima de annà a dormì e pe concijasse er sonno, je piaceva de guardà Amore e Psiche come mamma l’aveva fatti che se faceveno ‘e carezzine, questo io nun too so dì.

  1. felicemastronza ha rebloggato questo post da lartespiegataaitruzzi
  2. jhalin10 ha rebloggato questo post da lartespiegataaitruzzi
  3. heresiae ha rebloggato questo post da lartespiegataaitruzzi
  4. picmesilly ha rebloggato questo post da lartespiegataaitruzzi
  5. lucesenzafine ha rebloggato questo post da ple0nasmos
  6. combinazionidipiume ha rebloggato questo post da lartespiegataaitruzzi
  7. lurkrr ha rebloggato questo post da lartespiegataaitruzzi
  8. ple0nasmos ha rebloggato questo post da lartespiegataaitruzzi
  9. postato da lartespiegataaitruzzi