21 8 / 2014

Giovanni Bellini (Venezia 1433 ca – 1516)
Ritratto di giovane 
1475-1478 circa, Bergamo, Accademia Carrara
olio su tavola, cm 33 x 27
-

Ma pensa te che un po’ de tempo fa me scriveno dall’Accademia Carara de Bergamo che dice “aho vedo che stai a usà er quadro nostro come icona der blogghe tuo”. A me m’ha pijato un córpo che pensavo aveveno rosicato o me staveno a fà causa, e invece no, porelli, anzi, er blogghe mio je piace pure! E dice “ma perché nun cioo spieghi aa maniera truzza?” Me s’è aperto er còre!
Mo, sto blogghe de accademico cià poco e gnente, diciamo che è più de Massa che de Carara e soprattutto nun è de Bergamo e se sente:: ma st’Accademia qui me sta popo simpatica; e pure sto regazzetto der quadro, che io l’ho scerto più che antro perché cià no sguardo mezzo svejo mezzo no, tipo che se gira de lato come a dì “…boh?”: che sarebbe ‘a reazione der truzzo medio de fronte all’arte. Prima de scoprì er blogghe mio, se intenne.
Comunque, come ce spiega er sito dell’Accademia stessa, che ne sa millanta più de me, “ ‘o sguardo velato de malinconia che er protagonista der dipinto rivorge verso ‘o spetattatore rammenta una dee peculiarità daa ritrattistica de Antonello” da Messina. Malinconico forse perché ancora nisuno j’aveva spiegato l’arte si no come modo pe investì li sordi, tanto che disse “me faccio fà un ritratto che mo se usa e va de moda e si nun ciai er ritratto fatto da uno famoso nun sei nisuno” (però ‘o disse in veneziano, ovvio). Come oggi si nun ciai er vestito firmato o armeno mille follouers su tuitter. 
Invece er dettajo preciso dii capelli, che in effetti pare che s’è messo er gel, che sò fatti uno a uno, e der chiaroscuro e dee pieguzze der vestito, sò un retaggio daa tradizione der padre Jacopo, che era un po’ tardogotico, signor precisetti insomma. Che anfatti er padre avea sistemato sia Giovanni che er fratello suo Gentile facennoli lavorà co lui aa bottega sua. ‘A fija femmina invece, che faje studià l’arte all’epoca pee femmine nun se usava, ‘a fece sposà sempre a un pittore famoso, Andrea Mantegna. E quinni, tra collaborazioni e matrimoni, era tutta na famija de pittori, che me immaggino ‘a sera a cena che du cojoni nun se parlava antro de “ma che hai usato te er pennello mio quoo lungo che nu ‘o trovo più” e “domani tocca che annamo a riparlà cor sor Veniero che ancora ce deve finì de pagà quaa Madonna de li mort…” Er tutto sempre in veneto, se intenne, ostregheta.
E infine sempre pe tornà ar giovane che nun sapemo er nome ma forse Jacopo, er mezzobbusto ricorda un po’ li ritratti eroici all’antica, tipo medajone o moneta de imperatore romano: un classico der Rinascimento, questo. 
E quinni vedi che sto anonimo truzzo de seicento anni fa, che ogni vorta sbircia er post mio de traverso su ‘a bacheca de Feisbuc o dar Dascebord de Tambler, co n’aria come a dì “mmm mo vedemo oggi che stronzate ha tirato fòri questa”, aa fin fine era niente popò di meno che classico, eroico, malinconico, mezzo tardogotico, e pure ben messo de saccoccia. Anacapito tiè.

 

Giovanni Bellini (Venezia 1433 ca – 1516)

Ritratto di giovane

1475-1478 circa, Bergamo, Accademia Carrara

olio su tavola, cm 33 x 27

-

Ma pensa te che un po’ de tempo fa me scriveno dall’Accademia Carara de Bergamo che dice “aho vedo che stai a usà er quadro nostro come icona der blogghe tuo”. A me m’ha pijato un córpo che pensavo aveveno rosicato o me staveno a fà causa, e invece no, porelli, anzi, er blogghe mio je piace pure! E dice “ma perché nun cioo spieghi aa maniera truzza?” Me s’è aperto er còre!

