24 7 / 2014

Carla Accardi (Trapani, 1924 – Roma, 2014)
Integrazione lunga
1958, Galleria Nazionale d’Arte Moderna, Roma
tempera alla caseina su tela, cm 64,5 x 232
-
Carla Accardi era na granne artista e pure na gran donna. Nun è detto, eh. Uno o una ponno esse granni artisti ma allo stesso tempo anche granni pezzi de merda o persone insurse, noiose, maleducate, o co idee der cazzo.
Lei è stata na femminista e na communista ma soprattutto ha sottolineato quant’è importante pe ‘n artista esse libero. E pure pe na donna, e pe ‘n essere umano, se intenne.
Ad esempio, quanno che er Partito Communista de allora (‘o so che a parecchi de voi giovani truzzi pare assurdo ma in Italia c’è stato un Partito Communista) dava direttive tipo Realismo Socialista, ossia che l’arte doveva da raffigurà ‘a vita e il lavoro dell’operai, i quartieracci daa periferia, ‘a lotta de classe, ‘e vittorie der proletariato, bè l’Accardi e l’antri compari sua dell’epoca, che se faceveno chiamà Forma 1 (no Formula Uno, Forma Uno), se ribellaveno, e j’hanno detto “Abbelli, noi semo communisti come voi, però noi semo artisti e voi no, e noi volemo fà l’arte astratta, quinni ciao core”. Come a dì che uno pò avecce n’idea politica ma nun è che pe forza ‘a deve rappresentà co ‘e figurine  e ‘e storielle: na composizione de forme e colori in libertà pò esse più rivoluzionaria daa scurtura de n’operaio e na contadina co ‘a farce e eer martello in mano e ‘o sguardo retoricamente rivorto ar futuro.
Insomma, l’artista deve esse libero: pure libero de esprime l’idee politiche sue o de denuncià na cosa che je pare sbajata, si vole, ma ‘o deve fà da artista; e si decide invece de parlà de farfalle o de amore o de gnente, ‘o pò fà, e nun è che pe questo sarà a priori più o meno bravo. E questo si me posso permette è na cosa che vale na cifra pure oggi, che ce sta gente che je piace ‘n artista no perché vale, ma perché è der partito suo o perché nun è de nessun partito o perché va aa stessa parocchia: ma ‘nartista va giudicato pe l’arte sua e no pe quello che vota o che crede o che dice nee interviste.
Ma tornamo a Carletta. Lei de cose ne ha dette e ne ha scritte, ha fatto manifesti e espresso idee precise. Però, come artista, in quasi tutta l’opera sua usa na specie de scrittura astratta, come un corsivo che nun dice parole. Somija un po’ aa scrittura araba, che si nun sai ‘a lingua pare popo un ghirigoro. E nun se scordamo che l’esseri umani hanno usato le immaggini prima ancora de inventà ‘a scrittura; e molte scritture antiche, tipo i geroglifici dell’eggiziani, o anche moderne, tipo l’ideogrammi giapponesi, usano l’immagine come segno pe na parola. Poi i fenici se sò inventati l’arfabeto che ogni lettera è sempre un’immaggine, un segno, che però corisponne a un sòno. E per cui te ne bastano na ventina invece de quarantamila, che è na granne svorta. Però er segno, si ‘o guardi solo come forma, pò esse bello senza dì né sòni né parole. E pò esse bello pure fallo, er segno, come quanno scarabbocchi in automatico mentre stai ar telefono o durante ‘a lezione de matematica. E l’Accardi fa come sti granni intrecci de finta scrittura. Certe vorte usa solo bianco e nero, come qua, antre vorte colori sgargianti che parono quelli dii graffiti pe strada, antre vorte ancora colora superfici trasparenti. E te parla cor linguaggio umano e universale daa bellezza. E dije ne no.

Carla Accardi (Trapani, 1924 – Roma, 2014)

Integrazione lunga

1958, Galleria Nazionale d’Arte Moderna, Roma

tempera alla caseina su tela, cm 64,5 x 232

-

Carla Accardi era na granne artista e pure na gran donna. Nun è detto, eh. Uno o una ponno esse granni artisti ma allo stesso tempo anche granni pezzi de merda o persone insurse, noiose, maleducate, o co idee der cazzo.

Lei è stata na femminista e na communista ma soprattutto ha sottolineato quant’è importante pe ‘n artista esse libero. E pure pe na donna, e pe ‘n essere umano, se intenne.

