17 7 / 2014

Pittore della tomba di Nefertari

La regina Nefertari in posizione di preghiera

circa 1298–1235 a. C., Tebe, Tomba di Nefertari

pittura murale, 120 × 83 cm

-

Stele di Nemtiui

Primo periodo intermedio (2192 a.C. al 2040 a.C.); forse proveniente da Akhmim, ora a Hildesheim (Germania), Roemer und Pelizaeus Museum

Pietra calcarea, pittura su intonaco, h 48.5 cm.

-

Pe capì perché ‘e figure che faceveno l’egiziani sò così strane, bisogna scordasse pe n’attimo er modo nostro de vedè ‘e cose. Noi semo abituati che n’immagine deve da esse er più possibbile uguale a quello che vò rappresentà, come fosse na fotografia. E’ perché venimo da secoli de arte classica, ndove er concetto de base era ‘a “mimesi”, ossia che l’arte deve esse copia daa reartà.

Ma ce sò dee vorte in cui l’esattezza è meno importante daa riconoscibbilità. Te faccio n’esempio. Quanno che vai a un bagno pubblico, cerchi ‘a figurina omo o donna pe capì qual è ‘a porta giusta. Mo, nun è che l’omo è veramente fatto così, ‘a testa tonda, du zeppi pee gambe e du zeppi pee braccia, e ‘a donna uguale ma co na cosa triangolare che sarebbe er vestito: ma è pe fatte capì ar volo, “questo è n’omo e questa è na donna”, che magari vai pure de fretta che taa stai a fà sotto e nun te ne frega gnente che l’omo magari cià la barba o la donna i capelli lunghi e le ombre o i muscoli o i particolari l’occhi er naso ‘a bocca: “omo” / “donna”, tanto basta. E’ come si ce fosse scritto, “omo” e “donna”: solo che na figura ‘a ponno capì pure i stranieri che parleno n’antra lingua o li regazzini che ancora nun sanno legge.

Ecco. L’egiziani, quanno che te fanno er faraone o ‘a reggina o er dio Osiride, nun je interessa de fatte vedè che faccia ciaveva pe davero o de mettetelo in prospettiva o sotto na certa luce: te vonno dì, “questo è er faraone” o “questa è ‘a dea Iside”. Che anfatti pure ‘a scrittura loro, i geroglifici, aa fin fine è fatta così, na figurina stilizzata pe dì na parola, un concetto.

Quinni, prima de tutto, tocca fà capì che sò esseri umani. E ‘a faccia è de profilo, perché se capisce mejo che è na faccia si se vede ‘a linea der naso fronte mento; invece l’occhio è visto de fronte, perché se capisce mejo che è n’occhio. Infatti si te do un fojo de carta e te dico “disegname un occhio” sicuro a palla che me ‘o fai de fronte, caa pupilla e ‘e cija, piuttosto che de profilo che pare un ventajo un bocciolo un boh ma che è. E così, er busto de fronte ma ‘e gambe de profilo. E ‘e mani uguali, ‘a destra come ‘a sinistra, perché sò mani e basta. Dopo de che, pe specificà, er faraone cià un certo cappello e er dio Anubbi cià ‘a faccia de cane e ‘o scrivano er blocco notes, ma pe er resto sò tutti uguali, ma no perché l’egizziani s’assomijoveno tutti: non più de quanto s’assomijiamo noi, pure che in tutti i bagni der monno l’omino e ‘a donnina sò fatti a ‘o stesso modo.

  1. multiuniversoigor ha rebloggato questo post da lartespiegataaitruzzi
  2. la-posta-di-cioe ha rebloggato questo post da lartespiegataaitruzzi
  3. giuseppe64vit ha rebloggato questo post da lartespiegataaitruzzi e ha aggiunto:
    Magnifico e originale esempio divulgativo
  4. secifosseluce ha rebloggato questo post da lartespiegataaitruzzi
  5. realbraciola ha rebloggato questo post da batchiara
  6. statodivuoto ha rebloggato questo post da batchiara
  7. centaine ha rebloggato questo post da batchiara
  8. batchiara ha rebloggato questo post da lartespiegataaitruzzi
  9. sereppu ha rebloggato questo post da lartespiegataaitruzzi
  10. felicemastronza ha rebloggato questo post da lartespiegataaitruzzi
  11. microlina ha rebloggato questo post da heresiae
  12. heresiae ha rebloggato questo post da steff1024
  13. steff1024 ha rebloggato questo post da lartespiegataaitruzzi
  14. futurerovine ha rebloggato questo post da lartespiegataaitruzzi
  15. ziobbo ha rebloggato questo post da lartespiegataaitruzzi
  16. nessuncontrario ha rebloggato questo post da lartespiegataaitruzzi
  17. nessuncontrario ha detto: Te stimo