Mo, sto blogghe de accademico cià poco e gnente, diciamo che è più de Massa che de Carara e soprattutto nun è de Bergamo e se sente:: ma st’Accademia qui me sta popo simpatica; e pure sto regazzetto der quadro, che io l’ho scerto più che antro perché cià no sguardo mezzo svejo mezzo no, tipo che se gira de lato come a dì “…boh?”: che sarebbe ‘a reazione der truzzo medio de fronte all’arte. Prima de scoprì er blogghe mio, se intenne.

Comunque, come ce spiega er sito dell’Accademia stessa, che ne sa millanta più de me, “ ‘o sguardo velato de malinconia che er protagonista der dipinto rivorge verso ‘o spetattatore rammenta una dee peculiarità daa ritrattistica de Antonello” da Messina. Malinconico forse perché ancora nisuno j’aveva spiegato l’arte si no come modo pe investì li sordi, tanto che disse “me faccio fà un ritratto che mo se usa e va de moda e si nun ciai er ritratto fatto da uno famoso nun sei nisuno” (però ‘o disse in veneziano, ovvio). Come oggi si nun ciai er vestito firmato o armeno mille follouers su tuitter.

Invece er dettajo preciso dii capelli, che in effetti pare che s’è messo er gel, che sò fatti uno a uno, e der chiaroscuro e dee pieguzze der vestito, sò un retaggio daa tradizione der padre Jacopo, che era un po’ tardogotico, signor precisetti insomma. Che anfatti er padre avea sistemato sia Giovanni che er fratello suo Gentile facennoli lavorà co lui aa bottega sua. ‘A fija femmina invece, che faje studià l’arte all’epoca pee femmine nun se usava, ‘a fece sposà sempre a un pittore famoso, Andrea Mantegna. E quinni, tra collaborazioni e matrimoni, era tutta na famija de pittori, che me immaggino ‘a sera a cena che du cojoni nun se parlava antro de “ma che hai usato te er pennello mio quoo lungo che nu ‘o trovo più” e “domani tocca che annamo a riparlà cor sor Veniero che ancora ce deve finì de pagà quaa Madonna de li mort…” Er tutto sempre in veneto, se intenne, ostregheta.

E infine sempre pe tornà ar giovane che nun sapemo er nome ma forse Jacopo, er mezzobbusto ricorda un po’ li ritratti eroici all’antica, tipo medajone o moneta de imperatore romano: un classico der Rinascimento, questo.

E quinni vedi che sto anonimo truzzo de seicento anni fa, che ogni vorta sbircia er post mio de traverso su ‘a bacheca de Feisbuc o dar Dascebord de Tambler, co n’aria come a dì “mmm mo vedemo oggi che stronzate ha tirato fòri questa”, aa fin fine era niente popò di meno che classico, eroico, malinconico, mezzo tardogotico, e pure ben messo de saccoccia. Anacapito tiè.

 

  1. multiuniversoigor ha rebloggato questo post da lartespiegataaitruzzi
  2. danyww ha rebloggato questo post da lartespiegataaitruzzi
  3. eragon1001 ha rebloggato questo post da lartespiegataaitruzzi
  4. cucinacasatua ha rebloggato questo post da lurkrr
  5. felicemastronza ha rebloggato questo post da lartespiegataaitruzzi
  6. jhalin10 ha rebloggato questo post da lartespiegataaitruzzi
  7. frappas ha rebloggato questo post da lartespiegataaitruzzi
  8. lurkrr ha rebloggato questo post da lartespiegataaitruzzi
  9. did ha rebloggato questo post da lartespiegataaitruzzi
  10. misantropo ha rebloggato questo post da lartespiegataaitruzzi e ha aggiunto:
    Ironia della storia: il giovanotto che va a farsi immortalare in un ritratto viene dimenticato, mentre sappiamo “tutto”...
  11. sou-s-uke ha rebloggato questo post da lartespiegataaitruzzi
  12. megliotordichemais ha rebloggato questo post da lartespiegataaitruzzi
  13. bookslifeandeverythingelse ha rebloggato questo post da lartespiegataaitruzzi
  14. postato da lartespiegataaitruzzi