Ad esempio, quanno che er Partito Communista de allora (‘o so che a parecchi de voi giovani truzzi pare assurdo ma in Italia c’è stato un Partito Communista) dava direttive tipo Realismo Socialista, ossia che l’arte doveva da raffigurà ‘a vita e il lavoro dell’operai, i quartieracci daa periferia, ‘a lotta de classe, ‘e vittorie der proletariato, bè l’Accardi e l’antri compari sua dell’epoca, che se faceveno chiamà Forma 1 (no Formula Uno, Forma Uno), se ribellaveno, e j’hanno detto “Abbelli, noi semo communisti come voi, però noi semo artisti e voi no, e noi volemo fà l’arte astratta, quinni ciao core”. Come a dì che uno pò avecce n’idea politica ma nun è che pe forza ‘a deve rappresentà co ‘e figurine  e ‘e storielle: na composizione de forme e colori in libertà pò esse più rivoluzionaria daa scurtura de n’operaio e na contadina co ‘a farce e eer martello in mano e ‘o sguardo retoricamente rivorto ar futuro.

Insomma, l’artista deve esse libero: pure libero de esprime l’idee politiche sue o de denuncià na cosa che je pare sbajata, si vole, ma ‘o deve fà da artista; e si decide invece de parlà de farfalle o de amore o de gnente, ‘o pò fà, e nun è che pe questo sarà a priori più o meno bravo. E questo si me posso permette è na cosa che vale na cifra pure oggi, che ce sta gente che je piace ‘n artista no perché vale, ma perché è der partito suo o perché nun è de nessun partito o perché va aa stessa parocchia: ma ‘nartista va giudicato pe l’arte sua e no pe quello che vota o che crede o che dice nee interviste.

Ma tornamo a Carletta. Lei de cose ne ha dette e ne ha scritte, ha fatto manifesti e espresso idee precise. Però, come artista, in quasi tutta l’opera sua usa na specie de scrittura astratta, come un corsivo che nun dice parole. Somija un po’ aa scrittura araba, che si nun sai ‘a lingua pare popo un ghirigoro. E nun se scordamo che l’esseri umani hanno usato le immaggini prima ancora de inventà ‘a scrittura; e molte scritture antiche, tipo i geroglifici dell’eggiziani, o anche moderne, tipo l’ideogrammi giapponesi, usano l’immagine come segno pe na parola. Poi i fenici se sò inventati l’arfabeto che ogni lettera è sempre un’immaggine, un segno, che però corisponne a un sòno. E per cui te ne bastano na ventina invece de quarantamila, che è na granne svorta. Però er segno, si ‘o guardi solo come forma, pò esse bello senza dì né sòni né parole. E pò esse bello pure fallo, er segno, come quanno scarabbocchi in automatico mentre stai ar telefono o durante ‘a lezione de matematica. E l’Accardi fa come sti granni intrecci de finta scrittura. Certe vorte usa solo bianco e nero, come qua, antre vorte colori sgargianti che parono quelli dii graffiti pe strada, antre vorte ancora colora superfici trasparenti. E te parla cor linguaggio umano e universale daa bellezza. E dije ne no.

  1. giovio64 ha rebloggato questo post da lartespiegataaitruzzi
  2. giulialalage ha rebloggato questo post da lartespiegataaitruzzi
  3. cnmetal ha rebloggato questo post da lartespiegataaitruzzi
  4. felicemastronza ha rebloggato questo post da lartespiegataaitruzzi
  5. eragon1001 ha rebloggato questo post da lartespiegataaitruzzi
  6. megliotordichemais ha rebloggato questo post da lartespiegataaitruzzi
  7. fearlessinger ha rebloggato questo post da lartespiegataaitruzzi
  8. danyww ha rebloggato questo post da lartespiegataaitruzzi
  9. ruddybug ha rebloggato questo post da lartespiegataaitruzzi
  10. combinazionidipiume ha rebloggato questo post da lartespiegataaitruzzi
  11. moonbunny-saku ha rebloggato questo post da lartespiegataaitruzzi
  12. ziobbo ha rebloggato questo post da lartespiegataaitruzzi
  13. pudentilla ha rebloggato questo post da lartespiegataaitruzzi e ha aggiunto:
    l’artespiegataaitruzzi ultimamente è diventato un blog troppo poetico
  14. postato da lartespiegataaitruzzi