20 2 / 2014

Pietro Perugino (Pietro di Cristoforo Vannucci, Città della Pieve, 1448 circa – Fontignano, 1523)
La consegna delle chiavi
1482, Cappella Sistina, Musei Vaticani
Affresco, cm 335 x 550
-
Devi da sapè che ner vangelo de Matteo – no, no Matteo quello der piano de sotto, san Matteo, che ha scritto uno dii quattro vangeli – Gesù je dice a Pietro – e no, no Pietro er pizzettaro all’angolo - aho comunque co te se sa quanno se comincia e nun se sa quanno se finisce, che ogni cosa tocca spiegattela, vabbè. Insomma Matteo, no cioè scusa me stai a fà confonne, Gesù je dice a Pietro, “tu sei Pietro (che nun era er nome suo ma un soprannome, come oggi sarebbe a dì Sercio, forse perché era na persona affidabile o forse perché era na capa tosta), e su sta pietra io ce fonno ‘a Chiesa mia”. Che no, aridaje, nun era un palazzinaro, se parla in senso figurato. E poi je fa “Te do ste chiavi e bada che quello che ce apri e ce chiudi vale ‘n cielo come ‘n tera” - vabbè ‘e parole so un po’ diverse ma er senso è quello.
Che poi tocca vede se è davero Gesù che dice sta cosa o nun è Matteo – sì ‘o so, prima t’ho detto Gesù, ma intendevo naa storia è Gesù che parla, però è Matteo che scrive – te stai a sconfonne? E nun sei er solo. Perché come te dicevo li studiosi nun sò popo tutti d’accordo e c’è chi dice che ste parole è Matteo che ‘e mette ‘n bocca a Gesù perché quanno Matteo scrive li cristiani ereno già diventati nun dico na Chiesa ma certo na cosa diversa dall’Ebrei, mente invece tocca vede se Gesù ce pensava pe gnente a fonnà Chiese e fà papi e dà chiavi. Ad ogni modo, sta pittura se chiama appunto ‘A consegna dee chiavi’, che nun è perché San Pietro s’era comprato ‘a machina, ma sò ‘e chiavi de sto episodio der vangelo che sò simboliche e rappresenteno l’autorità e ‘a responsabbilità su ‘a Chiesa. Che se ‘e pija Pietro, che paa Chiesa cattolica verebbe a dì er primo papa. E dopo de lui ste chiavi se ‘e sò tramannate de papa ‘n papa, fino a oggi. Sempre che, appunto.
Ma sto affresco ar Peruggino l’ha commissionato popo un papa, cioè papa Sisto Quarto, che è quello daa Cappella Sistina che anfatti sto dipinto sta lì. E lui de dubbi nun ce n’aveva che ste chiavi je spettaveno de diritto, onori e oneri compresi. E ste chiavi sò due, una d’oro e una d’argento, perché all’epoca er papa era capo du vorte, religioso e politico; e anfatti su ‘o sfonno c’è na chiesa e poi c’è l’arco de Costantino, che Costantino a li cristiani je diede ‘a libertà e er papa je n’è grato; e ce sta no una, bensì du vorte, a ribadì che er papa nun era sortanto papa e prete ma pure imperatore assieme. Come a dì, Dio m’ha date e guai a chi me ‘e tocca.

Pietro Perugino (Pietro di Cristoforo Vannucci, Città della Pieve, 1448 circa – Fontignano, 1523)

La consegna delle chiavi

1482, Cappella Sistina, Musei Vaticani

Affresco, cm 335 x 550

-

Devi da sapè che ner vangelo de Matteo – no, no Matteo quello der piano de sotto, san Matteo, che ha scritto uno dii quattro vangeli – Gesù je dice a Pietro – e no, no Pietro er pizzettaro all’angolo - aho comunque co te se sa quanno se comincia e nun se sa quanno se finisce, che ogni cosa tocca spiegattela, vabbè. Insomma Matteo, no cioè scusa me stai a fà confonne, Gesù je dice a Pietro, “tu sei Pietro (che nun era er nome suo ma un soprannome, come oggi sarebbe a dì Sercio, forse perché era na persona affidabile o forse perché era na capa tosta), e su sta pietra io ce fonno ‘a Chiesa mia”. Che no, aridaje, nun era un palazzinaro, se parla in senso figurato. E poi je fa “Te do ste chiavi e bada che quello che ce apri e ce chiudi vale ‘n cielo come ‘n tera” - vabbè ‘e parole so un po’ diverse ma er senso è quello.

Che poi tocca vede se è davero Gesù che dice sta cosa o nun è Matteo – sì ‘o so, prima t’ho detto Gesù, ma intendevo naa storia è Gesù che parla, però è Matteo che scrive – te stai a sconfonne? E nun sei er solo. Perché come te dicevo li studiosi nun sò popo tutti d’accordo e c’è chi dice che ste parole è Matteo che ‘e mette ‘n bocca a Gesù perché quanno Matteo scrive li cristiani ereno già diventati nun dico na Chiesa ma certo na cosa diversa dall’Ebrei, mente invece tocca vede se Gesù ce pensava pe gnente a fonnà Chiese e fà papi e dà chiavi. Ad ogni modo, sta pittura se chiama appunto ‘A consegna dee chiavi’, che nun è perché San Pietro s’era comprato ‘a machina, ma sò ‘e chiavi de sto episodio der vangelo che sò simboliche e rappresenteno l’autorità e ‘a responsabbilità su ‘a Chiesa. Che se ‘e pija Pietro, che paa Chiesa cattolica verebbe a dì er primo papa. E dopo de lui ste chiavi se ‘e sò tramannate de papa ‘n papa, fino a oggi. Sempre che, appunto.

Ma sto affresco ar Peruggino l’ha commissionato popo un papa, cioè papa Sisto Quarto, che è quello daa Cappella Sistina che anfatti sto dipinto sta lì. E lui de dubbi nun ce n’aveva che ste chiavi je spettaveno de diritto, onori e oneri compresi. E ste chiavi sò due, una d’oro e una d’argento, perché all’epoca er papa era capo du vorte, religioso e politico; e anfatti su ‘o sfonno c’è na chiesa e poi c’è l’arco de Costantino, che Costantino a li cristiani je diede ‘a libertà e er papa je n’è grato; e ce sta no una, bensì du vorte, a ribadì che er papa nun era sortanto papa e prete ma pure imperatore assieme. Come a dì, Dio m’ha date e guai a chi me ‘e tocca.

  1. lanzik278 ha rebloggato questo post da lartespiegataaitruzzi
  2. sereppu ha rebloggato questo post da electricalice
  3. strawberrymavi ha rebloggato questo post da lartespiegataaitruzzi
  4. eragon1001 ha rebloggato questo post da lartespiegataaitruzzi
  5. felicemastronza ha rebloggato questo post da lartespiegataaitruzzi
  6. jhalin10 ha rebloggato questo post da electricalice
  7. lurkrr ha rebloggato questo post da lartespiegataaitruzzi
  8. electricalice ha rebloggato questo post da lartespiegataaitruzzi
  9. combinazionidipiume ha rebloggato questo post da lartespiegataaitruzzi
  10. postato da lartespiegataaitruzzi